Il racconto di San Valentino: PARENTI A SORPRESA di Edy Tassi

QUESTO RACCONTO E' LA SECONDA PARTE DEL DELIZIOSO STRENNE A SORPRESA CHE HA PARTECIPATO ALLA RASSEGNA CHRISTMAS IN LOVE 2014 E VINTO COME RACCONTO "PREFERITO DELLE BLOGGER DI LA MIA BIBLIOTECA ROMANTICA". 
SE NON AVETE LETTO STRENNE A SORPRESA VI CONSIGLIAMO CALDAMENTE DI FARLO PRIMA DI LEGGERE QUESTO. LO POTETE TROVARE QUI. BUONA LETTURA!

11 febbraio – Il Dubbio
 «Questa valigetta comincia a darmi sui nervi.» Susan distolse lo sguardo dalla strada e lanciò un’occhiata a Nicole. «Sarebbe ora che ti decidessi. Prima non la vuoi, poi la rivuoi.»
         «Tecnicamente non la rivoglio. Non per sempre.» Nicole si mordicchiò l’unghia del mignolo e si voltò a guardare fuori dal finestrino. «Mi serve una sola volta ancora.»
         «Secondo me ci stai prendendo gusto.» Susan le diede una piccola gomitata nel fianco per richiamare la sua attenzione. «No, dico, ma l’hai vista poi quella tizia? Quella Nichole?» Simulò un brivido. «Con quel tailleur nero e i capelli rigidi di lacca, scommetto che si diverte un mondo a vendere frustini e manette. Non vorrai diventare così anche tu, vero?»
         Nicole si sfiorò automaticamente i capelli scuri, che le scendevano naturali oltre le spalle. «Io non diventerò come lei perché non voglio diventare una venditrice della Pure Passion.»
         «Però hai di nuovo quella valigetta in mano.»
         Nicole abbassò lo sguardo sul trolley rosso con le due P intrecciate. «Per poco.»
         «Avanti, dimmi la verità. Tu e il tuo bel notaio per san Valentino avete in mente di provare tutti gli articoli?»
         «Assolutamente no!» Nicole si voltò di nuovo verso il finestrino, mentre davanti ai suoi occhi prendeva forma un’immagine di Robert Stockwood a petto nudo e con i polsi ammanettati alla testiera del letto. Ok, forse assolutamente no era una presa di posizione un po’ troppo precipitosa. Legare un uomo all’apparenza rigido e compassato come Stockwood poteva riservare insospettabili e interessanti sorprese.
         «Oh, andiamo...» sbuffò Susan. «Uno che entra in un sexy shop per comprarti dei perizomi di pizzo, una qualche inclinazione ai giochini di fantasia deve pur averla.» Le strizzò l’occhio, mentre metteva la freccia per parcheggiare davanti al loro appartamento. «Scommetto che fate scintille.»
         «In realtà non ci siamo ancora nemmeno baciati.»
         Susan inchiodò di colpo, facendo stridere i freni, e Nicole si sentì proiettare in avanti. Afferrò istintivamente la valigetta, per evitare che le cadesse su un piede, mentre la cintura di sicurezza entrava in azione e la strattonava indietro.
         «Cosa?! Tu e Mister Notaio non vi siete ancora baciati?» Susan la guardava incredula. Una macchina le superò strombazzando e Susan le fece un gestaccio. «Ma scherzi? Sono passati quanti...» iniziò a contare sulle dita. «Quasi due mesi e mezzo!»
         «Due mesi, cinque giorni e...» Nicole guardò l’orologio, «sedici ore» concluse con una smorfia.
         «Be’, da questo calcolo approssimativo direi che la cosa non ti pesa.»
         «Neanche un po’.» Nicole sollevò una spalla. «È solo che sono un tipo preciso.»
         «Sì, certo.» Susan la guardò con la fronte corrugata. «Scusa, ma perché non me l’hai detto?»
         «Perché mi avresti fatto solo un sacco di domande.»
         «Non è vero.»
         «A no? E adesso cosa stai facendo?»
         Susan la guardò offesa. «Mi preoccupo per te. Non è normale che un uomo inviti fuori una donna per due mesi e mezzo.» Alzò una mano. «Due mesi, cinque giorni, sedici ore, e non la baci mai.»
         Nicole seguì con il dito la curva sinuosa delle due P sulla valigetta, senza rispondere.
         «E cosa facevate, scusa?» la incalzò Susan.
         «Vedi? Mi tormenti di domande!»
         «Mi sembra normale, accidenti. E poi mi hai raccontato un sacco di balle. Qui quella che dovrebbe prendersela sono io, sai? Arrivavi a casa con aria tutta sognante. Mi raccontavi di incontri romantici. E poi neanche un bacio?!»
         «Erano romantici.» Ripensò alle tre cene a lume di candela. Ai due cinema. Alle quattro passeggiate... di cui teneva il conto sempre per amor di precisione, ovvio!
         «Come no.» Susan la guardò con aria scettica.
         «Mancava solo la ciliegina sulla torta» insistette debolmente Nicole.
         «Mancava la torta!» Susan tamburellò pensosa sul volante. «Non sarà gay?»
         Nicole si irrigidì. «No!» esclamò di getto. «No, no, no! Assolutamente!» Un uomo come Robert Stockwood non poteva essere gay. Con quegli occhi di cioccolato denso e vellutato che la accarezzavano morbidi e intensi? Con quelle mani nervose e maschili?
         «Magari esce con te come copertura. Sai, un notaio famoso. Di uno studio famoso. Di una famiglia in vista.» Susan rigirava il coltello nella piaga.
         «Ti dico di no!»
         «E come fai a esserne sicura, se non ti ha mai baciata?»
         «Sono sicura e basta.» Nicole ricominciò a mordicchiarsi l’unghia.
         «Vedo!» Susan le lanciò un’occhiatina scettica.
         «È solo che mi rispetta.»
         «Sì, va be’.» Susan scoppiò a ridere. «Te l’ha detto lui?»
         «No, ma...»
         «Secondo me dovresti metterlo alla prova. Voglio dire, va bene rispettarti, va bene essere un uomo d’altri tempi, ma qui la situazione sta diventando preoccupante.»
         «E quindi?»
         «La prossima volta saltagli addosso tu! Se dietro a questi modi ottocenteschi si nasconde un po’ di passione, non si tirerà indietro, no? Quand’è che dovete vedervi?»
         «Dopodomani.»
         «Be’, promette bene. Il tredici febbraio non è proprio San Valentino, ma tirando un po’ per le lunghe potrebbe diventarlo.»
         «Dici che dovrei farmi avanti?»
         «Dopo più di due mesi che uscite? Direi di sì! Se è gay o non è interessato a te, meglio scoprirlo subito no?» Susan inserì la marcia e iniziò a parcheggiare.
         Nicole ci rifletté su, mentre Susan faceva manovra. Meglio continuare a uscire con un uomo affascinante ma che non si faceva mai avanti, o cercare di forzargli la mano e rischiare di ritrovarsi di nuovo a passare il sabato sera a guardare Britain’s Got Talent con un pacchetto di Oreo in mano?
         Ripensò agli occhi di Robert, alle sue labbra, alle sue mani. E subito sentì disegnarsi sulla schiena un grande brivido a forma di SÌ!!!!!!!
         «Hai ragione» dichiarò decisa. «Ha detto che dopodomani è un’occasione importante.» Rivolse a Susan una strizzatina d’occhio. «Io la farò diventare indimenticabile.»
         Susan spense il motore. «Così ti voglio! E già che ci sei, infilati uno di quei babydoll che ci sono lì dentro» fece un cenno con la testa in direzione della valigetta. «Non si sa mai che una volta scaldati i motori, il tuo Robert non ingrani la quinta e vi ritroviate a fare cose folli sul sedile posteriore del suo maggiolone!» Corrugò la fronte. «A proposito. Non mi hai ancora detto perché abbiamo di nuovo quella valigetta tra i piedi.»
         «Domani devo fare una piccola dimostrazione.»
         «Allora vedi che ho ragione? Stai pensando di diventare una venditrice della Pure Passion. Chissà se si sapesse in giro.» Scosse la testa con una risatina. «L’integerrimo notaio che esce con una venditrice di vibratori!»
         «Smettila. Lo devo fare una volta sola.»
         «E per chi?»
         «Una tizia dello studio di Robert. Sta organizzando un addio al nubilato per un’amica. Ma è molto timida e non se la sente di entrare in un sexy shop a comprare tutti quei gadget che si usano adesso.»
         «E perché non manda qualcun altro?»
         «Perché la sposa è la sua migliore amica e si aspetta che faccia tutto lei.» Nicole aprì la portiera, scese e aspettò che Susan chiudesse la macchina.
         «Quindi ha chiesto aiuto a te?»
         «Be’, la storia del vibratore che balla la hula ha fatto il giro dello studio.» Le sfuggì un sorrisino al ricordo. «E lei pensava che potessi ancora recuperare qualche articolo. Sai, della serie che una volta che entri nel giro...»
         «Ti ha preso per una specie di spacciatrice di frustini e stimolatori clitoridei?»
         «Qualcosa del genere. Non piazzerei io l’ordine. Devo solo farle vedere gli articoli. Compiliamo il modulo e poi riportiamo tutto a Nichole con la H. Sandy preferisce parlare con me, visto che mi conosce già. Per lei sarebbe meno imbarazzante, dice.» Guardò Susan con un gran sorriso. «Per questo avrei bisogno di un altro favore da te.»
         Susan alzò gli occhi al cielo. «Un altro?»
         «Piccolissimo!»
         «Spara.»
         «Sandy mi ha chiesto di vederci durante la pausa pranzo. Potresti tenerci libero un tavolino nel tuo locale?»
         «Durante la pausa pranzo? Con tutto il viavai che c’è? Non mi sembra il posto adatto per far vedere dei perizomi commestibili a una che ha paura di entrare in un sexy shop.»
         «Un tavolino d’angolo» insistette Nicole.
         Susan sbuffò e Nicole lo prese per un sì.

