INTERVISTA ESCLUSIVA A SERGIO FANUCCI – Succose novità in arrivo da LEGGEREDITORE

Nata pochi anni fa da una brillante intuizione del suo fondatore, Sergio Fanucci, la Leggereditore  è riuscita in poco tempo a ritagliarsi una nicchia di tutto rispetto fra le CE che pubblicano romance nel nostro paese, proponendo libri dal look accattivante, con edizioni maneggevoli e belle copertine, e scegliendo con cura i titoli e gli autori da pubblicare.
Il nostro blog, non ne facciamo mistero, ha un debole per questo editore che è sempre stato attento al dialogo con le lettrici, riuscendo spesso ad appagarne i desideri. Un  nostro desiderio, ad esempio, era poter vedere pubblicate anche in italiano alcune autrici americane di contemporary romance e di romantic suspense che sapevamo essere molto brave ma che nessuno fra i grossi editori aveva mai pensato di tradurre. Una fra tutte, Susan Elizabeth Phillips,
che dopo quattro libri è già diventata popolarissima tra le romance fan italiane. Possibile che nessuno prima della Leggereditore avesse capito che le lettrici avrebbero amato i suoi libri? Un altro esempio è Adele Vieri Castellano ( collaboratrice di questo blog) che grazie a questa casa editrice è riuscita a pubblicare la sua serie romana che continua a mietere consensi nonostante l’ambientazione piuttosto insolita per un romance ( e il suo Marco Quinto Rufo popola da mesi i sogni di molte italiane!). Possibile che nessun altro si fosse accorto prima di un talento come il suo?
Per avere una risposta a queste e a molte altre domande abbiamo pensato di andare direttamente ‘alla fonte’, di rivolgerci cioè a SERGIO FANUCCI, artefice del successo di questa casa editrice che ogni mese ci fa venir voglia di dar fondo al portafoglio per poter far nostre tutte le sue novità in uscita.
SERGIO si è gentilmente prestato a rispondere al  fuoco di fila delle nostre domande e ci ha fatto alcune anticipazioni davvero succose…
*Nota*: le evidenziature di alcune parti dell'intervista  sono nostre e chi ci segue sa perchè talune  sono più in evidenza di altre! :) *

LMBR: Leggereditore è una della Case Editrici che noi Bibliotecarie Romantiche leggiamo e recensiamo di più. L'unica ragione? Ci piacciono i romanzi che pubblica. Nel giro di pochi anni ci avete conquistate. Qual è stata la scintilla che ti ha fatto venire in mente di dedicare una ‘costola’ della Fanucci alla women’s fiction e in particolare al romance?
SERGIO FANUCCI: Prima di tutto un grande ringraziamento per tutto il tempo che ci dedicate e le parole quasi sempre benevole con cui recensite i nostri romanzi. Leggereditore (GG) l’ho pensata fin dal principio con un occhio particolare alla rete e ai blog, alle lettrici che li frequentano esprimendo soddisfazioni e delusioni, desideri ed esigenze, quindi siete per noi un punto di riferimento continuo. Circa la nascita di GG, da sempre guardo e pubblico fiction di genere, ho quasi 49 anni e ne compio 24 come editore nel 2014, e non potevo ignorare questo genere di narrativa che affascina moltissime lettrici ogni anno. Alcuni anni fa, cominciai a pubblicare in Fanucci la collana RosaCrime e compresi che nel romance c’era molto da fare e spazio anche per una sigla indipendente e specializzata. Ho cercato un nome preciso ma poi tutto sembrava già inventato e così una mattina mi è venuto in mente GG ossia Leggereditore e sono partito...
LMBR: La crisi economica ha investito inevitabilmente anche il mercato editoriale. Nonostante tutto il genere romance tiene? Secondo te cosa vorranno leggere le lettrici tra dieci, dodici mesi? Per quanto riguarda il Romance è sempre il mercato americano a dettare le mode?
SERGIO FANUCCI: La crisi ha colpito e colpisce tutto indiscriminatamente; c’è una crisi economica, in parte una crisi di valori, una fortissima crisi politica (se Grillo fosse stato un’altra persona, meno populista e Mangiafuoco, avrebbe preso il Governo in un soffio) e una totale imprevedibilità degli eventi quotidiani e questo è quello che più mi preoccupa. Anche l’editoria ne è coinvolta e ultimamente viviamo conseguenze di decisioni di vertici aziendali prese troppo velocemente e in modo poco lungimirante. E’ un mondo nuovo con cui dobbiamo fare i conti e ormai sarà sempre così, non si torna indietro. Ci vuole freddezza, tenacia, progetto, sensibilità e umiltà, oltre che un intuito sempre più raffinato. Per questo guardo ai miei marchi (Fanucci editore, Leggereditore  e TimeCrime) con attenzione e benevolenza; sono in un 
Sergio Fanucci e Susan E.Phillips
momento delicato e difficile, di grande trasformazione non solo per il digitale ma anche negli atteggiamenti delle lettrici e lettori e quindi sono come dei figli che ora più che mai hanno bisogno di totale attenzione e amore. Leggereditore è la mia figlia femmina, la prediletta (ne ho veramente due piccolissime e sono energia pura), e le sono accanto in modo particolare in questo momento di grande trasformazione. Trasformazione che vivo con estrema concentrazione e anche con un senso di ottimismo perché i cambiamenti alla fine portano sempre positività se li si sa affrontare. Voi lettrici leggerete nei prossimi mesi romanzi per lo più americani e inglesi con qualche freschezza italiana, caleremo un po’ il paranormal e invece pubblicheremo storici e romance suspence, il contemporaneo e qualche erotico in più, autrici già famose come Kleypas o Roberts, Phillips o Adrian, ma anche famose per altri editori come Mary Balogh. Il romance in generale subisce mode, certo, come il New adult – nostre Tammara Webber e Colleen Hoover con Hopeless per citarne due – ma comunque propone sempre libri di alto livello. Possono piacere o meno, appartenere a un sottogenere piuttosto che un altro, ma l’importante per noi editori di GG è che la qualità della storia, della scrittura e i messaggi siano sempre di alto livello. Ci proviamo e la vostra adesione ci dice che siamo sulla strada giusta, anche se non sempre riusciamo a fare il meglio…
LMBR: Nel corso degli anni ci è sembrato che Leggereditore fosse una delle poche CE attente alle esigenze delle lettrici, che ascoltasse le domande e chiedesse opinioni. Un contatto diretto tra domanda e offerta grazie al web. Secondo te, la lettrice italiana sta cambiando, oppure dobbiamo ancora distinguere la lettrice classica da libreria e quella definita da molti, di “nicchia”, che naviga su Internet, si informa su quello che esce in Italia e all’estero, esprime opinioni sui social network , ecc.?

SERGIO FANUCCI: Premetto che un po’ sarò  ermetico sul profilo della lettrice di GG ma non me ne volete, il vostro blog è letto anche dalla concorrenza che è agguerrita e a caccia di idee (anche di altri) quindi non posso dare loro un vantaggio anche volendo; immagino comprenderete, e questo tenetelo presente non solo leggendo questa intervista ma anche quando rilascio dichiarazioni “parziali” che possano apparire incomplete. Me ne scuso fin da ora, ma la competizione è sempre più intensa e devo tutelarmi (non vi siete accorte che un editore concorrente ha copiato il formato dei libri GG che è nato con me e prima non esisteva? LOggi chi legge il romance appartiene a diverse categorie: chi segue la rete e ha dimestichezza con device e digital store, oppure chi ama frequentare una libreria e avere in mano un bel libro, oppure chi utilizza entrambi i formati. C’è chi viaggia in treno o aereo per lavoro e vuole leggere sul mobile e poi quando è a casa o in vacanza legge dal libro cartaceo, per esempio. Le lettrici di GG sono donne in movimento, curiose e attente, esigenti e permalose (ah, ah, ah questa è una battuta!? Lo sono quasi tutte le donne però… e qui scateno l’ira di chi legge… o no? Chiedetelo ai vostri mariti, padri, compagni e fratelli…), in ogni caso rappresentano una donna figlia del nostro tempo, che a volte è smarrita e altre volte è sicura. Sono una generazione da 20 a 60/70 anni e quindi con vite e situazioni diversissime tra loro ma una cosa hanno tutte in comune: sanno quello che vogliono, sono determinate e questo oggi come oggi è un bene, semplifica il dialogo e favorisce la chiarezza che deve esistere anche tra lettore e editore.
LMBR: Una domanda che molte si fanno è: come scegliete cosa pubblicare? Ci sono degli elementi indispensabili che un libro deve avere per deciderne la pubblicazione?
SERGIO FANUCCI: Quando leggo un libro mi devo emozionare. Può non piacermi il genere (è sbagliato pensare che un editore pubblica ciò che gli/le piace o che piace all’editor; è un discorso miope che premia solo l’ego di un singolo individuo e danneggia inesorabilmente il rapporto di fiducia tra editore e lettore) ma la storia, i personaggi, il ritmo, i dialoghi, tutto deve essere finalizzato a soddisfare il desiderio di emozionarsi. Quello che cerco tra la pagine di carta o elettroniche è la capacità di uno scrittore, affermato o meno, in grado di meravigliare il lettore, a volte con la semplice magnificenza della scrittura (quei libri in cui dite “non succede niente ma è bellissimo”, penso a Stoner di John Williams), a volte con l’intreccio e quindi il dialogo (non c’è un grande thriller che non abbia dialoghi affilati e quindi efficaci, penso a Jim Nisbet in Iniezione Letale), a volte con la potenza dei personaggi e il loro potere d’immedesimazione (chi di voi non vorrebbe essere almeno una volta Elisabeth Bennet?), a volte con la creatività folgorante (Il Ballard di Vermilion Sands), a volte con l’if che tutto capovolge (La svastica sul sole di Philip K. Dick) a volte con… potrei continuare per ore ma immagino abbiate capito.
LMBR:  Le lettrici ‘amano le serie’, si sa, non per niente molte autrici le scrivono. Però non tutte vengono pubblicate. Per quale motivo alcune serie/saghe vengono terminate e altre no? Sono ragioni legate alla vendita dei libri, ai diritti o a cos’altro?

