NON POSSO DIMENTICARTI di Sarah Bernardinello (Quixote Edizioni)

ATTENZIONE GIVEAWAY: UNA COPIA CARTACEA CON DEDICA DI QUESTO ROMANZO SARA' ESTRATTA TRA TUTTE LE LETTRICI CHE LASCERANNO UN COMMENTO INTERESSANTE A QUESTA RECENSIONE E UN LIKE AL LINK DELLA RECENSIONE SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK ENTRO IL 26 NOVEMBRE. IL LIBRO SARA' INVIATO AL VINCITORE NON APPENA PUBBLICATO NELLA VERSIONE CARTACEA NEL MESE DI DICEMBRE.

SIAMO ORGOGLIOSE DI AVER TENUTO A BATTESIMO SARAH BERNARDINELLO SULLE PAGINE DI QUESTO BLOG. DI RACCONTO IN RACCONTO CI HA FATTO APPASSIONARE AL SUO STILE E ALLE SUE STORIE METROPOLITANE CHE PIACCIONO ANCHE A CHI NON LEGGE ABITUALMENTE ROMANCE M/M. OGGI VI PRESENTIAMO IL SUO NUOVO ROMANZO, PUBBLICATO DA QUIXOTE EDIZIONI, CHE CONFERMA NEL FORMATO PIU' LUNGO LE SUE ABILITA' DI AUTRICE ROMANTICA. NON PIU' UNA PROMESSA MA UNA GRANDE CONFERMA. BRAVA SARAH!

AUTRICE:  SARAH BERNARDINELLO
GENERE:  M/M Contemporaneo
AMBIENTAZIONE: New York
PUBBLICAZIONE: Quixote edizioni, pp. 208 , ebook: 23 ottobre 2017, cartaceo: a dicembre 2017
LIVELLO SENSUALITÀ:  MEDIO
Disponibile in ebook a € 3,49

TRAMA: Ashley Miller è un informatico di giorno e uno dei baristi di un locale gay di notte.
Una tragedia famigliare lo ha costretto ad abbandonare l'Università per mantenersi e pagare i debiti, e le vicissitudini lo hanno reso cinico e duro, ma non è sempre stato così. Brillante studente di matematica, ma nerd timido, quattro anni prima Ash ha incontrato un ragazzo capace di fargli battere il cuore come mai gli è capitato. Purtroppo per lui, silenzi e omissioni non sono l'ideale per costruire un rapporto.
Christian Pike è un avvocato che lavora in un prestigioso studio legale di Manhattan. L'invito di un collega ad andare in un locale dove non era mai stato, si trasforma in una scoperta emozionante: il ragazzo che quattro anni prima ha crudelmente respinto a causa del suo non essere dichiarato è uno dei baristi del locale. Un ragazzo che, malgrado il tempo trascorso, non ha mai dimenticato. Chris fa di tutto affinché Ash lo perdoni per la cattiveria e le parole crudeli di cui l'ha fatto oggetto, senza però molto successo. Sarà l'intervento di un collega di Chris a far sì che Ash cominci a cambiare opinione su quel ragazzo che non è riuscito a dimenticare, facendo i conti con i ricordi e le proprie paure.



Sono passati ormai 4 anni dal giorno in cui Chris ha distrutto sul nascere un sentimento puro e prezioso. Non era pronto a svelare al mondo - e soprattutto alla sua famiglia- il suo orientamento sessuale. Bello, ricco, sicuro si sé ,con un futuro già scritto, ha avuto paura di perdere tutto e ha cancellato con cattiveria la fiducia di Ash. Ashley Miller è un ragazzo così diverso da lui, schivo, solitario, insicuro e povero, si è sempre destreggiato tra più lavori pur di poter realizzare il suo sogno: laurearsi e insegnare. Purtroppo però, dopo la morte di sua madre ha dovuto rinunciare a tutto, adesso lavora come barista in un locale gay, e sarà
proprio lì che si rincontreranno. Chris vede in quell’incontro un segno del destino, l’occasione per chiedere perdono -adesso che la sua vera natura non è più un tabù- sente il bisogno di rimediare al male fatto e, forse, di riuscire a riconquistare l’unica persona che non ha mai dimenticato. Trovo che la Bernardinello abbia saputo rendere al meglio la psicologia dei protagonisti; da un lato abbiamo Chris con le sue paure e il suo pentimento, dall’altro Ash , ferito e disilluso, che da quel giorno non è più riuscito a lasciarsi andare. All’inizio Ash è spiazzato, ma piano piano l’incredulità verrà sostituita dalla rabbia; rabbia verso il male ricevuto, rabbia verso la pretesa di un perdono che lui sente di non riuscire a concedere…. Devo confessare che, nonostante tutto, Chris è un personaggio impossibile da odiare, la sua sofferenza è sincera, così come l’amore che prova per Ash. Questo è un libro sulle seconde possibilità, sulla forza del perdono e soprattutto, sull’amore, quello puro, sincero che sfida il tempo e le avversità pur di seguire il suo corso. Un romanzo ben scritto,dolce, delicato che avrete voglia di leggere e rileggere. Davvero bella la cover.