 12 febbraio – La presentazione
          «Ecco, e questo è un bellissimo...»
         «Metti via, metti via!» Sandy agitò le mani come un uccellino che cerca di spiccare il volo.
         Nicole represse un sospiro e contò fino a dieci.
         «Ok, allora guarda questo.» Teneva la valigetta sulle ginocchia, semichiusa, e cercava di tirare fuori un cerchietto con la scritta Sex in cima a due antennine colorate, che volendo si illuminavano di lucine intermittenti.
         «Metti via, metti via!» ripeté Sandy, sempre con lo stesso frullio d’ali.
         «Sandy» cominciò Nicole, un po’ esasperata.
         «Ecco qui, ragazze! Un bel tè caldo e la specialità della casa.» Susan appoggiò sul tavolo due tazze e due piattini con della torta di mele.
         Nicole accolse quel diversivo con un sospiro di sollievo. Durante la pausa pranzo, lei e Sandy si erano incontrate come da programma nel bar dove lavorava Susan, che aveva mantenuto la parola e aveva riservato loro il tavolino più appartato della sala. Nonostante ciò, la dimostrazione degli articoli della Pure Passion si stava svolgendo con qualche difficoltà, perché ogni volta che lei cercava di tirare fuori un articolo, Sandy iniziava ad agitare le mani, bisbigliando metti via, metti via! e guardandosi attorno rossa di imbarazzo. Come se tutto il locale stesse facendo caso proprio a loro!
         Si voltò verso la sala. Com’era prevedibile non le stava guardando nessuno.
         Quasi nessuno.
         Un paio di tavolini più in là, una donna sorseggiava il suo tè e le osservava pensierosa. Era sulla sessantina, forse anche qualcosa in più. La tipica signora bene, di quelle con il twin-set e la collana di perle.
         «Allora, come procedono gli acquisti?» Susan si appoggiò il vassoio vuoto su un fianco. «Nicole ti ha già fatto vedere il pezzo forte? Con un vibratore così, chi ha più bisogno di un uomo?» E diede un colpetto di gomito a Sandy, che si era appena portata la tazza alle labbra.
         Nicole lanciò un’occhiataccia a Susan che gliela restituì, come a dire che c’è?, mentre Sandy si guardava attorno per l’ennesima volta a occhi spalancati e un rossore violento su tutto il viso.
         Quando abbassò la tazza, le tremavano tanto le mani che si sentì la porcellana rimbalzare un paio di volte sul piattino.
         «Io... non credo di farcela...» sospirò poi. «Non posso comprare quella... roba...» aggiunse, quasi senza nemmeno sfiorare con lo sguardo la valigetta rossa che Nicole teneva ancora sulle gambe.
         «Ehi!» esclamò Susan, «non stiamo mica parlando di droga, qui. Stiamo parlando di giochini, di oggetti divertenti. Non prenderla tanto sul serio.»
         «Lo so, è che io...»
         «Avanti, Nicole.» Susan indicò con il mento la valigetta rossa. «Tira fuori la belva.»
         «La belva?» domandò Sandy, che sembrava sul punto di farsi il segno della croce.
         Susan strizzò l’occhio a Nicole. «Sì, la belva. Se regali questo alla tua amica, potrebbe addirittura decidere che un marito non le serve più! Vero Nicole?»
         «Ehm... sì» Nicole vedeva il panico negli occhi di Sandy. La ragazza le faceva pena, ma d’altra parte non potevano stare lì tutto il pomeriggio a parlare di articoli che Sandy non riusciva nemmeno a guardare, figurarsi comprare. Tanto valeva mettere delle crocette a caso sul modulo d’ordine e buonanotte. E in effetti nemmeno lei si sentiva molto a suo agio, al momento. Con la sua voce squillante Susan stava richiamando l’attenzione della gente, che cominciava a guardarle incuriosita. Il che era esattamente quello che Sandy avrebbe voluto evitare. E, tutto sommato, lei anche.
         Si voltò e incrociò lo sguardo della Donna-con-le-perle. Che stavolta le osservava molto meno meditabonda. Forse per via di quel sopracciglio inarcato? Sembrava proprio una di quelle signore che non sorseggiano il tè, lo sorbiscono. Che non mangiano una fetta di torta, la degustano.
         «Susan, puoi abbassare la voce?» le chiese, mentre rovistava nella valigetta alla ricerca dell’articolo che avrebbe di sicuro dato il colpo di grazia a Sandy.
         «Sto urlando?»
         «Non proprio. Però la gente ci guarda.»
         «E qual è il problema? Avanti, da’ qua» insistette Susan, allungando la mano.
         «Tieni, ma...» non sventolarlo in giro. Ecco, appunto.
         Susan brandì il vibratore rosa Big Babol come fosse un microfono e lo agitò davanti agli occhi di Sandy. «Questo è il Santo Graal di tutti i vibratori, cara la mia ragazza!» poi lanciò un’occhiata a Nicole come a dire guarda e impara. «Osserva che linea elegante, che dimensioni.» Sfiorò il materiale liscio e colorato. «Questo capolavoro è stato pensato fin nei minimi particolari per diventare un compagno insostituibile per qualsiasi donna!»
         E mentre agitava il vibratore, Nicole cercava di portarglielo via di mano.
         «Susan» sibilò, «smettila! Ridammelo! Cosa diavolo ti è preso? La gente ci guarda!»
         Susan le regalò un sorrisino divertito. «Scommettiamo che te ne esci da qui con almeno tre o quattro ordini in più del previsto? Guarda come ci osservano interessate le signore presenti. Un aggeggio così se lo sognano tutte. E ora, grazie a te, hanno l’occasione di acquistarlo. Vero Sandy?»
         Nicole approfittò del momento di distrazione di Susan per strapparle di mano il vibratore e si girò verso Sandy. Negli ultimi secondi la ragazza aveva smesso di emettere i suoi soliti pigolii. Sembrava non avere più le forze per esalare un solo metti via. Probabilmente era svenuta dall’imbarazzo.
         Invece no.
         Sandy fissava qualcosa alle loro spalle. Lo fissava terrorizzata. Cosa poteva essere?
         Nicole si voltò, seguendo la direzione del suo sguardo, e si trovò davanti la Donna-con-le-perle, impettita come un manico di scopa, i gelidi occhi verdi puntati con disgusto sul vibratore.   Nicole si sentì come una bambina colta in fallo. Appunto!, quasi le sfuggì una risatina isterica. E si rese a malapena conto di Sandy che si alzava di scatto in un tintinnio di tazze, piatti e cucchiaini.
         «Io, io devo andare. La pausa è finita» mormorò Sandy.
         Anche Nicole si alzò, cercando di capire. «Ma, l’ordine...»
         «Mi spiace, ti ringrazio ma troverò qualcos’altro.» Sembrava avere di colpo una fretta folle di andarsene. E continuava a guardare in direzione della signora impettita e scandalizzata dietro di loro. Incespicò nella gamba di una sedia e allungò la mano per trovare un appiglio. Inavvertitamente si aggrappò al vibratore che si mise in funzione. Sandy ritirò subito la mano con un lamento, come se il vibratore fosse una sbarra di ferro incandescente, e scappò di corsa dal locale.
         Nicole la seguì perplessa con lo sguardo, mentre il vibratore continuava ad agitarsi allegramente nella sua mano.
         Cosa diavolo le era preso?
         Le persone attorno a lei ridacchiavano fra l’imbarazzato e il divertito, osservando più o meno apertamente il vibratore che metteva volenteroso in mostra tutte le sue qualità. L’unica che sembrava volerlo incenerire era la Donna-con-le-perle.