SERGIO FANUCCI:  Questa è la classica FAQ a cui tutti vorrebbero sottrarsi per non urtare gli animi di chi legge, ma che inevitabilmente si riceve in qualsiasi occasione di incontro. Pubblico serie da sempre, fin dal principio della mia vita da editore, e cercherò di chiarirlo nel miglior modo possibile… Una serie viene interrotta quando vende pochissime copie, quelle che non bastano a coprire la metà dei costi di diritti, traduzione, stampa, distribuzione, promozione, affitti, personale, corrieri e via dicendo… Possono anche esserci dei motivi legati ai diritti ma è raro. Provate a riflettere: quale convenienza avrebbe un editore a interrompere una serie se lo fa guadagnare? Nessuna. Ricordatevi che l’editoria è impresa e l’impresa ha bisogno di profitti per andare avanti quindi si possono stringere il più possibile i costi ma se non arrivano le vendite, ossia i ricavi, non si può proseguire. Lo so che quando una lettrice adora un’autrice è convinta che quell’amore è condiviso da migliaia, che dico, centinaia di migliaia di altre lettrici e quindi le pare impossibile che la serie possa essere interrotta perché non vende un numero sufficiente di copie da giustificarne i seguiti, ma invece è così. Chi racconta altro, sa di mentire.
LMBR: Dopo i complimenti, permettici di toccare anche un tasto dolente. Ci sono lettrici che hanno rilevato in alcuni vostri libri un editing non accuratissimo sulle traduzioni. Questo non ha certo impedito loro di continuare ad acquistare i vostri libri, però, ti chiedo se di queste lagnanze ti è giunta voce e se sono stati presi eventuali provvedimenti a riguardo.
SERGIO FANUCCI:  Come vi dicevo, monitoriamo i blog tutti i giorni e leggiamo di critiche e/o suggerimenti su traduzioni o meno, e dove possiamo interveniamo immediatamente. Per esempio è di luglio la nuova edizione con nuova traduzione dell’ultimo della Kresley Cole, Dark Demon, assegnata pochi giorni dopo le prime lamentele e uscita a tempi record, oppure proprio la scorsa settimana è stato corretto un errore grossolano in Tuo per sempre di Lisa Kleypas, ed è già in vendita come e-book la versione corretta. Come andremo in ristampa, aggiorneremo anche l’edizione cartacea. Mi spiace molto che a volte si trovi certa poca cura, non è incuria o cattiveria, è il corso delle cose, sbaglia chi lavora anche se non si dovrebbe mai sbagliare ma siamo persone con tutto ciò che comporta. La cosa importante è che questi errori siano rari, che il livello complessivo di ciò che proponiamo sia alto e che le lettrici continuino a
sostenerci. I miei collaboratori sono persone capaci, serie, preparate ed è grazie al loro lavoro che avete la possibilità di leggere le vostre autrici preferite più volte in un anno. Questo non vuol dire che la nostra attenzione non deve essere sempre al massimo e poi gli errori disturbano ed è un dato di fatto, quindi vanno eliminati. Noi comunque affrontiamo tutto con umiltà e rispetto per tutti e correggiamo là dove è possibile. Ricordo ancora quando in La confessione di Julie Garwood, la redattrice incaricata di seguire quel romanzo lo mandò in stampa senza l’ultimo capitolo… errore incredibile subito segnalato dalle lettrici; in pochissimo tempo abbiamo ritirato la versione fallata e pubblicato quella corretta e cambiato gratuitamente il libro a chi lo aveva già acquistato. Cose che succedono e che fanno male, ma non dimentichiamoci che leggere i nostri libri è un piacere e anche se è legittimo irritarsi, non si deve trasformare la rete come un campo di battaglia in cui insultare l’editore. Condividiamo tutti lo stesso amore per i libri come per le autrici e non dimentichiamolo anche nelle critiche, siamo alleati e uniti dalle emozioni dei libri che leggiamo, non lasciamo che l’irritazione per un errore si trasformi in maleducazione (cosa che spesso accade) altrimenti si ottiene l’effetto contrario. La policy della mia azienda è non rispondere a chi offende e purtroppo troppo spesso assistiamo a persone che usano lo schermo o l’anonimato per parlare male senza minimamente considerare che così mancano di rispetto e che con l’offesa nella vita non si ottiene nulla.
LMBR: Ci stiamo avvicinando alla fine dell’anno e noi guardiamo già oltre, speriamo tu ci possa dare qualche interessante anticipazione. Cosa proporrà la Leggereditore alle sue lettrici nei prossimi mesi? Ci sono nuove autrici e/o nuove serie in arrivo?  I romance storici verranno proposti in più titoli?  Quale sarà lo spazio che dedicherete alle autrici italiane, solitamente relegate a un ruolo di secondo piano in Romancelandia?
SERGIO FANUCCI: Le novità in GG saranno tante e molto interessanti, almeno lo spero, sarete voi a dirmelo commentando questa intervista. Rispetto al 2013 che si chiuderà con due inediti storici a firma di Lisa Kleypas e Mary Balogh e un romanzo “veneziano” della nostra amata Adele Vieri Castellano (bravissima scoperta del 2012) più il Beautiful bastard di Christina Lauren (in realtà sono
due autrici…), il prossimo anno vedrà un calo nelle proposte paranormal, un aumento di romance contemporaneo, erotico, storico e, udite udite, un lancio in piena regola del romance suspense. Arriveranno Pamela Clare e Maya Banks con le loro serie I-Team e KGI, e anche Cindy Gerard con i suoi Bodyguards e poi a seguire altre ancora che non vi svelo. Continueremo le amate Phillips, Ward e Roberts e poi un po’ di divertimento con Stephanie Bond e Tara Sivec, l’erotismo di Sylvia Day, Shayla Black e Georgia Gates, il paranormal della Cole, Adrian e il nuovo ciclo di Larissa Ione e qualche italiana proprio sì. Una commedia a firma di Stefania
Nascimbeni, la prossima primavera, ma previsti già per novembre 2013 un romanzo con cucina e amore (uno chef irresistibile e un cast eccezionale, piatti prelibati a prova di cuore), e il ritorno in libreria di Valentina F, famosissima tra i teenager qualche anno fa e ora che è cresciuta e la sua scrittura è maturata firma un new adult tutto italiano, una prova che mi ha convinto e che intriga molto; un tributo all’amore, alla letteratura e a tutte quelle donne che non smettono mai di voler capire il sentimento più antico del mondo: l’amore, appunto. Insomma, sarà un anno importante e migliore di quello passato, tante riconferme e molte sorprese.
LMBR: I romance M/M stanno trovando un loro spazio nel cuore di molte lettrici . In Italia, però, al momento arrivano  solo 'per vie traverse'. Arriverete mai a pubblicarne qualcuno?
SERGIO FANUCCI: Per ora sono tiepido, abbiamo da incrementare lo storico e lanciare per bene il RS, oltre che andare avanti con le altre linee. 
LMBR: A volte si fa fatica a trovare libri della Leggereditore nella grande distribuzione. Perchè sono più difficili da trovare di quelli, ad esempio, di Newton o Sperling?
SERGIO FANUCCI: Spiace anche a me ma non sono nella testa dei buyer della GDO che a volte preferiscono acquistare marchi editoriali più blasonati ma non per questo migliori. Credo che GG non abbia nulla da invidiare a Newton e Sperling, semmai è il contrario, se penso che io ho molti meno soldi da investire di loro che sono considerati grandi editori da sempre, e non ho la loro struttura. Sono un outsider di questo mercato e spesso una spina nel fianco dei grandi editori e a volte questi fanno di tutto per chiuderti le porte della grande distribuzione...
LMBR: Una domanda a cui teniamo in modo particolare. Perchè gli editori 'contingentano le autrici italiane' nel romance?
SERGIO FANUCCI: Contingentano perché non ci sono! E' difficilissimo trovare nuove brave autrici e quelle conosciute sono già presso i vari editori del settore.
LMBR: Abbiamo notato che ultimamente state puntando molto di più sugli ebook. In futuro i  vostri libri usciranno subito anche in versione digitale? Come si sta evolvendo il mercato del ebook in Italia? Molte autrici americane auto pubblicano novelle in ebook (legate spesso alle loro saghe) a  basso prezzo. Mai pensato di tradurle e proporle sul mercato italiano?
SERGIO FANUCCI: Ahi ahi ahi…questa volta sono io a tirarvi le orecchie… ma se abbiamo pubblicato 5 novelle a euro 4,90 (ebook euro 3,49) legate alle serie proprio a luglio 2013!! C’erano la Ione, la Kleypas, la Frost in Fanucci, la Castellano e la Leigh… l’esperimento è andato bene e quindi continueremo a pubblicare novelle a prezzi contenuti e legate alle serie maggiori.  
Circa gli e-book ci tengo a dire alcune cose: sono entrato nel mercato per ultimo e non per lentezza (chi mi conosce sa con quale velocità mi muovo e questo è un vantaggio dell’essere piccoli e indipendenti) ma perché volevo firmare con gli store digitali contratti che tutelassero le nostre autrici (e
autori) e che soprattutto fossero bilanciati tenendo ben da conto la proprietà del diritto d’autore. Per convincerli ho impiegato mesi ma alla fine siamo dentro e devo dire che in questo momento siamo l’editore più vivace in classifica (siamo nei primi posti con diverse autrici). Ma l’altra cosa che mi ha lasciato un po’ tiepido e tuttora mi preoccupa molto è la pirateria degli e-book. Ci sono in Italia alcuni siti che addirittura invitano a non pagare i libri elettronici e che danno istruzioni su come fare per procurarsi ebook senza pagarli. Trovo tutto ciò molto disonesto (è successo di ricevere la minaccia di essere cancellati dal forum perché chiedevamo di smettere questo tipo di inviti e questi ladri hanno continuato) e pericoloso perché se non si riconosce il valore dell’autore che scrive e dell’editore che poi segue il libro fino alla pubblicazione; se si continua in questa direzione, la nostra categoria sarà destinata a morire perché nessuno campa d’aria. Non dimentichiamoci che lo sviluppo della cultura di un Paese ne misura la crescita e questo atteggiamento di totale disprezzo per le opere
d’ingegno mina le basi della nostra società e il futuro dei nostri figli o delle generazioni oggi giovani. Inoltre pagare 3 o 5 euro per un libro digitale è una spesa che possono permettersi tutti, ma proprio tutti. Chi non lo fa è perché vuole rubare una proprietà senza sapere che facendo una cosa che lui reputa di poco conto (cosa vuoi che siano 5 euro anche se non li pago…) va a spogliare di valore e a derubare persone che hanno reso possibile leggere quello che lui ha tra le mani. Mi piacerebbe che il vostro blog si unisca con me in una campagna di sensibilizzazione in questo senso e che si crei una sorta di catena del rispetto e della legalità e che gli autori come gli editori (ossia tutti quelli che lavorano in una casa editrice) possano un domani contare sull’onestà di tutti i lettori. Per cui, se incontrate chi si vanta di scaricare e leggere gratis ricordategli che è un ladro e che con il suo piccolo furto contribuisce a mettere in serio pericolo la cultura del nostro Paese che è anche il suo.