COME INIZIA IL ROMANZO...
Quattro anni prima
Ash sedeva sulla panchina da non più di dieci minuti, quando vide arrivare il suo studente. Dennis Burke camminava come se fosse il padrone del vialetto, lo zaino sulla spalla e un'espressione annoiata sulla faccia che sarebbe sparita presto, non appena si fosse reso conto che se non aveva saputo risolvere i problemi che gli aveva dato la volta precedente, poteva scordarsi di prendere un voto decente all'esame di matematica.
Spostò lo sguardo e si accorse che quel pomeriggio era accompagnato da un ragazzo alto, dai capelli castani un po' troppo lunghi, e bello in un modo che gli strinse il cuore. Era così lontano dal suo mondo che avrebbero potuto vivere benissimo in due universi separati. Si accorse che l'amico di Dennis lo stava guardando a sua volta, e abbassò lo sguardo sul libro che teneva sulle gambe. Un buco nei jeans sdruciti attirò la sua attenzione e gli fece desiderare di andare a nascondersi.
«Ciao, Ash.» Dennis si fermò vicino alla panchina, un sorriso sul viso. «Aspetti da molto
Strano che glielo chiedesse, non gliene era mai importato molto di farlo aspettare. Dopotutto, aveva soldi da buttare, al contrario di Ash. Aveva sempre pagato per l'ora di ripetizione anche se non era completa, senza battere ciglio, e a lui andava più che bene.
Ash scosse la testa, poi spostò lo sguardo sull'accompagnatore. Dennis ammiccò, facendo un cenno verso il ragazzo accanto a lui.
«Il mio amico Christian mi ha accompagnato. Ti dispiace
«Dobbiamo studiare,» replicò lui, stringendo gli occhi dietro le lenti.
Il ragazzo, Christian, sorrise e allungò la mano. «Non vi starò fra i piedi. Dopo abbiamo un appuntamento ed era più semplice partire da qui con Dennis, invece di incontrarci più tardi
Ash considerò la mano tesa e alzò la sua. Christian la prese e la strinse, una presa forte ma gentile, che gli fece scorrere dei brividi per tutto il braccio. Ritrasse la mano di scatto, sconvolto da quella sensazione inaspettata. Vide passare il lampo di quella che sembrava emozione negli occhi azzurri dell'amico di Dennis, ma cercò di ignorarlo. Poteva sempre essersi sbagliato.
«Ashley.» Deglutì, il viso bollente. «Ash
«Ashley?» ripeté Christian. Sembrava divertito.
Arrischiò un'altra occhiata da sotto in su, verso il bel viso. «Mia mamma è una fan di Via col Vento,» disse, aspettandosi una risata o una presa in giro. Christian si limitò a sorridere.
«Gran film,» mormorò. Continuò a guardarlo, finché Dennis non gli diede una spinta.
«Fuori dai piedi, Chris. Qui dobbiamo lavorare
L'altro ridacchiò. «Okay, messaggio ricevuto. Vado a sedermi su quella panchina laggiù. A dopo.» Si girò e si diresse verso la panchina, sedendosi e tirando fuori il cellulare. Ash lo guardò per qualche altro secondo, prima di riportare la testa e gli occhi sul testo di algebra.
Per l'ora successiva cercò di concentrarsi e soprattutto di far concentrare Dennis. Il ragazzo era riuscito a risolvere due dei tre problemi che gli aveva assegnato e questo gli fece piacere. Quando glielo disse, Dennis sorrise. Aveva abbandonato l'espressione annoiata e sembrava sinceramente compiaciuto.
«Il merito è tuo, Ash. Riesci a farmi entrare quei concetti in testa meglio del professor Austin.» Gli diede una pacca sulla spalla e arricciò il naso. «Ti vedrei bene al suo posto
Ash si limitò a scuotere la testa. Non sarebbe mai successo. Avrebbe potuto lavorare come assistente, ma il posto era già stato assegnato a uno studente che non l'avrebbe meritato, se non fosse stato per i soldi di papà. Così andava il mondo. Se lo era già ripetuto varie volte, ma l'amarezza era sempre presente. Lui non ne aveva e, anche se la borsa di studio copriva i costi, doveva arrotondare con quelle lezioni. Non poteva permettere a sua madre di mantenerlo, visto che faceva già due lavori per pagare l'affitto e le bollette. L'anno seguente si sarebbe laureato, e sperava di trovare lavoro al più presto. Con i suoi voti avrebbe potuto lavorare ovunque, ma a lui piaceva insegnare.
Chiuse il libro di scatto. «Abbiamo finito, per oggi. L'esame è domani
Dennis annuì. «Domani pomeriggio
«Bene.» Ash si alzò e l'altro prese il portafoglio dalla tasca, estraendone il denaro e tendendoglielo.
«Grazie, Ash
Lui si mise in tasca le banconote. «Grazie a te.» Gettò un'occhiata all'amico di Dennis e vide che stava chiacchierando con una ragazza. Rideva ed era bellissimo. Strinse le labbra, pensando a quanto fosse patetico. «Devo andare
Prima che Dennis potesse dire qualcosa, aveva già imboccato il vialetto che portava all'istituto di matematica.
Chris si era accorto che Ash se ne stava andando, ma non riuscì a salutarlo. Stava chiacchierando con Erika, una compagna di corso, quando l'aveva visto alzarsi e dileguarsi neanche avesse avuto il diavolo alle calcagna. Era semplicemente sparito.Salutò l'amica e raggiunse Dennis sulla panchina. L'altro stava mettendo via i libri, ma sorrise vedendolo.
«Credo che l'esame sarà una passeggiata,» commentò. Sembrava più rilassato di quando erano usciti un paio d’ore prima.
«Davvero?» Stava guardando il vialetto dove era scomparso Ash. Mentre i due stavano studiando, non aveva potuto fare a meno di continuare a scrutarlo. Non aveva niente di particolare, eppure il brivido che aveva sentito quando gli aveva stretto la mano lo aveva turbato. Una mano liscia, calda, dalle dita lunghe. Si era accorto che la cosa non era sfuggita neanche al ragazzo, altrimenti non si spiegava la velocità con cui aveva sottratto la mano alla sua stretta. Chris aveva trovato adorabile il rossore che gli aveva coperto le guance pallide.
«Mmh, sì.» Dennis si alzò. «Quando Ash spiega le cose, non so come, ma mi entrano in testa. È davvero bravo. Il posto di assistente avrebbero dovuto darlo a lui.» «E invece...?» Chris si infilò le mani in tasca, guardando l'amico.«L'hanno dato a quell'idiota di Kenneth Lowley.» Dennis si mise lo zaino in spalla. «Meglio così. Almeno Ash è più disponibile
«Ci tieni a lui, eh?» Chissà perché, l'idea che Dennis tenesse ad Ash al di fuori dello studio gli faceva bruciare lo stomaco. Era una cosa stupida, ci aveva parlato per non più di cinque minuti.
«Ho preso due B negli ultimi compiti, certo che ci tengo a lui,» sbottò Dennis. «Da quando i miei voti sono migliorati, papà non minaccia più di tagliarmi i viveri
Ah. Chris tirò un inconscio sospiro di sollievo, ma qualcosa doveva essere trapelato dalla sua espressione perché Dennis gli tirò una gomitata nelle costole.
«Ehi, amico, non ti piacerà mica quel nerd, vero
«Ma se neanche lo conosco.» Chris fece una smorfia. «Non ho tempo da perdere con i secchioni
«Comunque, è gay,» commentò l'amico«E cosa te lo fa credere?» Chris si rese conto di essersi messo sulla difensiva. Per quanto Dennis avesse usato un tono neutro, sapeva che sotto c'era un certo atteggiamento omofobo, e lui non gli aveva mai rivelato il suo segreto più grande. Per quanto amici fossero, non era sicuro che l'altro non lo avrebbe guardato in modo strano, se gliene avesse parlato. Certe cose era meglio tenersele per sé, visto che non aveva ancora avuto il coraggio di dichiararsi nemmeno con la sua famiglia.«Beh, non è che parliamo. Studiamo e basta. Però l'ho visto guardare i ragazzi della confraternita di legge, sembrava parecchio interessato
*****
 ALTRI LIBRI DI SARAH BERNARDINELLO

NEW YORK STORIES (Raccolta racconti M/M)
L'amore può cambiare la tua esistenza. In qualsiasi stagione...
UN GIORNO PERFETTO PER AMARE
Rifiutato dalla sua famiglia perché gay, Antonio Alessandri, per tutti Tony, si paga il viaggio verso l'America, la terra delle opportunità. Ma anche qui non è semplice vivere. Grazie all'intercessione della sua particolare ed esuberante amica e datrice di lavoro a chiamata, trova un nuovo impiego come assistente personale presso uno studio di architettura, facendo la conoscenza con un uomo che di gentile e dolce non ha niente. All'apparenza. Nigel Howard è un architetto stimato e affermato, refrattario alle relazioni. La sua vita è il lavoro, e solo ogni tanto asseconda i propri bisogni di contatto fisico, riducendo il tutto a incontri brevi e fugaci. Finché nel suo studio non entra Tony, con la sua giovinezza e il suo fascino mediterraneo, solare come una giornata d'estate.
L'arrivo di Tony scombussolerà la sua vita perfetta e ordinata, gettandolo nel caos più totale, facendogli riconsiderare il concetto di affetto e relazione. Perché ogni giorno è perfetto per amare...
CHIAMALO, SE VUOI, AMORE
Martin Cobbs è un agente di borsa ricco e realizzato. Ma è davvero così? Vittima di una rapina, viene salvato da un misterioso gigante barbuto, ma l'incontro è di brevissima durata. Ritrova il suo salvatore in una situazione analoga, mesi dopo, e farà di tutto per conquistarsi un grammo di attenzione, senza sapere che la strada per la felicità passa per una cucina... Will Scott è un ex soldato, congedato con onore dall'esercito, che ha trovato lavoro come cuoco in una tavola calda del Village. È soddisfatto della propria vita, ha una splendida famiglia e non potrebbe chiedere di meglio. Finché non interviene in un pestaggio e l'uomo che salva vuole a tutti i costi sdebitarsi.Nel gelo dell'inverno newyorkese e delle luci del Natale, i due impareranno a conoscersi e ad apprezzarsi. Martin dovrà fare i conti con la propria solitudine affettiva, e Will con il desiderio di prendersi cura di lui. Perché amore non è solo una parola... Ti interessa questo libro? Lo puoi trovare QUI.