 13 febbraio – Che fatica la seduzione
          «Ciao, Nicole.» Robert le aprì la portiera del maggiolone con fare galante.
         O era più da gay?
         Cioè, i gay aprivano galantemente le portiere alle donne? Forse sì. Sarebbe stato un gesto molto premuroso e si sa che i gay erano persone sensibili. Però aprire la portiera era anche un gesto da gentiluomo. Un po’ d’altri tempi. E Robert era un uomo d’altri tempi: non l’aveva ancora baciata! Il che poteva solo dire che era un cavaliere. O un gay.
         Nicole alzò gli occhi al cielo mentre Robert faceva il giro della macchina e si sedeva vicino a lei, portando con sé uno sbuffo di aria fredda e un vago sentore di muschio. Il profumo di Robert. Così virile. Nicole non vedeva l’ora di annusarlo direttamente sulla sua pelle, non attraverso strati di vestiti.
         Senza dare troppo nell’occhio, si agitò un po’ sul sedile per far scostare i lembi del cappotto e permettere a Robert di sbirciare le sue gambe.
         Ma Robert era intento a guidare.
         Si agitò ancora un po’, in modo che l’orlo del vestito nero risalisse di qualche centimetro.
         «Qualcosa non va?» le chiese lui, senza staccare gli occhi dalla strada.
         «No, no.»
         Forse il buio dell’abitacolo non aiutava.
         Alzò una mano alla ricerca della lucina. «Posso?»
         «Certo, devi cercare qualcosa?»
         «Sì, sai, nella borsetta.»
         Robert la precedette e le loro dita si sfiorarono. Calde quelle di Robert. Gelide le sue.
         Colpa dell’ansia.
         Certo che Robert avrebbe potuto collaborare facendo qualcosa di vagamente sconveniente. Tipo abbassare lo sguardo.
         Afferrò la borsetta, finse di rovistare, poi l’appoggiò sul fondo della macchina. E accavallò le gambe.
         Le scavallò.
         Le riaccavallò.
         Niente.
         «Dove andiamo?» chiese, agitandosi ancora un po’, in modo che l’orlo del vestito risalisse di qualche millimetro.
         «Sorpresa.»
         Nicole appoggiò una mano sul ginocchio e iniziò a tamburellare con le dita, per richiamare l’attenzione di Robert.
         «Nervosa?» le chiese lui.
         Nicole represse un moto di esasperazione. La seduzione era una dannata seccatura. Proprio a lei doveva capitare un gentiluomo d’altri tempi? O un gay?
         Basta!
         Da quando Susan le aveva messo quella pulce nell’orecchio, non aveva più pace.
         Lo sbirciò da sotto le ciglia. Profilo severo, capelli scuri che sfioravano il cappotto nero, una bocca maschile, un filo di barba. No, Robert Stockwood era uomo fino al midollo. Doveva solo imparare a sciogliersi un po’. Poverino, da piccolo doveva avere avuto una balia tedesca, doveva aver frequentato uno di quei college dove ti inamidano perfino le mutande, e certo passare tutto il giorno in quello studio, dove anche i ritratti sui muri si davano del lei, non doveva aiutare ad avere un atteggiamento rilassato.
         «Sai, ogni tanto ripenso a come ci siamo conosciuti.»
         Lui arricciò un angolo della bocca. «Anche io.»
         «Voglio dire, avresti potuto pensare chissà cosa di me...»
         «Infatti l’ho pensata.»
         Davvero? O bella.
         «E cos’hai pensato?» Si mosse ancora un po’ e il lembi del cappotto lasciarono scoperti altri centimetri di gamba.
         «Che eri buffa.»
         Ah. Poco promettente, direi.
         «Buffa?»
         «Adorabile?» ci riprovò lui, lanciandole un’occhiata divertita, ma senza abbassare abbastanza lo sguardo per notare lo spettacolo di cui avrebbe potuto godere un po’ più sotto.
         Nicole si agitò ancora per mettersi leggermente di fianco. Se la gonna fosse salita più di così, Robert si sarebbe fatto un’idea piuttosto precisa della biancheria che indossava. Il che a ben pensarci non sarebbe stato un male.
         «Continui ad agitarti. Sicura che vada tutto bene?»
         No che non va tutto bene!, avrebbe voluto urlare Nicole. Invece si immobilizzò. Non voleva passare per una che aveva l’orticaria. Voleva essere seducente. Certo, lui non le stava rendendo la vita facile. Ma decise di non darsi per vinta. Quella sera Robert Stockwood non se la sarebbe cavata con due complimenti e qualche gesto cavalleresco.
         «Adorabile va meglio» sussurrò, appoggiandogli una mano sulla gamba.
         Sentì il muscolo irrigidirsi e lo prese per un buon segno. Se ad azione corrispondeva reazione, lei avrebbe fatto in modo che nel giro di un quarto d’ora fossero entrambi senza più un solo capo di abbigliamento addosso!
         «E non hai mai pensato di usare con me i giocattoli che ti mostravo?»
         Di nuovo la coscia di Robert si contrasse. Lui abbandonò la strada con lo sguardo e si voltò verso di lei. Serio. Poi, lentamente, i suoi occhi scivolarono verso il basso. Il maggiolone sbandò e Nicole soffocò un sorrisino. Poi si coprì la bocca con una mano.
         «Oh, scusa! Con tutto quell’agitarmi mi è risalita la gonna...» Prese l’orlo e lo tirò giù, rivolgendo a Robert un’occhiatina contrita.
         Lo vide deglutire e di nuovo avvertì il muscolo della coscia contrarsi.
         «Questa ti serve ancora?» le chiese lui con voce roca, accennando a spegnere la luce.
         «No grazie.» Gli sorrise, attese qualche secondo, poi si slacciò un bottone del cappotto, mettendo in mostra uno scorcio di scollatura e sventolandosi con la mano.
         «Hai caldo?» Subito Robert regolò la temperatura dell’abitacolo.
         No, che non aveva caldo. Anzi, con quell’abitino che aveva sotto il cappotto, in cui alla scollatura sarebbe bastato allungare la mano per fare amicizia con l’orlo della gonna, aveva decisamente freddo. Sentì l’aria condizionata contro la gola e sperò che la serata valesse una polmonite.