Mi scuso per lo sfogo ma ci tengo molto al vostro parere e a quello delle vostre lettrici. Chiudo comunque dicendo che dove abbiamo il via dagli autori usciremo con la versione in e-book in contemporanea al cartaceo e al prezzo di euro 4,99 (ora alcuni titoli in promozione a 2,99 per una o due settimane) e per alcuni titoli addirittura usciremo prima… che ne dite, può bastare?
LMBR: La svista sulle novelle era voluta, Sergio...volevamo sincerarci che la loro pubblicazione non fosse solo un 'esperimento estivo'. Quanto al resto, ci hai dato delle splendide notizie per le nostre letture future. Non vediamo l'ora di leggere le novità che ci hai anticipato! E ti faccio un sincero ringraziamento da parte di tutte quelle lettrici che da anni stanno chiedendo di leggere più romantic suspense in italiano. Le serie RS di Pamela Clare, Cindy Gerard e Maya Banks sono un vero regalo!
Come blog che parla di libri e a cui, tra l'altro, collaborano autrici romance che sono toccate da vicino dal fenomeno della pirateria digitale, ci sentiamo particolarmente coinvolte dall'argomento e ci uniamo sicuramente alla campagna anti pirateria. Avremo modo di riparlarne.

Ringraziamo Sergio Fanucci per la disponibilità mostrata nel rispondere a tutte le nostre domande, anche a quelle un po' più scomode, e auguriamo a lui e ai suoi collaboratori sempre nuovi successi. GG, come la chiamano affettuosamente loro, è una realtà editoriale che abbiamo visto nascere e che continua a darci belle sorprese. Non possiamo che augurarle di continuare così. 


COSA PENSATE DELLE NOVITA' ANTICIPATE DA SERGIO FANUCCI IN QUESTA INTERVISTA? AVRESTE QUALCOSA DA CHIEDERGLI? SIETE COME NOI FELICI DELL'ARRIVO DELLE SERIE DI BEN TRE AUTRICI ROMANTIC SUSPENSE COME CLARE, GERARD E BANKS? CHE AUTRICE O CHE GENERE VI PIACEREBBE POTER LEGGERE ( O LEGGERE DI PIU') FRA QUELLI PROPOSTI DALLA CASA EDITRICE?

77 commenti:

  1. Sono la prima? Sono anche mezza addormentata e commenterò meglio più tardi.

    Io seguo Fanucci da anni e Leggereditore da quando è nato il marchio. Mi piace lo spirito di questo editore, mi piacciono le sue risposte e mi piace.....LA KELLY GROUP INTERNATIONAL! E' una notizia bellissima! Credo di aver svegliato anche il mio vicino con il mio urlo di gioia!

    RispondiElimina
  2. Innanzitutto complimenti per la magnifica intervista! Sono a dir poco entusiasta per queste allettanti novità...sto quasi saltellando di gioia. Era ora che una casa editrice puntasse con stile sul bistrattato romantic suspense. Detto questo, sono felice anche per le autrici come la Keypas e la ward che continueranno a venire pubblicate da voi e poi non essendo mai stata amante del paranormal sono felice che si dia spazio soprattutto ad altri generi, perchè no? anche l'erotico. Se è di qualità trovo sia una gran cosa avere l'opportunità di leggerlo. Non scherzo se dico che la maggior parte dei libri che sto acquistando in questi ultimi 3 anni e made leggereditore, perchè siete una casa editrice sorprendente che ha saputo cogliere i suggerimenti e i desideri delle lettrici ed è l'editore che considero più vicino ai miei interessi. Se posso, però, vorrei dire che negli ultimi mesi, ho notato che ad esempio sulla pagina fb non rispondete più alle nostre domande, mentre altre ce continuano a farlo...ecco, questo mi dispiace perchè siete stati sempre molto gentili e comunicativi. Penso di aver detto tutto, grazie per il lavoro che fate e che continuerete a fare!

    RispondiElimina
  3. Come non essere d'accordo con tutto quello che ha detto Sergio?
    Dalla maleducazione con cui spesso utenti anonimi attaccano le scelte o gli errori editoriali, al pericolo e-book.
    La GG per me resta un punto di riferimento come casa editrice, sicuramente una di quelle su cui punto di più e con il miglior rapporto qualità/prezzo.

    RispondiElimina
  4. Adoro questo ragazzo!!! (siamo quasi coetanei e visto che mi considero ragazza lo dico senza offesa) compro quasi tutto ciò che leggereditore pubblica tranne il paranormal per gusto personale. BRAVI CONTINUATE COSÌ !!!!

    RispondiElimina
  5. Bellissima intervista!! Grazie per le anticipazioni e le belle novità!! Sono contenta del "meno paranormal" perchè mi piace leggere "più romance" soprattutto delle autrici citate, non vedo davvero l'ora!!!!!!!

    RispondiElimina
  6. bellissime novità.....ma la leigh....speriamo che non interrompano anche quest'ultima serie..

    RispondiElimina
  7. Intervista davvero interessante! Ottime le novità: autrici come la Kleypas, la Balogh e Adele Vieri Castellano sono fra le mie preferite! :-)
    Per quanto riguarda il Paranormal non mi dispiace che venga messo da parte perché non l'ho mai amato. Adoro invece lo storico, il contemporaneo e l'erotico.
    Grazie anche per l'incremento degli e-book. Ultimamente acquisto quasi unicamente in digitale (ebbene sì, sono una delle poche che gli e-book li compra!) perché spesso leggo in treno e portarmi dietro un e-reader è più comodo.

    RispondiElimina
  8. Apprezzo moltissimo il lavoro svolto in questi tempi difficili dalle Leggereditore , che è, e rimane uno dei miei editori preferiti.
    Amo i suoi libri, e soprattutto il coraggio di aver proposto romance nuovi e aver preso seriamente in considerazione i gusti delle lettrici romantiche come me ;)
    Queste anticipazioni non fanno altro che rallegrarmi , visto che io adoro i romance contemporanei !
    Grazie Sergio ! Continuate così !!!!

    RispondiElimina
  9. Bellissima intervista..la leggere editore e' in assoluto la mia casa editrice preferita e non mi lascio scappare un libro(storici a parte)..io sono una di quelle lettrici che amano il paranormale quindi spero che le saghe già iniziate di autrici come la ione,adrian,frost,valenti,kenyon e cole continuino.Ottima anche l'iniziativa degli ebook e delle promozioni..silvia

    RispondiElimina
  10. Mi accodo con i miei complimenti sia per l'intervista che è stata molto interessante che per le risposte che ha dato il sig Fanucci ,anch'io sono una fans della sua casa editrice in effetti trovo i romanzi da loro pubblicati molto belli e inoltre trovo questa azienda di parola non lascia molto tempo tra le varie pubblicazioni di una serie a differenza di altre case editrici inoltre ha sempre delle novità molto interessanti gli faccio i miei complimenti per il loro lavoro prezioso nel regalarci momenti di coccole , inoltre sostengo la vostra campagna contro la pirateria
    Buona giornata

    RispondiElimina
  11. Maria Cristina Robb07/10/13, 12:32

    Molto bene per il romantic suspense, molto male per il paranormal. Come sempre le lettrici di "genere" devono rivolgersi altrove. Invece di pubblicare alcune autrici buone ma non ottime (forse per questione di costi) si sono lasciate indietro maestre del genere paranormal e ciò non aiuta certo le vendite. Pazienza. Per fortuna leggo in lingua originale. Comunque sono una delle sostenitrici della Leggere e della Fanucci e ringrazio per la costanza e i prezzi contenuti.