DUE CUORI E UN DETECTIVE ( Chicago Summer # 1)
Angel Mallory è il titolare di un'agenzia investigativa a Chicago. In una calda sera di luglio, viene assunto da Adonais Malthus, un affascinante miliardario, per recuperare un oggetto prezioso. Seguendo i passi del ladro, Angel incappa prima in un'aggressione e poi in un attraente poliziotto.
Seth Rogers, detective della CPD, si ritrova suo malgrado a soccorrere quel giovane sconosciuto. L'attrazione e il senso di protezione che prova nei confronti di Angel lo sorprendono, ma non così tanto da riuscire a farlo restare lontano dal pericolo che percepisce intorno a lui.
Per niente scoraggiato dall'azione violenta nei propri confronti, il giovane investigatore continua a indagare, scoprendo l'esistenza, per lui sconcertante, di creature che credeva sepolte nella leggenda. Ti interessa questo libro? Lo puoi trovare QUI.

*****
L'AUTRICE
Nata in Svizzera nel 1971, Sarah Bernardinello vive in Veneto, in provincia di Rovigo, a pochi chilometri dal mare. Laureata in Infermieristica nel 2003, lavora come infermiera presso il reparto di Oncoematologia dell'Ospedale di Rovigo.
Lettrice vorace fin da piccola, con un'immaginazione fervida, ha cominciato a scrivere da ragazzina. Vince il Premio Romance 2013 dei Romanzi Mondadori con il racconto storico La signora del mare, e pubblica diverse opere in antologie. Alcuni suoi racconti MM sono stati pubblicati sul nostro blog. Suoi racconti e romanzi sono stati recentemente pubblicati da Triskell edizioni e da Quixote edizioni.

VISITA LA SUA PAGINA FACEBOOK:
https://www.facebook.com/sarah.bernardinello.1?fref=ts



TI PIACEREBBE LEGGERE QUESTO LIBRO? L'HAI GIA' LETTO? COSA NE PENSI? PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE.
Grazie a chi condividerà il link di questa presentazione sulle sue pagine social.

PROVA A VINCERLO LASCIANDO UN COMMENTO INTERESSANTE A QUESTA RECENSIONE E UN LIKE AL LINK DELLA RECENSIONE SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK ENTRO IL 26 NOVEMBRE.IL LIBRO SARA' INVIATO AL VINCITORE NON APPENA PUBBLICATO NELLA VERSIONE CARTACEA NEL MESE DI DICEMBRE.



RECENSIONI: COSA SI ASPETTA IN CAMBIO CHI DISTRIBUISCE LIBRI OMAGGIO?

CARISSIME, CHI CI SEGUE SA CHE IL NOSTRO BLOG GIA' DA TEMPO HA SPOSATO LA POLITICA DELL'ASSOLUTA AUTONOMIA RISPETTO ALLE CASE EDITRICI, PER QUESTA RAGIONE PREFERIAMO EVITARE COLLABORAZIONI FISSE  E  NON PRESENTIAMO LIBRI DI AUTORI CHE NON CONOSCIAMO SOLO PERCHE' SEGNALATI DAGLI AUTORI STESSI O DAGLI EDITORI. 

IL PROBLEMA E' CHE 'COLLABORARE' SIGNIFICA FAR PARTE DI UN TEAM E NOI VOGLIAMO FAR PARTE SOLO DEL NOSTRO TEAM, IL NOSTRO E DI CHI CI LEGGE. PERCIO' LA PUBBLICITA' INDIRETTA CHE FACCIAMO AI LIBRI DI CUI PARLIAMO SULLE PAGINE DEL NOSTRO BLOG NON HA COME SCOPO AUMENTARE LE VENDITE DI QUESTO O DI QUELL' EDITORE, MA SOLO CONSIGLIARE BEI LIBRI (O SCONSIGLIARE BRUTTI LIBRI) ALLE AMICHE CHE CI SEGUONO E SOSTENGONO OGNI GIORNO. SE POI A SEGUITO DELLE NOSTRE SEGNALAZIONI SI VENDONO PIU' COPIE DEL LIBRO IN QUESTIONE, CI FA PIACERE (PERCHE' E' UN BENE PER IL SETTORE), MA SIA CHIARO CHE NON E' QUELLO IL NOSTRO SCOPO PRINCIPALE. QUELLO CHE CI MOTIVA E' SOLO LA NOSTRA PASSIONE PER QUESTO GENERE DI LETTURE.
DI CONSEGUENZA SFUGGIAMO COME LA PESTE  LE CASE EDITRICI CHE CHIEDONO (ANZI PRETENDONO) RECENSIONI POSITIVE E STELLINE A GOGO IN CAMBIO DEI LIBRI CHE MANDANO IN LETTURA. EVENTUALMENTE, SE CI INTERESSANO, I LIBRI DI QUESTI EDITORI PREFERIAMO ACQUISTARLI E POI RECENSIRLI COME CI PARE E PIACE. 

IN OGNI CASO NON E' CERTAMENTE UN SEGRETO IL FATTO CHE ALCUNE RECENSIONI A CINQUE STELLE SIANO SOSTANZIALMENTE UN MODO PER RIPAGARE L'EDITORE PER IL LIBRO RICEVUTO IN OMAGGIO. UN DO UT DES CHE PARE ESSERE DIVENTATO UNA PRATICA DIFFUSA DELL'EDITORIA DEI GIORNI NOSTRI CHE CONTA SUL PASSAPAROLA DEI SOCIAL PER VENDERE DI PIU'. D'ALTRA PARTE LE CASE EDITRICI SOSTENGONO COSTI PER I LIBRI CHE OFFRONO IN LETTURA, PERCHE' DOVREBBERO VOLER RICAVARE DAGLI STESSI PUBBLICITA' NEGATIVA? 
OSCAR WILDE DICEVA CHE L'IMPORTANTE E' CHE DI QUALCOSA SI PARLI, NON IMPORTA SE IN BENE O IN MALE, MA ALCUNE C.E. ( E AUTORI SELFIE ) SEMBRANO DECISAMENTE  PRIVILEGIARE I GIUDIZI A 5 STELLE PIUTTOSTO CHE QUELLI OGGETTIVI 'MENO SCINTILLANTI'.
MA  IL LETTORE, ALLA FINE, CHE SE NE FA DI QUESTO TIPO DI RECENSIONI ? E' CONSAPEVOLE CHE SONO FRUTTO DI UNO SCAMBIO QUANDO LE LEGGE?

RIGUARDO A QUESTO ARGOMENTO CHIARA BERETTA MAZZOTTA, REDATTRICE DEL SITO BOOKBLISTER, HA FATTO UN VIDEO MOLTO INTERESSANTE CHE CI FA PIACERE CONDIVIDERE CON VOI. 



DA LETTRICI COSA PENSATE DI QUESTO ARGOMENTO? E' VERO CHE "CHI FA GRANDI REGALI SI ASPETTA GRANDI RICOMPENSE"? 
QUANDO LEGGETE TANTE RECENSIONI POSITIVE DELO STESSO LIBRO SU SITI O RECENSIONI VI VIENE IL DUBBIO CHE NON SIANO VERITIERE? O ACQUISTATE LO STESSO? CI PIACEREBBE SAPERE IL VOSTRO PARERE A RIGUARDO.