         Poi si accorse che avevano abbandonato la strada principale e avevano imboccato un lungo viale costeggiato da grandi alberi spogli. Il terreno gelato appariva e scompariva davanti alle luci dei fari. Sembrava una proprietà privata.
         E Nicole ebbe un’illuminazione improvvisa. Inquietante.
         «Stiamo andando a casa tua?» La voce era una via di mezzo fra un pigolio strozzato e un’unghia che gratta sulla lavagna.
         No, no, no!
         Robert si voltò e le sorrise.
         «Esatto!»
         Di colpo Nicole avvertì un caldo soffocante.
         «Ehm... e ci saranno anche i tuoi?» Non l’aveva nemmeno ancora baciata e già la presentava ai suoi?
         «Come ti ho detto, è un’occasione molto importante. Mia nonna compie novantacinque anni.»
         La temperatura di Nicole raggiunse livelli da magma. Non poteva entrare a casa Stockwood. Non con quel vestito addosso! Era un vestito pensato per sedurre Robert, non per festeggiare i novantacinque anni della nonna!
         Maledizione!
         Quanto mai aveva dato retta a Susan. Fatti avanti, seducilo. Certo! E adesso si sarebbe ritrovata lei davanti agli Stockwood, con un vestitino da coniglietta addosso. Cioè, non proprio da coniglietta. Però sufficientemente scollato e corto da far alzare più di un sopracciglio.
         Represse un gemito.
         La festa della nonna! Di tutti gli uomini che potevano capitarle, le era capitato uno che la vigilia di San Valentino la portava alla festa della nonna!
         Era una cosa da gay?
         Al diavolo, a chi importava? Gay o non gay, lei non poteva entrare in casa Stockwood vestita com’era vestita.
         Osservò il viale con apprensione. Quando mancava alla villa? Perché in fondo a quel giardino sterminato non poteva esserci che una villa.
         E infatti, pochi istanti dopo, Robert fermò il maggiolone davanti a un’imponente struttura vittoriana. Sicuramente di proprietà degli Stockwood da generazioni. Quante minigonne si erano viste in quelle stanze? Poche, c’era da scommetterci. E probabilmente neanche un perizoma.
         Doveva fare qualcosa. Assolutamente!
         Rimase ferma ad aspettare che Robert le aprisse la portiera e quando scese dalla macchina fece in modo che il cappotto si aprisse ancora di più, mostrando tutto il mostrabile.
         Robert si irrigidì.
         Peggio per lui. Se mi avesse detto dove saremmo andati, mi sarei vestita diversamente. E se mi avesse baciata prima, ora non mi troverei in questa situazione imbarazzante.
         «Spero che in casa abbiano acceso tutti i camini» le disse lui, senza staccare lo sguardo dalle sue gambe, ancora con quella voce roca.
         «Hai paura che abbia freddo?» Nicole gli si avvicinò. «Be’, potrei sempre tenere addosso il cappotto.» Gli sfiorò con un dito la manica. «Oppure potresti scaldarmi tu.»
         Nota mentale: le scene di seduzione mi fanno sentire una cretina.
         Lo sguardo di Robert si incatenò al suo, mentre chiudeva la portiera con un colpo secco.
         «Sai come scaldare una donna?» insistette Nicole, piegando la testa di lato. Doveva convincerlo ad andarsene. Doveva fargli capire che la serata sarebbe stata molto più interessante se non avessero oltrepassato quella porta.
         Robert aveva la mascella contratta. Si passò una mano fra i capelli, scompigliandoli quel tanto che bastava per sembrare ancora più sexy.
         «Allora? Sai farlo?»
         Lui rimase a fissarla in silenzio qualche secondo, lo sguardo una colata di cioccolato fuso così ardente che lei quasi ne percepì il calore e il sapore sulle labbra.
         «Sì.»
         Nicole gli credette sulla parola. Era bastata quella sillaba per farle andare a fuoco il perizoma.
         «Presentami tua nonna un’altra volta e dimostramelo.» Gli andò ancora più vicino e insinuò le mani all’interno del suo cappotto, sospirando soddisfatta quando sentì il tepore del corpo di Robert. E la sensazione compatta dei suoi addominali.
         Però!
         Robert le mise le mani sulle spalle. Nicole pregò che non la respingesse. Ma invece sentì le sue dita stringersi e improvvisamente le labbra di Robert furono sulle sue.
         Erano calde, morbide. Maschie al punto giusto. Proprio come piacevano a lei. Le sentì scivolare su di sé e rabbrividì fino all’ultimo millimetro di pelle.
         Sfilò le mani dal cappotto di Robert e gliele insinuò nei capelli, strappandogli un mormorio soddisfatto. Il battito del cuore le vibrava dentro come una specie di tamburo lontano. Si strinse a lui.
         «Andiamo da qualche parte, Robert...» Chi se ne fregava del vestito, chi se ne fregava della nonna. Voleva finire quello che avevano cominciato e basta.
         «Robert!»
         C’era l’eco? Probabilmente sì. Con tutto quello spazio attorno... Certo che era un’eco strana. Aveva un certo ritardo. E sembrava un tantino scandalizzata.
         «Robert!»
         L’eco insisteva.
         Nicole sentì Robert che si staccava da lei.
         «Mamma...»
         Nicole emise un mormorio contrariato. «Se cominci a chiamarmi mamma al primo bacio, non credo che il nostro rapporto andrà avanti molto, sai?»
         Silenzio.
         Nicole mise il broncio e aprì gli occhi.
         E lì si accorse che Robert non stava guardando lei, ma un punto oltre le sue spalle.
         Si voltò e provò quasi un mancamento, davanti alla Donna-con-le-perle.
         Accidenti!
         La signora Stockwood si irrigidì immediatamente come un soldatino di piombo. La faccia le si accartocciò in un’espressione disgustata che durò meno di un nanosecondo, poi si ricompose in un sorrisino tirato, a beneficio del figlio. «Robert, tesoro. Sei in ritardo!»
         Sei. Non siete.
         La serata prometteva molto bene. Nicole inspirò a fondo e immaginò che faccia avrebbe fatto la madre di Robert alla vista del suo vestitino.
  