    RispondiElimina
  12. Come si permette il signor Fanucci a definire Grillo un populista? Ricordo a tutti che il m5s ha RESTITUITO ben 42 MILIONI DI EURO di rimborsi elettorali!! Sapete quanti sono 42 milioni di euro??!!?? Ricordo inoltre che il m5s NON VUOLE SOSTITUIRSI AGLI ATTUALI POTENTI, MA VUOLE CAMBIARE DAVVERO TUTTO RADICALMENTE. Romanzi rosa sì, ma scema no. Tiziana

    RispondiElimina
  13. Monica Peccolo07/10/13, 12:48

    Bellissima intervista, grande professionalità e serietà da parte di Sergio Fanucci e la sua "creatura". Il giusto punto di equilibrio, non sempre facile da trovare, tra lettrici e bilancio di una casa editrice.
    Il problema della distribuzione (oltre alla pirateria) è un altro brutto inciampo nell'editoria italiana: se non sei nei grossi circuiti o leggi cose "diverse" devi fare mille peripezie per recuperare un titolo.
    A questo hanno ovviato un poco gli acquisti on line nei grandi store, ma c'è ancora una parte di lettori che non ha dimestichezza o che ama andare a prendersi il libro in libreria.
    Non ho mai capito perchè anche i librai, il cui interesse dovrebbe essere vendere i libri, sono tutti schiavi di questi fantomatici "distributori"...

    RispondiElimina
  14. Bellissima intervista , amo la Leggereditore e non vedo l'ora di leggere tutti i nuovi libri. Non è che fareste un pensierino sull'idea di pubblicare voi la serie In death di Nora Roberts che è stata interrotta??
    Gabriella

    RispondiElimina
  15. Dopo il luminoso esempio del WFF( Woman's Fiction Festival )dove alcuni bravissimi/e editor COMUNICANO (e non impongono semplicemente) con gli scrittori( molti emergenti) ed i lettori, cercando di catturare nuovi interessi, abbiamo qui un altro illustre esempio di editoria illuminata , che ha strizzato un occhio vincente al mercato incanalando le proprie risorse verso la promozione, a prezzi sempre più competitivi verso argomenti di tendenza ma graditi al pubblico che LEGGE, ossia le DONNE. Sulla politica glisso, non è la sede opportuna e per il resto un plauso al Sig. Fanucci.
    P.S. : Perché non fare un pensierino serio su A. STUART , ancora da tradurre? Sarebbe un successone assicurato!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Filomena fanucci della Stuart sa già, è una delle autrici che più gli abbiamo raccomandato negli anni però i diritti della serie ICE che noi vorremmo riuscisse a pubblicare sono nelle mani della Harlequin che anni fa pubblicò il primo libro della serie e poi più nulla. Insomma hanno dei gioiellini RS tra le mani E NON LI PUBBLICANO! Interrogati recentemente sulla loro pagina Facebook hanno risposto che prenderanno la serie in considerazione quando avranno una collana RS...ce la faranno? Mah...

      Francy

      Elimina
    2. Grazie Francy sei sempre una miniera di informazioni.

      Elimina
  16. Le case editrici come la Leggereditore sono Case Editrici; facendo i loro interessi fanno anche quelli del pubblico, chi non agisce in questo modo... beh è fuori dal mondo. E mi fermo qui.

    RispondiElimina
  17. sono felicissima della rinnovata attenzione della leggereditore (praticamente acquisto ogni uscita digitale) ma non comprendo come mai alcuni libri della leggereditore si trovano su KOBO e non sul sito della casa editrice (ciò vale anche per alcuni libri fanucci).
    un'altra perplessità riguarda le uscite digitali legate a serie: dark demon della Cole non è ancora disponibile in digitale ma il libro successivo si; stesso discorso per la serie di Nora Roberts in ebook solo il terzo di una serie di 4; e se fosse quello giusto terzo della serie è uscito in digitale dopo circa un mese dal quarto; i libri di J. Frost sono disponibili in ebook solo per metà circa delle uscite pur essendo tutti libri della stessa serie....aspetterò con ansia questo incremento (che peraltro già si è visto) degli ebook.cinzia

    RispondiElimina
  18. Non ci posso credere, ora è colpa di Grillo se c'è la crisi in Italia!!! Questi signori imprenditori politicizzati con le pezze nel deretano devono smetterla di attribuire a Grillo e al M5S i problemi che questo paese si trascina dietro da 20 anni e più. Grillo HA FATTO BENE a NON DARE LA FIDUCIA ai LADRI!!!
    Leggere editore è un casa editrice scadente, edizioni pietose e che dire della genialiata di ristampare i romanzi della Kleypas a più del doppio del prezzo di quello della mondadori??... stessa traduzione, stesso numero di pagine Mondadori euro 4,50 leggere editore euro 10,00 = libro identico!!! Se per 10 euro vi aspettate una versione integrale o migliorata, SCORDATEVELO!!! Come definire questa casa editrice??? ... non voglio essere volgare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema è che Mondadori ha proposto un'edizione da edicola che passato il mese...ciao ciao ...quella della Leggere almeno si può trovare oltre il mese d'uscita. Inoltre hanno fatto bene a mantenere la stessa traduzione. Mi è capitato di leggere in italiano il primo della serie e l'ho trovato tradotto molto bene.
      Rispetto la tua opnione, naturalmente, però, detto fra noi, cara Anonima, i casi sono due: o non leggi romanzi Leggereditore, e allora non puoi giudicare, o li leggi e allora non si capisce perchè pur disprezzando compri...
      In ogni caso, non so come sei abituata tu, ma direi che non c'è proprio bisogno di fare appello alle volgarità per trattare questi argomenti.

      Elimina
    2. potrebbe non aver comprato ma semplicemente preso in prestito. dov'è poi la volgarità? ha dato dei ladri ai governanti e questo mi sembra confermato. Tiziana

      Elimina
  19. Complimenti a Francy per la bellissima intervista e la disponibilità di Fanucci nel rispondere ad argomenti che interessano tutte le lettrici che amano il genere del Romanzo Rosa. Finalmenteeeeeeee vedo uno squarcio di Romantic Suspence che si affaccia sul nostro mercato : bellissime le serie segnalate dalla Pamela Clare alla Cindy Gerard..che sono sicura conquisteranno tantissime lettrici ! Per questo e per le tante letture che la Leggereditore ci ha offerto in tutti questi anni, non possiamo che fare i complimenti a Fanucci per la sua capacità e disponibilità ad ascoltare le nostre richieste ma soprattutto a capire " Quello che le donne pensano" come citava un divertertissimo di qualche anno fa !

    RispondiElimina
  20. alessandra07/10/13, 15:52

    Bellissima intervista. Complimenti al blog e a Francy per le domande mirate, e a Fanucci per le risposte esaurienti. Sono FELICISSIMA per la serie KGI della Banks! Per ciò che riguarda il digitale, sono assolutamente d'accordo su quanto ha affermato l'editore. Scaricare illegalmente, oltre che a essere un reato, diminuisce drasticamente la quota di vendite di un'autore o autrice e questo fa sì che ci possano essere dei ripensamenti nel pubblicarlo/a ancora. E' normale che una CE guadagni da ciò che pubblica. Se non ha introiti, chiude i battenti...logico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì ma allora non battetevi per non far scaricare le italiane e poi fate man bassa delle straniere piratate !! non vi sembra ipocrita???????? Amarillida

      Elimina
  21. Intervista molto interessante. Rimango perplessa solo per due cose: il poco entusiasmo per i romance m/m che vengono lasciati a un piccolissimo mercato di nicchia (con mere traduzioni dall'estero) mentre secondo me hanno un buon seguito; la questione dei refusi e delle cattive traduzioni un po' minimizzata (per carità è comprensibile la protezione del "padre" verso le sue creature, ma ho tutta la serie della Cole, ad esempio, e questo è un problema che è andato avanti per parecchi libri - nessuno se ne accorgeva??).
    Infine, visto che sono una grande compratrice dei cartacei di GG mi permetto un appunto sulle copertine. Alcune, tipo quelle della serie di Larissa Ione o della stessa Cole, erano davvero brutte o meglio "spente" rispetto a quelle originali. E che dire del primo libro della Kleypas (Zitelle)?? Mmmm....