TAXI LOVE- Tutte le strade portano al cuore di Simona Friio (Rizzoli)

Autrice: Simona Friio
Genere: Contemporaneo
Ambientazione: Milano, Italia
Pubblicazione:  Rizzoli, coll. YouFeel, giugno 2017,  pp. 121
Parte di una serie: No
Livella Sensualità:  Medio
Disponibile solo in ebook a € 2,99

TRAMA: Alice ha ventotto anni e un unico desiderio: fare carriera in una delle più importanti aziende milanesi. La mattina del tanto agognato colloquio, però, tutto sembra andare storto. La pioggia torrenziale, i collant che si rompono, un ciclista distratto... Meglio prendere un taxi e porre fine agli imprevisti. Ma anche il tassista ci si mette: per individuare il percorso da seguire si affida a una vecchia copia di Tutto Città. Già, perché Lukas Klammer è un tassista per caso, non conosce le strade di Milano, odia lo smog, odia il caos, odia l'indifferenza delle persone indaffarate. Alice si sente morire - e vorrebbe ammazzarlo. Tra i due sono subito scintille, che si moltiplicano nel corso di successivi incontri a base di equivoci, battibecchi, malintesi e mezze verità. Ma quella che sembra la persona più incompatibile con noi può trasformarsi nell'alleato ideale per risolvere problemi spinosi. E anche in qualcosa di più. Una commedia romantica movimentata come le strade di una grande città, una storia d'amore che conosce il suo percorso, senza bisogno di navigatore.




I due protagonisti sono Alice e Lukas, lei una donna che tiene molto al suo lavoro e alla sua carriera, lui tassista per caso. Sta, infatti, sostituendo il fratello Alex e ha dovuto lasciare il suo lavoro sui monti per aiutarlo. L'incontro tra i due protagonisti sulle prime non è dei migliori, ma dopo essersi rivisti per pura fatalità, cominciano a frequentarsi e così nasce anche l'amore.
La storia non è male: è carina, spiritosa, leggera e raccontata bene. Essendo il romanzo della collana YouFeel, si sa dall'inizio che non è lungo.
Personalmente non ho nulla contro la brevità di un libro, sta alla bravura di un'autrice  riuscire ad esporre tutto quello che la fantasia le suggerisce nel numero di pagine che ha a disposizione senza lasciare, alla fine,  alcuna incertezza nel lettore.
In Taxi Love  la Friio è stata abbastanza brava, ma quando ho letto la parola fine non sono rimasta del tutto soddisfatta. La storia, a mio avviso,  si sofferma un po' troppo su Alex  e le sue assenze senza spiegazioni che mettono in subbuglio la vita di Lukas e del padre senza che ne venga chiarito veramente il motivo. Ho avuto l'impressione che l'autrice abbia dovuto fare dei tagli alla trama per restare all'interno delle pagine che la casa editrice pretende, togliendo, così, gli approfondimenti necessari. Una decina di pagine in più avrebbero reso tutta la vicenda migliore.
Mi spiace per la Friio, che ho avuto modo di apprezzare come autrice nel suo storico, Magar Mulieres(vedi qui sotto). In questo caso il mio  giudizio è solo di tre cuori  perchè il numero limitato di pagine ha tolto quel pizzico di conclusione che questo libro avrebbe meritato.








ALTRI LIBRI RECENTI DI SIMONA FRIIO

L'AMORE TI HA TROVATO (Triskell ed. - pp.122 - ebook a €2,90) 
Ester e Jonathan si incontrano una mattina per caso. Il colpo di fulmine, tra quel che resta dei cocci di un vaso Ming, è inevitabile. Dopo i primi imbarazzi e la convinzione di non essere fatti l'uno per l'altra, decidono di costruire una vita insieme. Ma a un anno dal matrimonio, le aspirazioni professionali di lei e i problemi familiari di lui iniziano a far vacillare il loro sogno d'amore. Tra loro sembra essere tutto finito, ma non hanno fatto i conti con il vero Amore...
Ti interessa questo libro? Lo puoi trovare QUI.



MAGAR MULIERES - La seduzione del male (pp. 364 - ebook a €2,99)
Ducato di Milano, XVII secolo. È un giorno come gli altri quando l’inquisitore Manuel Idalgo Raya è chiamato a indagare sull’improvvisa morte di un medico, l’illustre Alfonso Della Favilla. Il corpo, trovato in una chiesa, ha scosso la coscienza di molti e lo stesso prete, Gian Mattia Oli, sembra esserne sconvolto, ma non Raya che esclude fin da subito una morte accidentale. Manuel Idalgo non risparmia nessuno e nel suo modo integerrimo e severo interroga tutti i componenti della famiglia, a cominciare dal marchese Antonio Della Favilla, il primogenito, ripudiato anni prima per le sue inclinazioni sessuali illecite e via via le sorelle di quest’ultimo, Anna e Caterina. E sarà proprio lei, Caterina Della Favilla, tanto bella quanto diabolica, a dargli del filo da torcere: una donna disposta a tutto, che usa il proprio corpo come un’arma, capace di sedurre e ammaliare, di piegare gli uomini al suo volere. Un’adescatrice che conosce l’arte della magia e maneggia con astuzia i veleni...  Mentre Milano è in preda ai tumulti popolari, che si allargano a macchia d’olio nell’indifferenza di un dominio ispanico corrotto e accentratore, che fa ancora i conti con la peste, con la carestia e l’alto tasso di mortalità, Raya è costretto a combattere una lotta ancora più ardua, quella contro se stesso.  Ti interessa questo libro? Lo puoi trovare QUI.


IL RE DEGLI INGANNI  (pp. 528 - ebook a €2,99)
È il 1387 quando Alma della Casa di Pietà raggiunge la Val d’Ossola, lasciando l’abbazia dove, sotto mentite spoglie, ha appreso gli insegnamenti dei monaci di San Gallo. La sua ambizione è emanciparsi, riscattarsi da una condizione debole e umiliante perché le femmine non sono buone a niente, questo le dicevano le consorelle prima che fuggisse dal convento natio.
A Candoglia si presenta con lo stesso nome con il quale si è ritagliata un posto alla scuola dell’abate Remigius, Goffredo, ed è in cerca di un impiego. 
La cava nei pressi del monte Orfano si dice che dia lavoro a molti. A Milano si sta costruendo la cattedrale dei Visconti e tanta operosità sembra fatta proprio al caso suo. Il Maestro di pietra, Rodolfo Della Terra, accetta di arruolarla nella squadra, ma le affida mansioni leggere. Si è accorto subito del suo fisico da signorino… Alma, affascinata dalla vita in cava, entusiasta della vita in generale al di fuori di un convento, si lascia stregare dalla quotidianità di una realtà rurale fatta di cose semplici. Impara ad apprezzare le persone e le loro debolezze. Tocca con mano la sofferenza e il dolore, quando la peste arriverà a mietere centinaia di vittime. C’è una cosa, però, che ostacola il suo desiderio di emancipazione: i sentimenti che nutre verso Rodolfo Della Terra… Ed è sotto il peso di quel segreto che Alma lascia Candoglia e approda a Milano, la città per eccellenza, il regno dei Visconti. A causa di un equivoco, però, è imprigionata nella fortezza, dove conosce Francesco Novello detto il Carrarese, erede della Signoria di Padova. Nonostante le condizioni e l’avversa circostanza della prigionia, fanno conoscenza. Escogitano un piano ed evadono, ma lei è costretta a rivelargli la propria identità.  Ti interessa questo libro? Lo puoi trovare QUI.