13 febbraio – Antenata a sorpresa

Nicole se ne stava in un angolo del grande salone, vicino al camino. Il vestitino con cui avrebbe dovuto sedurre Robert non era certo adatto per una serata in un’antica magione fatta di saloni che non si sarebbero riscaldati nemmeno durante un incendio. Inoltre, Robert era sparito con Rockwood e Stonewood, i due soci più anziani dello studio, per parlare di chissà quale atto notarile di cui non avevano potuto parlare al lavoro.
         Bell’appuntamento!
         Buttò giù un sorso di whisky che le bruciò la laringe e l’esofago e guardò in direzione del crocchio di donne che da diversi minuti parlottavano fra loro. C’erano le signore Rockwood, Stonewood e Stockwood, tutte con il filo di perle, tutte con lo stesso taglio di capelli, tutte con lo stesso tubino scuro.
         Le aveva già sentite bisbigliare almeno quattro volte oggetti disgustosi, mentre a turno le lanciavano un’occhiata di sottecchi.
         Befane!
         Lei non trattava oggetti disgustosi. Lei trattava penne, agende e calendari. Si era trovata fra le mani quella dannata valigetta rossa per caso. La prima volta. La seconda no, certo, se l’era cercata. Ma questo non dava diritto a quelle tre di fare tanto le sostenute.
         E comunque non si stavano dimostrando per niente ospitali. Pensava che fra la gente altolocata la forma fosse fondamentale. Invece la signora Stockwood si era limitata a stringerle la mano quando Robert le aveva presentate e poi le aveva voltato le spalle per rientrare in casa.
         Quando si era sfilata il cappotto, Robert le aveva lanciato un’occhiata divertita. «Sarà meglio che ti versi una bella dose di whisky.»
         «La colpa è tua» aveva borbottato lei, imbronciata.
         «Mia?»
         «Se mi avessi detto che mi portavi alla festa di compleanno di tua nonna mi sarei vestita diversamente!»
         Che poi, festa di compleanno!
         Dov’era la festa?
         Niente palloncini, niente torta, niente candeline, niente auguri.
         C’erano solo tre uomini chiusi in uno studio a parlare di lavoro. Tre donne in un angolo a parlare male di lei. E la nonna.
         Si girò verso la signora Stockwood senior. Vista la nuora, si era immaginata che la suocera dovesse essere una specie di regina madre. Tutta etichetta e buone maniere. Invece...
         Era seduta su un divano enorme, anche lei con un bicchiere di whisky in mano. I capelli, candidi come una matassa di zucchero filato, si arrotolavano in riccioli ordinati attorno alla testa. Aveva le palpebre truccate con un ombretto madreperlato azzurro, la bocca rosa e un abito blu con le maniche lunghe stretto sotto la gola da un cammeo.
         E la stava guardando con un luccichio divertito nello sguardo.
         Poi, con un dito, le fece cenno di avvicinarsi.
         Se il salone fosse stato più affollato, Nicole si sarebbe guardata intorno per verificare che la nonna di Robert chiamasse proprio lei. Ma visto che non c’era nessun altro, non c’erano dubbi.
         Si staccò dal camino e dopo tre passi avvertì nettamente la temperatura abbassarsi di un paio di gradi. Un altro passo e i gradi diventarono tre. La nonna di Robert doveva evidentemente avere le mutande e la maglia di lana, sotto quel vestito blu, per starsene seduta in poltrona a più di un metro dall’unica evidente fonte di calore della stanza.
         Quando le fu vicina, la donna le indicò il posto accanto a sé. «Siediti, cara.»
         Nicole tentennò. «Grazie ma...» e si guardò la gonna, con un brivido. «Non vorrei scandalizzare qualcuno.»
         «Io non mi scandalizzo per così poco, te l’assicuro.»
         «Ma sua nuora...» Nicole si girò verso la padrona di casa e provò il bisogno di mandare giù immediatamente un altro sorso di whisky.
         «Quelle!» la signora Stockwood senior emise un poco raffinato sbuffo dal naso, rivolgendo al crocchio di donne un’occhiata molto simile a quella che la signora Stockwood junior aveva rivolto al vibratore rosa, nel bar. «Credimi, vorrebbero anche loro poter mettere un vestitino così, invece di andare in giro con le calze contenitive.» Le fece l’occhiolino. Aveva gli stessi occhi scuri del nipote, scintillanti come biglie.
         Nicole lanciò un’occhiata alle sei gambe in questione, coperte da pesanti collant color carne.
         «Lo vorrei poter mettere ancora anche io!» aggiunse l’anziana signora.
         «Ancora?» Nicole la osservò. In che senso ancora. Quella donna non voleva farle credere di essere davvero andata in giro in minigonna!
         «Robert non ti ha raccontato di me?»
         «No, signora Stockwood.» Altrimenti col cavolo che si sarebbe ritrovata in quella specie di freddo mausoleo.
         «Chiamami Claire. Avanti siediti!» La donna batté di nuovo sul divano. «E non preoccuparti. Violet è tanto rigida, ma in questa famiglia siamo abituati agli scandali.»
         Nicole la guardò incerta. Doveva sentirsi rassicurata o offesa?
         E Robert dov’era andato?
         Come festa era uno schifo. Come appuntamento era uno schifo. Come vigilia di San Valentino era uno schifo.
         E faceva freddo.
         Si lasciò sfuggire un brivido.
         «Davvero?» chiese, dopo aver buttato giù dell’altro whisky. Non correva certo il rischio di ubriacarsi, visto che l’alcol si trasformava in calore non appena le arrivava nello stomaco.
         «Oh, io ne ho dato parecchio, di scandalo, da ragazza. E tu ne hai di strada da fare, prima di raggiungermi!»
         Oh bella!, pensò Nicole, sedendosi.
         Subito Claire si chinò verso di lei. «Ho sentito che vendi giocattoli» bisbigliò, con fare cospiratore.
         Nicole si irrigidì. «In realtà vendo agende.»
         «Agende?» Claire rimase perplessa. Il suo sguardo scivolò di nuovo verso la signora Stockwood junior. Evidentemente, nel breve tempo che Nicole aveva impiegato per togliersi il cappotto, la madre di Robert era corsa a spifferare a tutti la notizia. Impicciona. «A me hanno parlato d’altro.»
         «Si è trattato di un equivoco.»
         «Scusa, ma non eri tu ieri nel bar vicino allo studio, con in mano un vibratore?»
         Nicole sussultò. Sentire la parola vibratore sulle labbra di una donna di novant’anni faceva un certo effetto.
         «Sì, ma...»
         «E non è che nei hai qualcuno qui nella borsetta?»
         «No!» la risposta le sfuggì con una tale enfasi, da far girare per un istante verso di lei le teste delle signore Stockwood, Stonewood e Rockwood. Che subito ricominciarono a confabulare fra loro.
         «Peccato» commentò Claire, prima di bere un altro sorso di whisky. «Gli avrei dato volentieri un’occhiata. Sai, ai miei tempi certe cose non c’erano.»
         Ci scommetto!
         «Cioè» si corresse Claire, inclinando la testa. «C’erano eccome. Certi giochini ci sono sempre stati. Ma chissà cosa non hanno inventato al giorno d’oggi. Faranno meraviglie, vero?»
         Nicole rimase in silenzio. Non sapeva bene come partecipare a quella conversazione.
         «E come mi sarebbero tornati comodi. Avrei fatto impazzire gli uomini, con certi aggeggi. Già ero brava così, figurarsi con uno di quelli.»
         Di cosa stava parlando? Nicole osservò il cammeo, l’abito di lana pesante blu, le scarpe raffinate ma chiaramente ortopediche.