    RispondiElimina
  22. Raramente commento su blog o facebook. Mi diverto a leggere e osservare opinioni contrastanti ma non scrivo. Sono una lettrice che raramente naviga su internet e i miei acquisti avvengono prevalentemente in libreria e in edicola, per cui sono poco informata. Di solito compro quello che c'è; ma ultimamente mi sono resa conto che compro quasi esclusivamente Leggereditore (o GG, come dice il signor Fanucci... non sapevo nemmeno questo!). Credo di essere un classico esempio di come Leggereditore sia riuscita ad entrare nel cuore anche di chi non naviga su internet. Anzi, è proprio grazie all'entusiasmo creato dalla letture dei loro libri, che ho cominciato ad informarmi di più, scoprendo un mondo diverso da quello che avevo sempre immaginato. Il signor Fanucci ha risposto a tante domande che da tempo (ingorantemente) mi ponevo. Potere della rete ma anche di un'attenzione pasmodico alle lettrici, ai loro commenti e richieste. La "scoperta" di S. Phillips è stata una di quelle che ha fatto entrare nel mio cuore questa casa editrice. Adesso, chissà come mai, quando entro in libreria vengo subito attratta dai loro libri; magari non li compro, ma li sfoglio cuiriosa perchè adesso so che GG è all'avanguardia. Da parte mia non posso fare che i migliori auguri di tanti anni di successo a Fanucci e a tutti i collaboratori che lavorano dietro le quinte.
    Sara

    RispondiElimina
  23. Ho letto con vivo interesse la vostra intervista. Grazie a Leggereditore ho potuto apprezzare autrici come la Phillips, Castellano, McGregor e diverse altre che altrimenti non avrei conosciuto ed è grazie ancora alla lungimiranza del Sig. Fanucci se ora potrò leggere anche il genere rosa
    crime e RS che adoro e che secodo me è davvero poco pubblicato in
    Italia. So che i tempi sono molto difficili e la concorrenza spietata ma GG è stata molto brava ad interpretare e anticipare le esigenze delle lettrici di romanzi rosa; sono sicura che se coglierà l'opportunità di dare maggiore dignità a questi romanzi con traduzioni integrali e accurate potrà diventare il fiore all'occhiello nel suo genere ed avere un successo duraturo!

    RispondiElimina
  24. bellissima intervista, ma chi amava il fantasy e non ama l'erotico come fa??? io mi auguro che la moning venga portata avanti, Sinceramente non approvo tutto ciò che ha detto il sig Fanucci.

    RispondiElimina
  25. Detto così sembrerebbe tutto bello, ma sappiamo che la Leggereditore è ben lontana dall'essere la CE perfetta.
    Non concordo sul fatto che le serie che non vendono vengono interrotte immediatamente, mi rendo conto che non possono pubblicare se le autrici non rendono economicamente ma vorrei si mettessero anche nei panni di chi comunque nel momento dell'acquisto gli sta dando fiducia per poi restare ad aspettare inutilmente il seguito di un libro o più libri che ha amato, nello specifico mi riferisco alla serie di Drynda Jones :( di cui ancora a distanza di oltre un anno aspetto il seguito.
    Potrei citarne diverse altre ma non credo sia la sede adatta per le lamentele.
    Spero almeno si sia definitivamente sbloccato il problema degli ebook.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahhhhhh parole santissime!!! Io ho il dente avvelenato con Fanucci per questo, tutte le volte che pubblicano una nuova serie vivo nel terrore di affezionarmi e poi rimanere a bocca asciutta...

      Elimina
    2. Il problema è proprio questo: una casa editrice che ci abitua ad interrompere le serie ci scoraggia ad acquistare i primi libri di una nuova serie proprio perché si rischia di rimanere senza il finale... ma se tutti non acquistano i primi libri, la serie non può proseguire... non vi sembra un cane che si morde la coda?
      io non ho perso le speranze di poter leggere ancora Darynda Jones in Italia, pur non amando particolarmente il paranormale... sarò un'illusa?

      Elimina
    3. Io ancora non voglio perdere le speranze, ma vedo la soluzione lontana.
      Mi chiedo, quando un editore acquista i diritti per un nuovo autore, lo fa per la serie o solo per il primo libro?
      Non si potrebbe risolvere il problema pubblicando i seguiti solo in ebook quando il titolo vende poco?
      Sono la prima che come Noco adesso si pone il problema se acquistare o meno il primo titolo di una nuova serie,di fregature ne ho prese diverse e non leggendo in lingua ci rimango parecchio male e non lo trovo giusto.
      Ma se ragionano tutte come noi le vendite indubbiamente calano :(
      Che delirio!


      Elimina
    4. Ehhh, il problema cara è che le CE per quanto cerchino di andare incontro alle richieste delle lettrici devono, come ha sottolineato Fanucci, fare i conti con costi e ricavi alla fine e le CE medie com'è la Leggere non si possano permettere di sbagliare più di tanto, mentre colossi come il gruppo Mondadori, ad esempio, se alcuni libri non vendono come dovrebbero, hanno modo di rifarsi con le vendite di molti altri e alla fine pareggiano.
      In ogni caso oggi come oggi, ci va di lusso. Vi ricordate che nemmeno tantissimi anni fa, quando ancora le lettrici non avevano modo di farsi 'sentire' come avviene oggi grazie alla rete, le CE facevano assolutamente quello che volevano? pubblicavano le serie, quando le pubblicavano, senza badare più di tanto alla corretta sequenza delle varie uscite originali. Chi legge da tempo I Romanzi Mondadori, ad esempio, lo sa. Se adesso si sono decisi a 'fare i bravi', a pubblicare le serie per intero o quasi e a farlo in ordine cronologico è perchè le lettrici si sono fatte sentire,hanno protestato in massa e dimostrato che AMANO le serie. Prima c'era molta meno possibilità d'informazione sulle serie americane e le CE facevano davvero quello che pareva a loro.
      Solitamente immagino che i diritti si acquistino per pochi libri iniziali per vedere come va il libro e se poi va bene si decida di acquistare i successivi.

      Elimina
  26. Negli ultimi dodici mesi ho acquistato quasi tutti i libri pubblicati dalla leggereditore tranne i paranormal perché non li amo molto , apprezzo le scelte editoriali che hanno compiuto e li ringrazio per le ore di leggerezza che mi hanno regalato. Ho solo un appunto ho acquistato da poco " UN CUORE D'ORO in versione ebook ma nel leggerlo mi sono accorta che manca l'undicesimo capitolo !!! Possibile !!!???E' un capitolo importante e la storia perde tantissimo .Come farò ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anonima, ma come ti chiami? Forse possiamo aiutarti. Ci contatti per mail?

      Elimina
  27. Bella intervista grazie! Bene per l'annuncio delle prossime pubblicazioni le autrici di fanucci sono bravissime - adoro il suspense e il romantico/erotico - continuerò a leggere le recensioni in questo " bravissimo " blog e a comperare i libri consigliati - Adele

    RispondiElimina
  28. Interessante intervista! Ha chiarito alcuni quesiti che molte di noi si stavano facendo.
    Per quel che riguarda le prossime uscite sono contenta per i romance della Kleypas (la amo!) e anche per i New Adult (aspetto con ansia quello della Hoover!).
    Apprezzerei qualche uscita paranormal in più rispetto a quelle nominate.
    Il romantic suspense e anche gli erotici non mi attirano invece.

    RispondiElimina
  29. Sinceramente io spero che non vengano interrotte le saghe paranormal, anzi ne vorrei di più. Gli erotici non li amo, (non ho mai letto neanche 50 sfumature) e sicuramente, se non usciranno più libri che mi soddisfano smetto di acquistarli in italiano ed inizio a leggere in Inglese. Questo, per dire che non è solo la pirateria a bloccare le vendite ma anche le decisioni aziendali a volte! . Comunque grazie allo staff per la bellissima intervista <3

    RispondiElimina
  30. Bella intervista senza dubbio, mi lascia un po ' perplessa per alcune scelte. Capisco che l'azienda vada dove tira il mercato ma ridurre il numero di uscite paranormal non mi sembra opportuno, non credo rappresenti un mercato di nicchia, costringerà solo le lettrici a farsi forza e leggere in lingua e sarà una perdita per tutti. Personalmente il romance vero e proprio non mi interessa particolarmente ,mai letta la Kleypas, ma l'erotico ben fatto si e allora visto che la Fanucci ci punta, perché un'autrice come la Leigh è pubblicata in maniera discontinua ? potete continuare le serie iniziate senza saltare volumi a piè pari invece di iniziarne di nuove? Per quanto riguarda la pirateria degli ebook sicuramente la pubblicazione in contemporanea con il cartaceo ne limiterebbe la diffusione, aspettare mesi per leggere in digitale è frustrante

    RispondiElimina
  31. Nonostante le comprensibilissime scelte editoriali, come lettrice e come consumatrice mi trovo d'accordo con chi lamenta uno scarso rispetto verso chi acquista i libri di una serie, investendo denaro ed emozioni, per poi scoprire che non verranno pubblicati i seguiti. Personalmente essendomi più volte bruciata, con Fanucci e leggereditore, faccio molta fatica ad acquistare nuovi titoli di queste CA, con mio grande rammarico visto e considerato che sono solite pubblicare i generi che io amo maggiormente: fantasy, urban fantasy e paranormal...Sono parecchie le saghe mi sono vista interrompere: Briggs, Chance, Moning, Harrison, Jones...e ora temo anche per altre. Perchè allora dovrei dare ancora fiducia e investire i miei bravi 10.00 € per delle nuove uscite? Posso passare sopra traduzioni non eccelse e refusi, ma vorrei un po' più di rispetto come lettrice e consumatrice. E io consumo, un sacco. Acquisto in media uno, due libri a settimana, per non parlare del digitale. Possibile che non esista un modo per venire incontro alle esigenze di chi come me è una lettrice affezionata? Ci pensi il signor Fanucci, forse non è con me che fa la fortuna delle sue C A, ma sono tante come me ad essere il suo cliente finale. Una bella intervista sicuramente, complimenti allo staff, anche se non rassicurante su ciò che mi stava a cuore.