*****
L'AUTRICE 
Simona Friio è sposata e vive con il marito e l'adorato pastore tedesco Brendy Bell in provincia di Milano. E' diplomata in Designer della moda ma la sua vera passione resta la scrittura. Amava disegnare ancora prima di cominciare a scrivere, per cui già da piccola non si separava mai da pennarelli, cere, matite e fogli immacolati. La svolta per la scrittura però arriva con uno splendido regalo, una macchina da scrivere Olivetti rossa Ferrari che le ha permesso di dare voce alle storie che volevo raccontare, nonché di alleviare il callo dello scrittore che già aveva a soli sei anni. Legge con costanza romanzi sia di genere storico sia contemporaneo e predilige autrici classiche come la Austen, le sorelle Brontë e la Gaskell. Amministra con l'amica Mara il gruppo Facebook “Gaskell e altri rimedi” che le sta dando grandi soddisfazioni e collabora con diverse case editrici (Edizioni Croce, Jo March, Fazi, Iperborea, Sonzogno).
VISITA IL SUO SITO : 


TI INTRIGA LA TRAMA DI QUESTO LIBRO E TI PIACEREBBE LEGGERLO? L'HAI GIA' LETTO? COSA NE PENSI? PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE.

Grazie se condividerai il link di questa recensione sulle tue pagine social o la suggerirai agli amici.



NADIR (Principi azzurro sangue #5) di Paola Gianinetto (Emma Books)

Autrice: Paola Gianinetto
Genere: Paranormal, contemporaneo
Ambientazione: Brasile- Usa- Scozia
Pubblicazione: Emma books, 25 gennaio 2017, pp 374,
Livello Sensualità: MOLTO ALTO
Parte di una serie : 5° Saga Principi Azzurro Sangue
Disponibile solo in ebook a  €4,99

TRAMA: Nadir Azrel Ikdayen è un distillato di odio e vendetta. Vampiro membro del Consiglio degli Antichi, è un killer freddo e spietato che da secoli dispensa morte in silenzio, un’ombra tra le ombre dell’effimera esistenza umana. L’unica donna con cui danza è la signora con la falce; le uniche emozioni che conosce sono il desiderio e il possesso, perché nella sua oscura esistenza non c’è posto per l’amore. Quando incontra Rayane, ballerina brasiliana che si esibisce in un locale di striptease, Nadir rivede in lei la bambina che secoli prima aveva perso la vita per causa sua, la piccola umana che aveva restituito un cuore al Capitano Nero per poi portarglielo via morendo. Quella per cui aveva giurato di essere un dio. La passione per la vita di Rayane, il suo coraggio e la sua determinazione non hanno alcuna speranza di far breccia nell’animo di un essere votato alla violenza, capace soltanto di annientare, dominare, sottomettere. 
A meno che il potere dell’amore, così grande da spingerla all’estremo sacrificio, non sia abbastanza forte da regalare un nuovo cuore a chi ha perduto il suo per sempre.


Ahimè, sono arrivata al 5° libro della saga “Principi Azzurro Sangue”, è stato bello poterli leggere uno dietro l’altro, senza interruzioni e attese, ma adesso sono in crisi… Come farò ad aspettare il prossimo?
Dire che ho amato le storie e i personaggi di questa serie è riduttivo. Anche quest’ ultimo libro non fa eccezione, la Gianinetto ha dimostrato ancora una volta il suo talento e la sua bravura in un crescendo di passione e intrighi. Personaggi ben caratterizzati, ambientazione sempre vivida e affascinante, una scrittura fluida e ricercata che ricrea nella mente del lettore immagini e sensazioni e un fitto intreccio di storie, sono gli elementi distintivi di questo romanzo. 
La trama, come per gli altri libri si divide in due, la storia d’amore tra lo spietato assassino Nadir e la bella spogliarellista Rayane, e la parte suspense incentrata sulle continue dispute del Consiglio degli Antichi. Nadir, vampiro ormai da molti secoli, ha ritrovato una parvenza di umanità dopo l’incontro -400 anni prima- con una piccola schiava e la sua sorellina, da allora ha dedicato la sua vita a “eliminare carogne che non hanno il diritto di essere chiamate esseri umani”. Impegnato in prima linea a fronteggiare il nemico che minaccia la loro specie, Nadir si trova anche a dover far fede a una promessa fatta alla sua piccola amica: prendersi cura dei suoi discendenti diretti. A essere in pericolo è Rayane , ballerina nel club Dark Dreams, bella, sensuale e coraggiosa sconvolgerà completamente il gigante nero. L’attrazione tra i due sarà immediata ma, mentre Nadir cercherà di allontanare la bella umana spaventandola con il suo lato oscuro e il suo cinismo, Rayane si sentirà sempre più legata a lui, sarà l’unica in grado di scorgere il lato umano di Nadir - nascosto dietro l’immagine di letale assassino- un aspetto che lui crede di aver perso per sempre a favore della sua vita immortale.
“Non sono un vendicatore mascherato, né tantomeno un cavaliere senza macchia. Lo faccio perché mi fa stare meglio, tutto qui. È pura questione di egoismo: essere più potente di quasi tutte le creature che popolano questo pianeta tende a renderti un tantino egocentrico, col tempo.”
Sarà dura per Rayane convincerlo che per lui è disposta a tutto, anche a rinunciare alla sua vita terrena… Ho adorato le prese in giro e gli scambi tra Nadir e Gabriel, l’Antico con il viso da adolescente e lo sguardo da centenario, mi piacerebbe scoprire, magari in un libro dedicato a Gabriel, come due personalità agli antipodi come loro siano diventate così inseparabili. 
“Ti aspettavi che mi confidassi con loro, come una ragazzina durante un pigiama party con le amichette del cuore? Con loro no, ma con me sarebbe opportuno che lo facessi, temo. Se credi posso preparare i popcorn e aprire una confezione di gelato alla panna.” 
Che vi dicevo? Insieme sono adorabili! Un altro degli elementi che hanno contribuito ad alimentare la mia astinenza è il proseguo della storia tra Xavier Ventura, il mercenario umano tutto d’un pezzo e la fredda e controllata dottoressa ”Mata Hari”, io DEVO saper cosa succederà fra loro! Altro personaggio che la Gianinetto ha introdotto è Freyr un nuovo Antico (scusate il gioco di parole) da tutti ritenuto solo una leggenda, legato a Xavier da motivi a noi sconosciuti, dovrà dimostrare se potrà essere una risorsa preziosa nella lotta contro il nemico della specie. 
È superfluo dire che non vedo l’ora di volare a Siena nel prossimo libro. 







ALTRI LIBRI NELLA SAGA PRINCIPI AZZURRO SANGUE

#1 KYLER
Quando Nia scopre che la sua migliore amica Beth è in realtà un vampiro, lo shock è terribile. Ma dopo lo spavento iniziale decide di accettarla per quel che è e di cominciare a conoscere il suo mondo, di cui fanno parte altri vampiri. 
Tra loro c’è anche Kyler: pericoloso, affascinante e tremendamente sensuale. E Nia non può far altro che abbandonarsi all’amore. Ma il pericolo incombe su questa passione appena divampata.
Il primo libro della saga Principi Azzurro Sangue, con protagonisti i vampiri di Windhill, vi lascerà con il fiato sospeso, tra incontri travolgenti, imprese emozionanti e un alto tasso di sensualità. Ti interessa questo libro? Lo puoi trovare QUI.