         «E dimmi» continuò Claire, «cos’altro vendi, oltre ai vibratori?»
         «Non vendo vibratori, io...»
         «Sì, sì, va bene, chiamale pure agende. Avanti, cos’altro tieni di bello in quella valigetta? E non dirmi penne, matite e quaderni, perché alla mia età so come gira il mondo.»
         «Ehm... manette?» si arrese Nicole.
         Sul viso di Claire si dipinse un’espressione estatica. «Oh, manette! E poi?»
         «Babydoll?»
         Claire liquidò l’articolo con uno sbuffo. «Di quelli ne avevo quanti ne volevo. Cuciti a mano. Con dei ricami di perle meravigliosi. Gli uomini se li mangiavano con gli occhi.»
         «Che fortuna.» Nicole non sapeva bene come reagire a quella notizia. Che diamine di lavoro faceva quella donna, da giovane? E come aveva fatto a diventare la signora Stockwood senior?
         «Avanti, e poi?» la incalzò Claire.
         Nicole frugò nella mente alla ricerca di qualche articolo che non fosse troppo imbarazzante. I lubrificanti erano esclusi. Gli stimolanti clitoridei idem. «Delle piume.»
         «Piume?» Claire appoggiò il bicchiere vuoto sul tavolino accanto al divano. Prese una pesante bottiglia di vetro smerigliato e la sollevò in direzione di Nicole. «Ancora un goccio di whisky?» Poi, senza aspettare risposta, gliene versò tre dita buone. «Quindi? Piume per fare cosa?»
         «Per accarezzare.»
         «Accarezzare?»
         «Sì, ecco.» E lei che pensava che fosse stata dura presentare i sexy toys a Robert Stokwood, nel suo ufficio. Ancora non sapeva che avrebbe dovuto parlarne con sua nonna! Si portò il bicchiere alle labbra e in un colpo solo fece sparire due delle tre dita di whisky che Claire le aveva appena versato.
         «Ah! Vuoi dire da passare sulla pelle nuda? Fantastiche! Quelle mi sarebbero piaciute moltissimo.» Claire batté le mani deliziata. «Avrei fatto di quei numeri! Sarei diventata la star!»
         «Di cosa, Claire?» Nicole quasi temeva la risposta.
         «Dello spettacolo!»
         Giusto, dello spettacolo.
         «Che spettacolo?» Nicole finì l’ultimo dito di whisky.
         «Cara, io ero una soubrette. La migliore delle soubrette.» Le diede un piccolo colpetto di gomito. «Allora ci chiamavano così.»
         Quasi Nicole si strozzò con il liquore che stava mandando giù.
         «Mi esibivo in uno di quegli spettacolini, sai, un po’ disinibiti, diciamo. Ma era tutto molto artistico, tutto molto elegante.»
         «Come i calendari» commentò Nicole, fra un colpo di tosse e l’altro.
         «Scusa?»
         «No, niente. Lei faceva la soubrette d’avanspettacolo?»
         Claire annuì. «Una vera danzatrice esotica. Dove lavoravo, gli uomini facevano la fila per venirmi a vedere. Tutte le sere il tutto esaurito!»
         Nicole non poté fare a meno di lanciare un’occhiata in direzione della signora Stockwood junior.
         «Oh, lei...» Claire sventolò di  nuovo la mano. «Non sa cosa voglia dire divertirsi! Io e te sì, però, vero cara?»
         «Veramente io non ho mai fatto la soubrette e vendo...»
         «Agende, sì. Comunque, una bella sera è entrato in sala un uomo meraviglioso. Il più affascinante che avessi mai visto. E a fine spettacolo in camerino ho trovato cento rose rosse. Da parte sua.»
         «Il signor Stockwood?»
         La signora Stockwood senior voltò la testa verso destra. Nicole seguì il suo sguardo, lungo una fila di ritratti appesi al muro, in tutto e per tutto simili a quelli appesi nello studio. Solo che la sua attenzione fu attratta da un ritratto leggermente diverso. Quello di un bell’uomo, i cui lineamenti ricordavano molto quelli di Robert, e nei cui occhi scuri scintillava un luce divertita. Sembrava quasi prendersi gioco delle espressioni serie e compite dei suoi compagni di parete.
         La voce di Claire si addolcì, e quando si girò verso di lei il suo sguardo era lontano, sognante. «Il mio William. Un vero gentiluomo. E molto aperto per l’epoca.»
         Eh già.
         «Abbiamo cominciato a frequentarci contro il volere della sua famiglia. Ovviamente.» Lo sguardo di Claire tornò a scintillare malizioso. «E alla fine ci siamo sposati. Quell’uomo aveva fegato.» Le rivolse un’occhiatina d’intesa. «E sangue nelle vene. Se capisci cosa intendo.»
         «Credo di sì» replicò Nicole. Stava raggiungendo livelli di imbarazzo mai contemplati da essere umano.
         «Robert gli assomiglia.»
         Come no!
         Nicole scoppiò a ridere suo malgrado. Ecco la prova definitiva che a Claire Stockwood mancava qualche rotella. Chissà cos’avrebbe detto se avesse saputo che il suo focoso nipote ci aveva messo due mesi e mezzo per baciarla. E solo perché lei gli si era praticamente gettata fra le braccia.
         «Oh, lo so che non sembra. Ma credimi, conosco il mio Robert. Assomiglia a suo nonno. Gli uomini della famiglia Stockwood sono tutti passionali.» Si voltò verso la nuora. «Quasi tutti. E infatti mio figlio avrebbe proprio avuto bisogno di una ragazza come te. Spigliata, spiritosa.» Le strizzò l’occhio. «Una venditrice di agende, insomma!»
         In quella, la porta della sala si aprì e Robert comparve sulla soglia, seguito dagli altri soci dello studio. Nicole alzò lo sguardo e i loro occhi si incrociarono.
         Subito, sulle labbra di Robert si dipinse un sorrisino divertito. Si avvicinò a grandi passi e si fermò davanti a loro.
         «Nonna, stai raccontando a Nicole tutto il tuo scandaloso passato?»
         «Se non sfrutto l’occasione quando posso. In questo mausoleo tua madre porta solo noiose presidentesse di associazioni benefiche e quelle sue amiche più insipide del riso bollito, che si irrigidiscono sempre come gufi imbalsamati quando apro bocca.» Coprì con una mano ossuta quella di Nicole. «Ma con questa ragazza ho potuto affrontare argomenti molto più interessanti. Io e lei ci intendiamo!» E le strizzò l’occhio. «Vero, cara?»
         «Sì, certo» replicò Nicole, titubante.
         «Anzi, qualche volta potresti venire qui, con quella tua valigetta.»
         «Nonna!»
         «Oh, Robert, cosa vuoi che me ne faccia, alla mia età! È solo per vedere, no? Per divertirmi. Magari potremmo invitare anche tua madre.» Claire si girò di nuovo verso Nicole. «Allora, cara, siamo d’accordo?» E di nuovo un occhiolino.
         Nicole annuì, mentre pensava che mai e poi mai sarebbe entrata in quella casa con la valigetta della Pure Passion in mano. Però poteva sempre mandarci Nichole con la H.
         «E adesso vi lascio da soli a fare i piccioncini.» Claire rivolse a entrambi un sorriso candido. «Questa festa annoia me, figurarsi voi. Andate, andate. Tanto so già che tua madre fra pochi minuti farà portare la solita Saint Honoré. Dopo quarant’anni, ancora non ha capito che odio la panna. Almeno voi, risparmiatevi la sofferenza! Anzi...» lanciò un’occhiata al crocchio di Stonewood, Stockwood e Rockwood stretti vicino al camino, «fossi in voi approfitterei che non guardano per andarmene senza salutare. Via, via!»
         Diede qualche colpetto sulla mano di Nicole, che si alzò con un sorriso riconoscente sulle labbra.
         «Ah, Robert!» Claire richiamò il nipote. «E scalda un po’ questa ragazza. Ha le mani gelate!»