    RispondiElimina
  32. Ritorno alla carica. ^_^

    Non sono per niente felice che l'editore abbia scelto di diminuire il paranormale. E' il mio primo genere, lo seguo da anni e ora che finalmente uscivano tanti titoli...puf...si rallenta. Capisco, però, che se ci sono altre tendenze bisogna seguirle. Spero solo che non si dimentichino di noi, che siamo tante anche se silenziose.

    Per quanto riguarda il discorso ebook è lungo e complesso e di sicuro ci sono questioni di gestione sotterranee che al pubblico rimangono nascoste. Più volte però altri editori hanno sottolineato che i ritardi o la mancanza della versione digitale è dovuta agli agenti stranieri. Insomma, mettiamoci in testa che non è sempre colpa dell'editore italiano.

    Per quanto riguarda la pirateria...bhe io includerei anche le traduzioni amatoriali stile agente segreto, anche quelle sono un 'furto', in qualche modo. La pirateria è un problema che nasce, secondo me, dalla visione distorta del prodotto. Ci manca proprio la cultura della lettura digitale...per noi ebook=gratis solo perché non è 'fisico'.
    E' un discorso lungo...e secondo me non è nemmeno questa l'occasione adatta.

    Mi spiace vedere come il nome della Ciuffi sia stato bellamente saltato. Aspettavo con ansia il terzo volume della serie Lykaon (dato per luglio scorso, tra l'altro, e sparito dal calendario delle uscite), e a quanto pare rimango a bocca asciutta. :(
    Dai signor Fanucci fatelo uscire! Per favoooooore *_*

    Per tutto il resto, ho apprezzato il fatto che Fanucci è uno dei pochi che si espone nelle interviste e che - nel limite del possibile - cerca di essere chiaro e onesto. A me questa intervista è piaciuta molto, e ha solo confermato la mia fedeltà a Fanucci e a Leggereditore ^_^

    RispondiElimina
  33. anche io ho acquistato un cuore d'oro e purtroppo ho avuto la brutta sorpresa di non trovare il capitolo 11......sono una affezionata lettrice della leggereditore (ho acquistato un centinaio di ebook) ma purtroppo diverse volte ho avuto difficoltà e i problemi sono spesso stati risolti con ritardo. detto questo continuerò ad acquistare i libri gg che rimane una delle case editrici che preferisco spero solo che il settore digitale venga curato di più.
    per il libro fallato non so cosa fare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. CINCIN63 so che ora il problema del cap 11 di UN CUORE D'ORO è stato ora risolto. Se ci scrivi lasciando tua mail vediamo se riusciamo a fare qualcosa per aiutarti.

      Elimina
  34. Grazie a tutte le lettrici che hanno commentato questa intervista. Lungi da noi pensare che Leggereditore sia una CE perfetta. A noi piace quello che pubblica, le siamo affezionate perchè 'l'abbiamo vista nascere' e per questo ci teniamo che sia sempre meglio. I vostri commenti negativi, quando costruttivi, sono stati tutti letti da Fanucci, il quale al momento è impegnato alla Fiera del Libro di Francoforte e ci ha incaricate di comunicare alle lettrici che hanno commentato quanto segue:

    - LE EDIZIONI DI LEGGEREDITORE SONO TUTTE INTEGRALI.
    - IL CALO DELLE OFFERTE DI GENERE PARANORMAL NON E' UNA SCELTA DELLA CE MA UN CALO DELLE NOVITA' DI QUESTO GENERE SUL MERCATO AMERICANO ( DA DOVE ARRIVA IL GROSSO DELLE NOVITA').
    - IL CAP 11 MANCANTE NELL'EBOOK DELLA WARD 'UN CUORE D'ORO' E' STATO ORA AGGIUNTO.

    RispondiElimina
  35. Bellissima intervista e complimenti. ^_^

    Anch'io sono una di quelle persone che non è felice della scelta di diminuire il paranormale perché mi piace il genere.
    Se ho ben capito la GG le diminuirà perché ormai non ci sono altre autrici inedite rimaste? Praticamente hanno bisogno di nomi di autrici?
    Se fosse questo il motivo posso suggerire un sito dedicato alle scrittrici di Paranormal Romance da spulciare:
    http://paranormalromancewriters.com/ ^_^

    Preferirei una pubblicazione in egual misura senza prediligere generi rispetti ad altri.

    Sono contenta per la pubblicazione della serie KGI di Maya Banks, proprio quest'estate ho suggerito l'intervista e le recensioni di Miraphora (che mi ha permesso di pubblicare sul mio blog) alla Leggereditore. Mi piace pensare che in qualche modo abbiamo contribuito a questa pubblicazione. ^_^

    Capisco che ci sono serie che non ottenendo un certo successo, vengono interrotte ma non sarebbe possibile avere solo la versione ebook a 2,00? Le spese non sarebbero inferiori rispetto al cartaceo?

    RispondiElimina
  36. Rieccomi. Scusate ma... il calo delle novità paranormal sul mercato americano?!?!? Scherzate vero?!?! Basta guardare su goodreads, su diversi blog e siti americani che trattano questo genere per scoprire un mondo infinito di nuove autrici e nuove saghe! (LadyAileen che ha commentato prima di me vi ha fatto notare un buon sito dove curiosare)
    Secondo me non c'è la voglia da parte della casa editrice di azzardare e puntare su qualcosa di nuovo e diverso. Restare "sul vecchio" che si conosce già è facile e comodo, tanto le lettrici di autrici come la Cole, Adrian, Ward ormai vanno a scatola chiusa, leggono il nome dell'autrice e comprano il libro senza nemmeno leggere la trama.
    Secondo me invece bisognerebbe allargare gli orizzonti su ogni ramo del romance. Tipo negli ultimi giorni ho visto tante di quelle uscite di Maya Banks che mi domando se sia l'unica a scrivere erotici! Un po' di varietà nella scelta! Portate qualcosa di nuovo e originale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Selly hai certamente ragione ma il fatto che negli USA escano decine di paranormal non significa che siano di qualità, guarda caso sono solo alcuni che fanno grande successo e grandi vendite e il più delle volte la ragione è che piacciono di più. In ogni caso, guarda, io capisco benissimo chi ama il paranormal ed è dispiaciuto che la casa editrice abbia deciso di abbassare un po' il numero delle uscite del genere. Tutte le CE in ogni caso guardano prima alle vendite sicure epoi agli interessi particolari purtroppo. Ad esempio: quant'è ch enoi amanti del RS chiediamo che la Harlequin si decida a pubblicare la serie Ice di Anne Stuart? Io che leggo in inglese SO che piacerebbe anche alla nostre lettrici, che adesso forse più di quanlche anno fa 'i tempi sono maturi' perchè possa vendere bene...e loro che detengono i diritti di tutta la serie che fanno? La tengono lì ad ammuffire e accampano scuse varie sul perchè non la pubblicano. L'ultima in ordine di tempo è che NON HANNO UNA COLLANA RS!!! Qualche mese fa era : alle lettrici il RS non piace ( ma a che lettrici si riferiscono???). E la Romanzi Mondadori che contingenta le italiane, pubblicandole con il contagocce perchè a loro dire le americane vanno di più. E te lo credo, se pubblicate solo quelle, è logico che vanno di più, le lettrici conoscono solo loro!
      Insomma, Selly, noi possiamo anche cercare di farci ascoltare e a me sembra che realtà più piccole e indipendenti come la Leggere ci ascolti molto di più dei colossi, sono sincera, se no Clare, Banks (KGI) e Gerard non le avremmo MAI viste pubblicate in Italia, però ci puoi giurare che soprattutto in un momento critico come quello che stiamo vivendo più che mai loro vogliono andare sul sicuro, su quello che li fa vendere meglio, probabilmente sempre sugli stessi nomi di sempre!
      perciò sai qual è la vera RIVINCITA delle lettrici? Mettersi a leggere in inglese se hanno studiato la lingua...perchè se iniziano e fanno tanto di 'prenderci la mano' dopo non le ferma più nessuno, perchè in inglese c'è davvero tutto e di più! Chi per qualsiasi ragione si deve limitare a leggere in italiano sarà sempre soggetto alle scelte degli editori che, è chiaro, pensano prima di tutto a far quadrare i conti e poi alle richieste dei singoli lettori.

      Francy

      Elimina
    2. Il fatto è che per giudicarne la qualità dovrebbero prendersi almeno la briga di cercare cosa offre il mercato oltreoceano e farsi un'idea. Secondo me c'è molto da scoprire. Come dici tu, in inglese c'è di tutto e di più. Bisogna fare una buona selezione.