#2 PATRICK
Far innamorare un vampiro può essere pericoloso. 
Ne sa qualcosa Anita, antropologa italiana affascinata dal mondo degli immortali e decisa a raccogliere prove sulla loro esistenza. Quando la ragazza si ritrova, suo malgrado, oggetto del desiderio di un giovane e sprovveduto vampiro, viene convocato Patrick Moran, uno degli Antichi più temuti, il quale, rendendosi conto della minaccia, decide che c’è un’unica soluzione: uccidere Anita. Sì, perché Anita, in quanto Discendente, è in parte immune dalla manipolazione mentale che i vampiri sono soliti esercitare per controllare gli umani. Ma Patrick ha un cuore e non se la sente di eliminare un’innocente. Non solo. Con lei Patrick riscopre sentimenti umani che credeva ormai perduti. Ma il pericolo degli altri Antichi incombe su di loro.
Dopo l’enorme successo di Kyler, Paola Gianinetto torna con la sua saga Principi azzurro sangue. Un romanzo di suspense e passione, da leggere tutto d’un fiato.Ti interessa questo libro? Lo puoi trovare QUI.

#3 LIAM
Elizabeth Hayes non è una ragazzina romantica, non sogna il grande amore e non è capace di piangere. Ha perso l’innocenza settant’anni fa, quando uno sconosciuto le ha succhiato via la vita su un marciapiede, trasformandola in qualcosa che lei non voleva essere. 
Beth ora è una vampira, una creatura forte e invincibile, e ha giurato che non permetterà più a nessuno di farle del male. Ha un unico punto debole, che tiene nascosto a chiunque: un disperato bisogno di provare delle emozioni, di lasciarsi andare, di perdere il ferreo controllo che esercita su se stessa e sugli altri. Quando incontra di nuovo Kevin, il dolce e coraggioso ragazzo pronto, per lei, a sfidare l’orrore, si illude di poter trovare un po’ di pace, ma Kevin non possiede quello di cui Beth ha bisogno. A differenza di Liam Blake, il crudele Antico dagli occhi viola ossessionato dal dolore e dal desiderio di vendetta.
Ma, qualche volta, il rimedio può essere più pericoloso del male…Ti interessa questo libro? Lo puoi trovare QUI.

#3.5 BLU OLTREMARE
All’improvviso, senza alcuna ragione apparente, Kevin Walker perde ogni interesse per la vita e lascia la propria casa, il lavoro e gli amici per rifugiarsi a Staten Island in un piccolo capanno di pesca in riva al mare. Con la sola compagnia di una rabbia profonda e devastante e del desiderio di trovare la fine, perché se persino l’oceano non continua all’infinito, prima o poi, da qualche parte, dovrà finire anche lui. Ma il destino ha altri programmi, è deciso a metterlo di fronte al suo incubo e a fargli incontrare, dall’altro lato del mare, l’unica persona in grado di aiutarlo a uscirne. Il destino o qualcosa di ancora più potente, che viene dritto da un oscuro passato che non gli appartiene più… Ti interessa questo libro? Lo puoi trovare QUI.

#4 AIDAN
Da quasi quattrocento anni, Aidan Kane nutre la propria immortalità di incrollabile ironia e della passione di migliaia di donne. Alle occasionali amanti concede un assaggio della sua sublime arte amatoria di dio del sesso, regalando loro un pezzetto di paradiso in cambio di attimi in grado di rompere la monotonia dell’eternità. Poi, una sera, lei entra nella sua vita. Phoebe. La piccola ninfa dai capelli rossi e gli immensi occhi verde prato, destinata a farlo cadere dal sottile filo su cui cammina, in bilico, da quattro secoli. L’agnellino coraggioso che per ottenere quello che vuole si infila senza paura nella tana del lupo, che guarda la tigre dritto negli occhi, perché sa che quello è il suo destino. Costretto suo malgrado a starle accanto per proteggerla, Aidan scoprirà che, dei due, è lei quella più forte. Travolto dal piccolo vulcano dai capelli di fiamma, si lascerà prendere per mano e trascinare in fondo al pozzo, fino ad affrontare il suo terribile segreto, il mostro che per secoli aveva tenuto in catene. In una cornice fuori dal mondo, dove tutto ha avuto inizio, i due si scontreranno e solo uno ne uscirà vincitore. Ma niente è mai come sembra. Ti interessa questo libro? Lo puoi trovare QUI.

****
L'AUTRICE
PAOLA GIANINETTO vive a Torino e lavora da molti anni come adattatrice dialoghista per la televisione. Quando da bambina le chiedevano “Che cosa vuoi fare da grande?”, rispondeva “La scrittrice”, ma per lei era come dire “l’astronauta” o “la rockstar”. Anche da grande. Poi, un giorno per caso, ci ha provato, e non ha più staccato gli occhi dal computer finché non ha finito il suo primo romanzo.
La prima persona a cui l’ha fatto leggere le ha detto: provochi in me quella famosa sensazione di “vorrei abitare in quella storia”, un mix di sogno e nostalgia, non saprei esattamente, sprigiona calore. Allora ha capito che, comunque andasse, ce l’aveva fatta.

VISITA LA SUA PAGINA FACEBOOK:

TI INTRIGA LA TRAMA DI QUESTO ROMANZO E TI PIACEREBBE LEGGERLO? L'HAI GIA' LETTO?  CONOSCI QUESTA SERIE? COSA NE PENSI? PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE.
Grazie se condividerai il link di questa recensione sulle tue pagine social o la suggerirai agli amici.

525 - LA GUERRA DI SEAN E AGNES di Naike Ror



Autrice: Naike Ror
Genere: Contemporaneo
Ambientazione: Derry- Irlanda del Nord
Pubblicazione: Naike Ror , 30 0ttobre 2017, pp.426, €13,52
Livello sensualità: ALTO
Parte di una serie: Spin off della serie R.U.D.E.
Disponibile in ebook a €0,99

TRAMA:  «Andiamo a cena una di queste sere?» propose Sean.
«No» replicò brutale Agnes.
«Al cinema?»
«No!»
«In una spa dove ci possono coprire di fango termale?»
«Se vuoi essere coperto di fango ci penso io e non c’è bisogno di andare in una spa.» 
«Dimmi dove, a che ora e mi faccio trovare nudo.» Agnes camminò fino alla finestra e Sean allungò il passo chiudendole la strada. «Lasciati andare per qualche istante! Ho provato a cercarti in altre donne, ma che senso ha? Andiamo a cena una di queste sere, solo noi due, se vuoi mi ammanetti così sarai certa che non ti toccherò.»
«Apprezzo i tentativi, ma la risposta è sempre no.» 
Agnes si allontanò da lui poggiando la schiena al bancone. Sean si avvicinò ancora di più.
«Non mi arrenderò» le disse.
«Cerco un uomo onesto, responsabile e tu non lo sei!» 
«Ti ho parlato delle mie palle blu, più onesto di così! E sulla responsabilità non puoi accusarmi del contrario perché non vuoi mettermi alla prova.»
«Non posso rischiare di farlo» replicò seria cercando proprio in Sean un appiglio. Lui capì che quella era l’occasione giusta per farla capitolare del tutto. 
«Andiamoci piano, Agnes, ti chiedo solo una cena. Decidi tu dove e come.» 
Lei scosse la testa e lui ripercorse i passi del loro primo bacio. Le afferrò il viso e mise semplicemente le labbra su quelle di Agnes. Lei provò ad allontanarlo ma il tentativo risultò ridicolo. Se la loro guerra era sbocciata attraverso lo scontro di cervelli seguito solo dopo dal contatto fisico, Sean sperava di percorrere con quel gesto la strada inversa; voleva di nuovo la Agnes combattiva, la Agnes guerriera che deponeva le armi solo quando raggiungeva le sicure braccia di un uomo capace di proteggerla. Sean voleva rassicurarla su quella sua promessa e la strinse forte a sé incastrandola tra il bancone e il suo corpo. «Agnes» sussurrò sulle sue labbra. «Una serata, io e te» ripeté.
«Tu mi farai soffrire, Sean.»
«Non lo farò ed esiste sempre la possibilità che sarai tu a fare del male a me.» 
«Allora vedi che ho ragione a tenerti lontano?» Sean la baciò di nuovo, con più dolcezza. 
«Smettila e fidati almeno un po’, conosciamoci prima, altrimenti come faremo a soffrire per davvero?»