13 febbraio – Due mesi, sette giorni, ventitré ore
 Robert aspettò di aver chiuso dietro di sé la pesante porta del salone, poi spinse Nicole in un angolo buio.
         «Mia nonna ha ragione» bisbigliò, sentendola tremare. «Sei gelida.»
         «Be’, i casi sono due, o mi dimostri che sul piazzale parlavi con cognizione di causa, oppure vammi subito a prendere il cappotto.»
         Robert avanzò di un passo. L’idea di andare a prenderle il cappotto non lo sfiorò nemmeno. Erano mesi che si tratteneva. Il perché non lo sapeva nemmeno lui. Forse era l’abitudine. Il fatto di essere sempre controllato, sul lavoro. L’avere sempre attorno persone rigide. La paura che se si fosse lasciato andare, non sarebbe più riuscito a fermarsi. Ma dopo il bacio di prima, non fermarsi gli sembrava un’ottima idea.
         Le sollevò una mano e le baciò le dita gelate. Il contatto con la pelle fredda lo fece rabbrividire come se avesse preso la scossa.
         «Il guardaroba è troppo lontano. Rischi di congelarti prima» le disse.
         «Allora dovrai pensarci tu. Tua nonna dice che gli Stockwood hanno il sangue caldo.»
         Robert si portò la sua mano sul petto, dove si sentiva andare a fuoco. Nicole gli era sempre apparsa buffa, divertente. Ma quella sera... Oh, quella sera era uno spettacolo. E sì, era decisamente arrivato il momento di perdere il controllo.
         «Saranno i nostri antenati guerrieri.» Le sfiorò le labbra con le labbra. Poi le depose un bacio sulla mandibola, vicino al lobo. Percepì l’aroma tenue del suo profumo e il suo sospiro. «Ho aspettato questo momento per settimane» le confessò.
         «Due mesi, sette giorni e ventitré ore.»
         Robert rise. «Un tempo interminabile.» Iniziò a deporle altri baci sul collo, dove il profumo era più intenso.
         «Non dirlo a me» la sentì ansimare. «E sono al perizoma numero dieci. Di quelli che mi hai regalato, intendo.»
         Quel tono sussiegoso lo divertì ancora di più. Perché oltre a tutto il resto, Nicole riusciva sempre a sorprenderlo. «Ogni volta che siamo usciti ti sei messa uno dei miei perizomi?» Si staccò da lei, la voce improvvisamente più roca.
         «Non potevo certo lasciarli lì a prendere polvere. Pensavo che me li avessi regalati per qualcosa. Pensavo fossero un segnale.»
         «Quindi anche adesso ne indossi uno?»
         «Se avessi saputo che mi portavi qui, mi sarei messa le mutande di lana come tua nonna. Cioè, immagino che tua nonna le abbia, anche se ora che la conosco mi viene qualche dubbio. E comunque, come fai a vivere in una ghiacciaia come questa? Voi ricconi fate tanto i superiori e poi risparmiate sul riscaldamento.»
         «Non vivo qui.» Le sfiorò una ciocca e con il dito scivolò lungo la guancia. «Quindi?» Indossi uno dei miei perizomi?»
         «Impegnati a scaldarmi e potresti scoprirlo.»
         Giusto. Basta chiacchiere.
         La premette con impeto contro il muro, le serrò la nuca fra le dita e la baciò come un uomo che finalmente si arrende dopo una lunga resistenza. Le appoggiò una mano sulla gamba e risalì lungo la coscia.
         Nicole si strinse a lui con un gemito, gli insinuò le dita fra i capelli e glieli strinse nel pugno.
         Con un vertiginoso sfarfallio nello stomaco, Robert le sfiorò la curva della natica e in quel momento la pendola nell’ingresso batté la mezzanotte.
         «Buon san Valentino» mormorò, labbra contro labbra, mentre dal salone accanto arrivava la voce della signora Stockwood junior.