      La vera rivincita sarebbe leggere in inglese, verissimo. Prima o poi lo farò sicuro se si va avanti così! Soprattutto se vedrò interrotte le mie saghe preferite e se il genere che mi interessa non avrà più molte uscite italiane. Se tutte facessimo così addio case editrici made in Italy però XD

      Elimina
  37. Scusi signor Fanucci ma lei pensa che siamo tutte ignoranti? Mi pare ovvio, che forse non ha capito che è vero, che forse in America non ci saranno nuove uscite eclatanti (anche se ho i miei dubbi) , ma prima che qua in Italia, prima che ci mettiamo in pari con quelle pubblicate oltre oceano ci vuole una vita. Inoltre da lettrice (offesa ) le consiglio di continuare quelle che ha e fanno successo, (kenyon , moning ecc ecc) prima di provare nuove saghe che non saprà come verranno accolte sul mercato. (Ileana)

    RispondiElimina
  38. Sono sconvolta ! Ma come in america non ci sono uscite??? E tutta la marea di libri che sono già stati pubblicati?? Ci sono autrici mai arrivate in Italia che venderebbero tantissimo, basta solo mettersi a cercare i libri e farli leggere a chi di dovere e poi decidere. Le consiglio anche io di guardare su Goodreads e magari farsi aiutare da qualcuno che conosce il genere. Da parte mia le posso consigliare Donya Lynne bravissima autrice Americana, e per favore basta con i super erotici ! Grazie

    RispondiElimina
  39. Cara baby.ladykira sono sicura che Fanucci leggerà tutte le lagnanze e che prenderà in considerazione anche i vostri consigli di paranormal fans!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Francy , e ancora complimenti per il vostro lavoro ^_^

      Elimina
  40. Io non me la sento di strapparmi i capelli. D'altronde ha detto che diminuiscono con il paranormale ma a Ottobre escono due titoli nuovi per Fanucci. A me basta che non smettano del tutto, poi mi adeguo e al massimo faccio come ho sempre fatto...leggo in inglese.

    D'altronde è il momento dell'erotico e come è stato a suo tempo per i vampiri, ora ci sommergono con titoli erotic domani chissà!

    Ah, ultima osservazione per mister Sergio: pubblicherete il seguito di Poison Princess vero? E' appena uscito in USA e se mi bidonate me lo compro subitissimo in lingua *_*

    RispondiElimina
  41. beh...direi che ormai è assolto che la notizia di diminuire i paranoramal non piace quasi a nessuno, me compresa XD

    personalmente come CE la trovo una delle migliori, il prezzo dei libri non è spropositato e traducono novel che molte case editrici non prenderebbero nemmeno in considerazione...quindi qui ci va un grande grazie *-*

    per il discorso ebook, tralasciando casa editrice e tutto il resto, ma se un libro costa un casino è ovvio che poi si vada per vie traverse, ci sono libri che superano i 20 euro o.o

    la gente inizia a leggere in lingua? ci credo, qui per vedere un libro di una saga a casaccio bisogna aspettare i secoli alle volte, conosco un mucchio di gente che è volenterosa e spesso si arma di dizionario pur di andare avanti e mi sa che tra poco inizio anche io dato che apprezzo molto la Kenyon e siamo all'ottavo volume mentre loro al..ventiquattresimo? contando che se ne pubblicheranno due all'anno per mettermi in pari dovrei aspettare 7 anni...io mica resisto XD

    RispondiElimina
  42. Bella intervista! sono felicissima per le nuove novità e non vedo l'ora di veder pubblicato qualche titolo della Balogh! Da un paio di anni a questa parte leggo prettamente il genere rosa storico/contemporaneo/erotico e quindi non posso che essere entusiasta. Ovviamente mi dispiace molto per il rallentamento delle serie paranormal, ma finchè non vengono sospese non mi lamento :)

    RispondiElimina
  43. Con la speranza che questo commento lo legga il signor Fanucci.

    Sono quella che si definisce una lettrice forte, da più di 20 anni seguo le uscite del catalogo Fanucci e affini. Catalogo che ho sempre trovato interessante, vario e in linea con i miei gusti di lettrice. Da un po' di tempo però non mi riconosco più nel vostro catalogo, non per i titoli che voi pubblicate ma perchè mi sento presa in giro in quanto cliente. Da diverso tempo ormai le traduzioni che voi ci presentate sono lacunose e mal fatte. Non leggo in inglese ma quando, libro dopo libro, vengono riproposti continuamente gli stessi errori grammaticali, sintattici e di comprensione del testo originale (si ho confrontato le traduzioni con l'originale) il mio rispetto per il vostro lavoro comincia a venir meno. Ho acquistato libri che mi hanno fatto venire l'ulcera per delle traduzioni inguardabili e che hanno inficiato il valore stesso dell'opera, senza contare la consapevolezza di aver speso soldi in un prodotto non valido (e come sentite la crisi voi la sentiamo ahimè anche noi). Nello scorso mese avete proposte 3 titoli che venivano incontro ai miei gusti letterari, un totale di spesa superiore ai 30 euro (poca cosa direte voi), 3 libri che non ho acquistato per paura di buttare via soldi in libri dalle traduzioni pessime. Magari erano libri dalle traduzioni perfette, non lo so, ormai e, ve lo dico con il dolore nel cuore, avete perso completamente la mia fiducia. Sono solo una lettrice ma, so di non essere l'unica.
    Cordiali saluti
    Elena

    RispondiElimina
  44. il signor fanucci ha ragione dicendo che la pirateria è ignobile, il lavoro degli alri deve esser sempre pagato. per quanto riguarda le saghe mi dispiace moltissimo ma con me ha perso una lettrice delle loro saghe, solo in questi due mesi non ho acquistato della loro casa editrice la Kleypas, Valenti, Hunter, Cruz. ho acquistato la Leigh perché la adoro. ora è vero che se una serie non vende loro ci rimettono e basta, ma in questo caso invece di ricavare (da me) 90 euro, ne hanno incassati solo 30 (tre romanzi acquistati invece di nove) forse il signor Fanucci dovrebbe pensare anche alle lettrici deluse di avere sugli scaffali di casa propria, uno/due libri della stessa serie (ultima interrotta che mi viene in mente: darynda Jones che fine ha fatto? non viene più pubblicata nel suo paese?). la lettrice Elena delusa per le cattive traduzioni, io per le serie interrotte, non pensa il signor Fanucci che forse pubblicando serie interrotte, e con una buona traduzione, guadagnerebbe più? proprio nel vostro blog fate appello per la Brockmann pubblicata diversi anni fa e senza un filo logico, poi leggo che adesso pubblicheranno altre serie dello stesso argomento... sono basita..... Mi dispiace di essere tediosa, scusate per lo sfogo .Stefania

    RispondiElimina
  45. Egregio Signor Fanucci, il "in America non ci sono uscite" non si può sentire.... per favore siamo nell'era della globalizzazione e le notizie le possiamo leggere anche noi. Chi più chi meno ha studiato inglese a scuola e con l'aiuto dei traduttori capiamo anche noi profane.... puntualizzo questo perché nelle sue risposte cortesi sottovaluta quest'aspetto: internet ci da modo di confrontarci sia tra di noi che con l'estero.... A noi lettrici di Fantasy e Urban Fantasy in lingua italiana non resta che rassegnarsi con sommo rammarico a vedersi ridurre o addirittura sospendere la pubblicazione delle proprie serie preferite a meno che non si legga in lingua( non dia poi la colpa alla pirateria se avrà perso questa parte di lettrici)....
    Come ha detto palesemente il motivo di tale decisione (il mancato guadagno) lo comunichi altrettanto palesemente le serie che saranno sospese, come rispetto verso quelle lettrici che fino ad ora hanno risposto fiducia nella sua CE.
    Per quanto riguarda i prezzi degli ebook non é "solo" la pirateria il motivo di un mancato ritorno economico.... 7 euro sono tanti!!! Sugli store on-line si può acquistare l'edizione cartacea a 8 euro e 50 e so per certo che molte lettrici preferiscono acquistare il libro a 8 euro e 50 che l'ebook a 7 euro....
    Se poi facciamo un raffronto con gli Usa dove un'edizione digitale non supera i 5 dollari (non euro!) la delusione é tanta... ora capisco che in Italia le tasse e l'IVA possono fare la differenza ma non diamo tutta la colpa alla pirateria.... perché é con questa politica si spinge a comperare il libro cartaceo e non l'ebook...

    Aldilà di questo sono ben felice che voglia introdurre il romantic suspance che personalmente mi piace molto.... mentre per l'erotico, a mio modesto parere é che l'onda creata da 50 Sfumature si sta esaurendo, troppi cloni e l'indigestione é dietro l'angolo....

    Lara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà, Lara, anche negli USA gli ebook hanno a volte prezzi alti, dipende dalla CE. Ci sono stati dei processi, poco tempo fa, voluti dalla loro autorità anti trust proprio perchè alcune CE ( fra cui il colosso Penguin) avevano fatto cartello e non volevano liberalizzare il prezzo degli ebook, facendolo scendere sotto un certo prezzo. Amazon mette ad esempio l'ebook del prossimo RS di Suz Brockmann , Do or Die, primo di una nuova serie, che uscirà nel febbraio 2014, allo stesso costo del cartaceo e cioè a ben 14,05 dollari con sconto Amazon sul prezzo pieno di 20,07. Analogamente, il nuovo romanzo della JRWard, The King, che uscirà a marzo 2014 su Amazon in versione ebook è proposto per prenotazioni in anteprima a 11,99.
      Anche se convengo con te che la media dei prezzi degli ebook è sui 5/ 6 euro, non ci sono regole fisse.

      Elimina
  46. mi permetto di far notare che le ultime uscite della Kleypas sono state bellamente ristampate dalle vecchie uscite di qualche anno fa in RM, e NON sono integrali. Qualche taglietto c'è, poca roba ma c'è.
    Evidentemente il signor Fanucci non se n'è accorto...?