In 366, mentre Donald e Isabel imparavano ad amarsi, la Ror ha stuzzicato la nostra curiosità con le continue frecciate tra Sean e Agnes, a distanza di pochi mesi eccoci di nuovo a Derry per scoprire come si sono evolute le cose tra loro. Ma facciamo un passo indietro… 
Agnes diciassettenne impulsiva e ribelle si è lasciata alle spalle la sua casa, ormai diventata una prigione di lusso, per seguire l’amore della sua vita, Brian Castle. Purtroppo l’amore non è bastato per tirare avanti e i due fuggitivi si sono trovati presto a fare i conti con la dura realtà. Agnes non avrebbe mai pensato che sarebbe finita a spacciare e drogarsi e soprattutto mai avrebbe immaginato di finire in carcere. A distanza di otto anni Agnes sente di aver commesso troppi errori, adesso ha 25 anni, ha bisogno di stabilità, di un posto da poter chiamare casa- che non sia solo una stanza condivisa della casa famiglia- e soprattutto di un lavoro che le consenta di dare una vita tranquilla a Georgie,sua figlia, l’unica nota positiva di un passato da dimenticare. Quando finalmente sente di essere riuscita a mettere in sesto la sua vita, l’asilo per Georgie , la stanza in affitto e un lavoro in grado di mantenerle, il suo equilibrio viene sconvolto da Sean. Sean è tutto quello che lei non vuole, bello, sexy, sicuro di se, un eterno Peter Pan con la battuta sempre pronta, tanta voglia di divertirsi e nessuna di impegnarsi. All’inizio si studiano da lontano continuando a punzecchiarsi alla minima occasione- devo ammettere che ho riso di gusto- tra nomignoli buffi e doppi sensi quei due sono uno spasso. Poco per volta però, l’attrazione reciproca diventa difficile da ignorare,ce se Sean è deciso a provare, Agnes ha troppo da perdere per lasciarsi andare, ha paura di soffrire di nuovo e adesso non è più sola, ha una bambina di 3 anni a cui pensare. Sarà l’ansia per le sorti di Isabel a creare le circostanze per farli avvicinare. Tutto sembra perfetto fino a quando Brian reclama il suo ruolo di padre della piccola Georgie. Agnes è spaventata e arrabbiata, ha bisogno di sostegno per poter affrontare l’ennesimo colpo basso che la vita le ha assestato, ma Sean non le è d’aiuto. E′ geloso del tempo che Brian passa con Georgie e comincia a dubitare del vero motivo che spinge Agnes ad assecondare le richieste del suo ex, riguardo alla bambina. La situazione diventa insostenibile fino all’inevitabile rottura.
‟Abbiamo poche valigie ma un passato pesante e qualcuno qui non ha abbastanza palle per sopportarlo. „
Agnes e Sean sono simili, passionali, istintivi e impulsivi, si amano con forza e purtroppo si feriscono allo stesso modo. La strada per tornare insieme sarà irta di difficoltà, colpi bassi e lacrime ma credetemi amerete ogni minuto. L’unico punto che mi è sembrato lacunoso e un po’ inverosimile è stato l’inganno fatto da Agnes alla sua famiglia, passato in sordina e dimenticato senza conseguenze.
La scrittura fluida, l’ambientazione vivida e sempre presente, fanno da cornice ad un romanzo in grado di regalare tante emozioni. Soffrirete con loro, per i loro silenzi, per l’orgoglio che li allontana, avrete voglia di prendere a calci Sean e di scuotere Agnes ma non potrete fare a meno di tifare per loro e alla fine di gioire con loro. Sarà una vera e propria guerra.








La sinossi pubblica un dialogo dei due protagonisti. Le battute sono veloci, pronte, argute, divertenti e a volte amare. Effettivamente è una "guerra" tra Sean e Agnes, che nasce da orgoglio, diffidenza, timore, ma l'ho ritenuta a volte esagerata. La storia è partita bene, però, secondo me, la parte centrale è stata lenta e ho provato un certo fastidio nel leggere solo le frecciate che si rivolgono i due protagonisti. Nonostante Agnes abbia un passato doloroso (per per questo ha tutta la mia comprensione per certi suoi atteggiamenti) a volte il suo modo di fare l'ho trovato capriccioso, come del resto Sean, che ha 40 anni, ma che talvolta si comporta come un ragazzino. 
L'epilogo è felice, però sono rimasta un po' stupita per le spiegazioni date a una vicenda tra la protagonista e la sua ricchissima e spocchiosa famiglia d'origine. Ho trovato superficialità e la giustificazione data non mi ha soddisfatto per niente. Ho preferito il libro su Donal e Isabel.








COME INIZIA IL ROMANZO...
Prologo Il cuore di Agnes batteva forte.Lui era tornato.Lui non si era dimenticato della promessa che le aveva fatto.Lui l’amava per davvero.Trattenendo il più splendente dei sorrisi, lesse per l’ennesima volta il messaggio che le aveva fatto recapitare, chiuse il suo armadietto e nascose il bigliettino tra i libri di storia dell’arte. Con passo veloce si avviò verso l’aula del professor O’Tulle.«Agnes, non correre!» Carol DeMar la affiancò. Agnes sperava di averla seminata durante la ricreazione, ma Carol si era rivelata un osso duro. Non la perdeva di vista nemmeno per un momento, la seguiva ovunque. «Aspettami, andiamo insieme! Che fine hai fatto a pranzo?»«Non avevo appetito e volevo ripassare la lezione.»«Stasera cosa indosserai? Dio come sono agitata! Ho saputo che tua madre ti
ha comprato un originale Saint Lauren«Non lo so, ha fatto tutto lei e, come ben sai, non mi è concesso esprimere il mio pensiero» rispose atona, mascherando un’ironia che tanto Carol non avrebbe compreso.«Dio Agnes, hai sempre voglia di lamentarti!» Carol la prese sotto braccio. «Stasera ci sarà anche Thomas.» «Tutto quello che dici deve cominciare con stasera? E Thomas non mi piace. È pieno di brufoli, ha un alito pestilenziale ed è sempre serio.»«I brufoli passano col tempo, i denti si possono lavare e deve essere serio! Sta per entrare all’U.C.L. e diventerà un architetto di successo mica un clown! I suoi hanno appena comprato una barca a vela enorme, lo sapevi?»«Soffro di mal di mare.» Carol sbuffò. Agnes non riusciva davvero a comprendere tutto quell’entusiasmo.«Sei noiosa Agnes Marie O’Neill.»«Sei tu che ti ecciti per una stupida festa, Carol comecavolofaidisecondonome DeMar.»«Non è stupida! Stasera per me è importante! Quando tuo zio torna a Belfast è sempre un evento.» Garrick O’Neill, ovvero il fratello di suo padre, aveva fatto fortuna politica dall’altra parte dell’oceano, in New Jersey, fino ad occupare la poltrona di senatore e ogni volta che tornava a casa i suoi genitori organizzavano una festa esclusiva quanto sfarzosa, per ricordare a tutti chi erano i più influenti e ricchi protestanti di Belfast. I genitori di Agnes, infatti, provenivano da due delle più facoltose famiglie nordirlandesi e ogni volta che c’era da mostrare soldi e potere non si facevano scrupoli, soprattutto se dovevano far sentire inferiori gli altri simili. «Mia madre è emozionata quanto me, è la prima volta che vengo invitata a una festa così importante.» Agnes alzò gli occhi al cielo. Inutile dire che, al contrario di Carol, lei non ne poteva più e l’unica cosa che la emozionava dipendeva da quel foglietto che aveva nascosto. Appena fossero iniziati gli spettacoli pirotecnici sarebbe sgattaiolata via, fino alla dependance accanto alla piscina e avrebbe raggiunto il ragazzo che amava e che non si era dimenticato di lei. «Tu non sei felice?»«Sì, sono felice» replicò con il solito tono inespressivo.Insieme entrarono nell’aula e si sedettero in fondo alla stanza. Agnes sistemò i suoi libri davanti a sé e nel farlo il polsino della sua giacca si alzò.«Cos’hai lì?» domandò Carol. Agnes coprì immediatamente il polso. «Non sarà mica un tatuaggio vero!» Certo che era un tatuaggio vero! Un funghetto pedina del Monopoly, perché proprio giocando a Monopoly si era innamorata per la prima volta due anni prima.«Ma no che non è un tatuaggio vero! È solo uno stupido disegnino che ho fatto durante l’ora di francese.» Carol ridacchiò.«Per un attimo ho creduto fosse vero. Tua madre morirebbe dalla vergogna!» Agnes sospirò.Sua madre sarebbe morta di vergogna per molto, molto meno.
****
ALTRI LIBRI DELLA SERIE R.U.D.E.