         «Chi vuole una fetta di Saint Honoré?»

FINE

CHI E' L'AUTRICE
EDY TASSI dice di sè...Sono nata in provincia di Como e da che mi ricordo ho sempre amato i libri: leggerli, tradurli, scriverli.A nove anni mio nonno mi regalò la mitica Lettera 22 mai regalo fu più profetico. Conservo ancora bozze di romanzi scritti a macchina, con gli errori corretti con il bianchetto. Da più di dieci anni traduco romanzi e saggistica per Harlequin Mondadori, Piemme e Feltrinelli. Nel 2013 ho pubblicato il mio primo romanzo, Ballando con il fuoco, proprio per Harlequin. Nel corso del 2014 ho scritto racconti per alcuni blog, ho partecipato alla rassegna di EWWA E dopo Carosello tutte a nanna e ho completato la stesura del mio secondo romanzo, che verrà pubblicato nel 2015. Nel frattempo continuerò a tradurre e a scrivere, magari per regalare qualche sorpresa a chi mi segue e ha piacere di leggermi.

VISITATE LA MIA PAGINA FACEBOOK:
 https://www.facebook.com/edy.tassi?fref=ts

VI E' PIACIUTO QUESTO RACCONTO? VI PIACEREBBE LEGGERE QUESTA STORIA SE L'AUTRICE DECIDESSE DI FARNE UN ROMANZO?


12 commenti:

  1. Molto carino Edy. Degna seconda puntata .....a quando la terza, quarta ecc.??? Milena

    RispondiElimina
  2. Ma dai bellissimo voglio un librooooooo!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  3. Un romance tutto per questi due (e la nonna libertina) lo vorrei di certo.

    RispondiElimina
  4. wow fortissimo intrigante wow voglio un libro subito ora adesso forza veloce!!!!
    Sto scherzando però un bel librino non ci starebbe proprio male per niente
    brava davvero

    RispondiElimina
  5. Due mesi, sette giorni e ventitré ore! Ecco il tempo che ci hai fatto aspettare, ma noi aspettiamo volentieri... il libro. FANTASTICA EDY!

    RispondiElimina
  6. Eh, ma io un pensierino ce lo faccio davvero, perché questi due stanno simpatici anche a me! E poi, c'è ancora tutto Robert da scoprire, vero? Lo abbiamo visto così, un po' schivo, un po' combattuto... E Nicole? Può pensare di entrare in una famiglia così? Insomma, la nonna è dalla sua parte, ma ha pur sempre novantacinque anni...
    Vedremo, vedremo!
    Intanto grazie dei vostri commenti e grazie a Francy di avermi ospitata in una data così significativa. Vi abbraccio tutte e tanti tanti auguri a questo bellissimo blog.

    RispondiElimina
  7. molto divertente, degno proseguimento del primo.... io adoro le storie romantiche che si mescolano all'ironia....

    RispondiElimina
  8. STUPENDO! Edy, devi assolutamente dedicare un romanzo a questi due personaggi. Li adoro.

    RispondiElimina
  9. Si Edy quando un libro questi due personaggi mi piacciono ne verrebbe una bella storia nn farci aspettare troppo! !!!

    RispondiElimina
  10. Cara consorella Edy, perdonami se sono riuscita solo adesso a leggere il tuo prezioso contributo alla Festa dell’Amore. Ho trovato questa sorta di sequel di “Strenne a sorpresa” davvero spassoso, il tuo umorismo mi diverte e mi hai strappato diverse risate. Leggerei sicuramente un romanzo tratto da queste idee, anche perché il sodo pare ancora da sospirare. Che la Dea ti benedica, Anonima Strega

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Anonima, be', che dire, grazie! Non c'è un limite di tempo entro il quale il racconto scomparirà dal blog (ma gli incantesimi sono più il tuo campo, vero?). Perciò grazie di essere comunque passata a leggere e di aver voluto lasciare un commento. Mi ha fatto molto piacere!

      Elimina
  11. Oh! Io mi occupo solo di magia bianca, non farei mai un dispetto come quello di far scomparire un bel racconto :)

    RispondiElimina

I VOSTRI COMMENTI ARRICCHISCONO IL BLOG! GRAZIE. (Se li lasciate ricordatevi di firmarli, ci piace sapere chi siete!)
I commenti contenenti offese o un linguaggio scurrile verranno cancellati.

SEGUITE TRAMITE EMAIL

I RACCONTI RS SELEZIONATI DAL BLOG ORA IN EBOOK!

I MIEI PREFERITI / ROMANZI A 5 CUORI !

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

I contenuti e le immagini sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi ed appartengono ai loro proprietari. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei propri diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK
Clicca sull'immagine e vai alla nostra pagina FB

NOI CON VOI...GUARDA IL VIDEO!