ROYLE (Serie R.u.d.e. Vol. 1)

È inquietante svegliarsi dopo quattro giorni di coma e rendersi conto di essere stata catapultata nove anni avanti nel tempo. Questo è ciò che accade a Daisy: nove anni di vita spariti nel nulla, gli amici più cari, i propri amatissimi genitori, la tranquilla vita di studente liceale.
E persino Royle, il suo grande amore. Tutto sparito.
Al loro posto, una vita in cui Daisy non si riconosce affatto, una donna che non si sarebbe mai aspettata di diventare, una personalità ammantata di segreti.
In un crescendo di tensione ed emozioni, Daisy cercherà di dipanare i misteri che l’hanno travolta e che coinvolgono anche lo splendido e affascinante Royle”. Ti interessa questo libro? Lo puoi trovare QUI.

USHEEN (Serie R.u.d.e. Vol. 2)
Il controllo sulle proprie emozioni è una necessità, per Ryana Murphy.
La sua esistenza è scandita da regole ben precise, almeno finché Samuel McQueen, reporter con una passione per gli alcolici, irrompe nella sua vita portando con sé dubbi e agghiaccianti sospetti sul passato della famiglia Murphy.
Vivere a Derry, in Irlanda del Nord, non è facile; tra quelle strade, spesso è il credo religioso a fare la differenza. Usheen Doherty indossa una divisa, mentre percorre i quartieri intrisi del sangue di una guerra solo apparentemente sedata e rincorre la giustizia con metodi non sempre convenzionali. Qualcuno pensa che combatta dalla parte sbagliata, altri credono che la sua missione sia legittima. Solo Usheen sa quale sia la verità. 
Sotto la sottile pioggia irlandese, Ryana e Usheen incroceranno i loro destini, lotteranno una contro l’altro per reclamare la vendetta che da anni bramano, fino a illudersi di averla vinta. Le varianti al loro piano saranno numerose, i tranelli insidiosi e la verità brutalmente distorta.  Ti interessa questo libro? Lo puoi trovare QUI.

SPIN-OFF
366 - LA FAVOLA DI DONAL E ISABEL
Donal sospirò contrariato.
«Senti Isabel.» Sbottò. «Potremmo nasconderci dietro a "Mille altri dieci argomenti da evitare al primo appuntamento", ma la verità dei fatti è che siamo impediti in queste cose. Non…» si fermò alla ricerca delle parole. «Io non sono uno da gesti eclatanti, colpi di scena romantici e, a peggiorare la situazione, ammetto di avere una pessima tempistica negli approcci. Potrei andarmene, certo, però rimarrei con il rimorso di non aver almeno provato a baciarti.» Isabel lo guardava, immobile, silenziosa. Quel discorso era pericolosamente ambiguo. «Se ti dico questo è perché ho come il presentimento che se facessi un passo verso di te, tu potresti urlare e non è la reazione che vorrei provocarti.» Isabel lo guardò ancora. «Ovviamente con questo non voglio dire che ogni volta che mi avvicinerò a te vorrò baciarti, ma stasera l’intenzione era quella e, magari, sapere cosa ne pensi renderebbe tutto questo meno… ridicolo.»
«"Ridicolo"?» Ripeté lei.
«Abbastanza.» Isabel percepì l’imbarazzo di Donal e si sentì per la prima volta al suo stesso livello.
«Hai ragione Donal, siamo impediti.» Si sorrisero. «Non vorrei essere intimorita dalla tua presenza e ti giuro che le mie reazioni sono spontanee. Forse avrei dovuto indossare dei tacchi per sentirmi meno piccola accanto a te.»
Donal tornò a guardarla proprio come prima che lei sgattaiolasse via.
Isabel capì che quello era un momento che non voleva perdere, così, stringendo forte l’orlo del suo cappotto, attese che lui si avvicinasse.
«Sicura che non urlerai?» Le domandò.
Lei annuì.
Lui fece un primo passo, poi un secondo e Isabel chiuse gli occhi. «Respira, altrimenti invece che baciarti mi toccherà farti la respirazione bocca a bocca.» Isabel ridacchiò e finalmente Donal la baciò.
Questa è la favola di Donal e Isabel. Ti interessa questo libro? Lo puoi trovare QUI.

****
L'AUTRICE
Naike Ror ha iniziato a scrivere da ragazzina ma alla pubblicazione ha pensato solo nel 2014, approfittando dell'arrivo del self-publishing, inizialmente in modo un po' superficiale poi con sempre maggior impegno, guadagnandosi nel tempo la fiducia di un sempre crescente numero di lettori. Fin ora ha scritto due serie romance, di cui una contemporanea (No One Likes Us) e una romantic suspense con sfumature dark e ambientazioni young adult (R.u.d.e). Naike ha già programmato per il prossimo futuro un  nuovo spin-off della serie R.u.d.e e altri romanzi che non vede l'ora di iniziare.

VISITA LA SUA PAGINA FACEBOOK:


TI PIACEREBBE LEGGERE QUESTO LIBRO? L'HAI GIA' LETTO? COSA NE PENSI? PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE.
Grazie se condividerai il link di questa recensione sulle tue pagine social o la consiglierai ad un amico.

SEGUITE TRAMITE EMAIL

I RACCONTI RS SELEZIONATI DAL BLOG ORA IN EBOOK!

I MIEI PREFERITI / ROMANZI A 5 CUORI !

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

I contenuti e le immagini sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi ed appartengono ai loro proprietari. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei propri diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK
Clicca sull'immagine e vai alla nostra pagina FB

NOI CON VOI...GUARDA IL VIDEO!