    Lory

    RispondiElimina
  47. PS circa le *mancate uscite dei paranormali* negli USA, consiglio il signor Fanucci di dare un'occhiata ogni tanto alle classifiche di vendita del NYT ( il New York Times ).
    Ad esempio nei paperback - fiction questa settimana ci sono Lynsay Sands e J . D. Robb al 2° e 3° posto subito dopo John Grisham ( hai detto niente ).

    http://www.nytimes.com/best-sellers-books/overview.html

    Lory

    RispondiElimina
  48. Poche uscite paranormal? Non posso che esserne felice. Sinceramente come genere mi ha proprio stancato.
    Non si parla di interruzione di pubblicazione ma di diminuizione e trovo la notizia sensazionale. Prima di tutto si potrà fare spazio anche ad altri genrei, tipo il romantic suspense e secondo conoscere nuove eutrici che non hanno niente da invidiare a fantasy e company.
    Adoro Leggereditore, adoro Fanucci e più di tutto adoro l'attenzione che ha nei confronti delle lettrici. è un editore in contro tendenza, che in pochi anni è riuscito a dare una bella scrollata al mondo editoriale italiano. Ci ha fatto conoscere autrici e generi che, grazie ai mostri sacri dell'editoria italiana, non conoscevamo. Finalmente una persona che ha lo sguardo avanti, giovane e dinamico.
    L'unico appunto è che ha pubblicato la Brockmann da metà serie. Spero che un giorno possa rivedere questa sua scelta e regalarci i seals in tutte le salse.
    ;-)

    RispondiElimina
  49. Leggo solo adesso l'intervista e devo dire che mi ha sorpreso. raramente gli editori si concedono a domande rispondendo chiramente... o mi sbaglio?
    Mi piace Leggereditore e mi piacciono i libri che ha proposto negli ultimi tempi.
    Non allarmiamoci per la diminuizione del paranormal, in fondo non è l'unica casa editrice a pubblicare tale genere. Fanucci non ha detto che il genere verrà messo al bando, ma solo diminuito. Perchè inalberarsi così tanto?
    ;-)
    Sofy

    RispondiElimina
  50. Ritardataria come sono al solito, ho apprezzato l'intervista e la disponibilità del Sig. Fanucci.
    Che dire se non che sono felicissima dell'incremento del RS, il mio genere preferito.
    Leggo parecchi libri della Leggere anche se non tutti i generi.
    Ho apprezzato in particola modo l'arrivo della ns. Vieri Castellano e della Phillips.

    RispondiElimina
  51. Intervista interessante che mi ha fatto correre sul sito, ma....è successo solo a me o è impossibile registrarsi?
    Ho anche mandato una mail alla info, però pare che la casella sia troppo piena e quindi.....niente acquisti on line!
    Gio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie della segnalazione Gio, lo facciamo presente alla Leggere. Tu però non desistere e prova a registrarti tra un po'. CIAO!

      Elimina
  52. Grazie a tutte le lettrici che hanno lasciato osservazioni 'costruttive' a questa intervista. Sergio Fanucci, dopo i suoi impegni alla Fiera del libro di Francoforte ha letto i commenti e ci ha incaricato di rispondere quanto segue:

    "Sto leggendo ora e parto dal basso...

    quell'anonimo del 10 ottobre 17,31 cita la Robb che non è paranormal
    e la Lynday Sands che è già pubblicata da Delos... che ignoranza.

    sulle traduzioni pessime e da far schifo, puoi dire alla forte lettrice che legge dall'inglese che sarò
    ben felice di correggerle se magari invece di sparare a zero mi mandasse un libro pessimo con vicino
    la sua traduzione e si mettesse in gioco...

    circa il paranormal, ma se una persona scrive diminuire non vuol dire smettere!!!
    e poi non sanno neanche quello che ho in programma, per diminuire intendevo che la Adrian, Cole per esempio di cui ne uscivano
    tre all'anno ora che siamo in pari con le uscire in Usa ne uscirà solo una! E quindi avremo 5/6 titoli in meno, ed è quello che dicevo.
    Spero che sia chiaro che non fermeremo serie in corso, che non caleremo il numero delle autrici paranormal
    anzi ne lanceremo di nuove.

    Circa La Brockman va bene, mi avete convinto, la riprendo in seria considerazione.

    Concludo dicendo che le critiche fanno bene ma il livore e le offese fanno solo male e non portano a nulla.
    Lo so che la civiltà ci appartiene sempre meno ma ho due bambine e tanti ma tanti lettori, e a tutti loro non voglio
    dare l'esempio del maleducato.
    Un abbraccio
    Sergio Fanucci

    RispondiElimina
  53. Riprendere in considerazione lòa Brockmann?
    FANUCCI, TI ADOROOOOOOOO.....

    RispondiElimina
  54. Non sono certa se il signor Fanucci si riferisca a me come "la lettrice forte" o se c'è qualche altro commento simile al mio che mi è sfuggito comunque, visto che ho parlato di traduzioni pessime (e non schifose) mi sono sentita presa in causa. Partendo dal presupposto che non leggo in inglese e che non sono una traduttrice, gli errori grammaticali, sintattici che riscontro nei libri letti sono in italiano. Detto ciò..voglio portare l'esempio dell'ultimo libro letto, si tratta de "l'angelo caduto" di Susan Ee, libro che per molti motivi (storia, personaggi e intreccio) ho apprezzato e per questo motivo la pessima traduzione mi ha infastidito ancora di più...porto solo alcuni esempi ..quelli che mi hanno spinto a cercare riscontro con la versione originale.
    1) Mi può spiegare la scelta di cambiare il nome dei personaggi, il protagonista ad esempio da Raffe diventa Raf ma non è l'unico nome che è stato cambiato.
    2) perchè la stessa parola "Watchers" che nel libro indicava dei personaggi ben precisi e importanti per comprendere la storia sia stata tradotta in momenti diversi con due termini "Vigilanti" e "Guardiani" (pag. 174 - pag 221)..
    3) passo ad un paio di frasi, solo un esempio niente di più ma che credo rendano l'idea

    Frase in inglese
    “The sun glints off something shiny on the privacy wall the men are building around the latrine.”

    Traduzione del libro pag 121
    "Il sole brilla da qualcosa di scintillante sul muro segreto che gli uomini stanno costruendo intorno alla latrina",...

    forse il senso della frase era questo:
    "Il sole fa risplendere qualcosa di scintillante sul muro di protezione che gli uomini stanno costruendo intorno alla latrina."

    un'altro esempio...pag 201: nel passo precedente il protagonista Raffe si china verso la protagonista per non farsi scorgere da alcune persone in mezzo alla folla...
    la versione inglese è la seguente:
    To the men walking by, Raffe would look like a man being affectionate. But they can’t see his eyes. Despite the smile, Raffe’s expression is one of pain...

    tradotto con:
    Pare affezionato a quegli uomini guerrieri. Ma loro non riescono a vederlo negli occhi. Nonostante il sorriso, dall'espressione di Raf traspare dolore..."

    ...probabilmente l'autrice voleva dire
    A chi passa (o ai passanti), Raffe potrebbe sembrare un uomo affettuoso. Ma loro non possono vedere i suoi occhi. Malgrado il sorriso, l'espressione di Raffe è di dolore...

    Continuo a sottolineare che non sono una traduttrice.
    Come vede io ho portato alcuni miei esempi, sono solo alcuni, di certo non mi sono soffermata a raffrontare ogni singolo passaggio...e ce ne sono altri..anzi, ultimo esempio pag 206
    E invece vedo Raf.
    E' appoggiatA al muro, in un angolo in ombra....

    sono certa che lo catalogherà come refuso e, avrebbe ragione, se non fosse che di refusi ce ne sono veramente molti oltre ai già citati errori di sintassi.

    Francamente mi dispiace aver dovuto portare degli esempi di un libro, con la consapevolezza che questi errori ricadranno direttamente sulla traduttrice di questo specifico libro e non si penserà invece a tutte le altre traduzioni, di altre traduttrici altrettanto disastrose.

    Credo di aver detto tutto, mi dispiace se ciò che ho detto nel post precedente è stato visto come un attacco, forse in parte lo è stato ma era solo per dire che alcune scelte editoriali, nel lungo termine, potrebbero portare sempre meno lettori a leggere i vostri libri.
    Cordiali saluti
    Elena.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena, anche se penso che il commento di Fanucci non fosse rivolto a te in particolare, ti ringrazio molto per questa tua risposta che riporta un problema che sono stati riscontrati in alcuni libri della Leggere e che non vorremmo dover trovare più. Girerò sicuramente questa tua a Fanucci e anche se può spiacere per la traduttrice e anche vero che chi traduce per mestiere dovrebbe avere una certa professionalità, il refuso può capitare a tutti, reiterato continuamente distoglie l'attenzione dalla lettura ed è come minimo seccante, convengo assolutamente con te.
      Cari saluti.
      Francy

      Elimina
  55. Sono d'accordo con Elena, un libro che contiene diversi errori di traduzione ( non soltanto refusi, ma errori di sintassi o traduzioni che cambiano il senso della frase ) ne riducono notevolmente il valore e il piacere di leggerlo. Ho riscontrato questo problema nei libri tradotti di
    Lisa M. Rice , di Jessica Bird e di altri di cui non ricordo il nome. Non posso portare tutti gli esempi come ha fatto Elena perchè mi ci vorrebbe troppo ma credo non sia difficile scoprire quali siano le traduzioni più disastrose se lo si desidera. Questo non vuole essere un attacco al Sig. Fanucci e non è nelle mise intenzionii essere sgarbata; sono solo dispiaciuta di aver trovato una casa editrice che finalmente dedica uno spazio anche alle lettrice di romance ma non sempre riesce a soddisfarle per via di alcune disastrose traduzioni.
    Daniela

    RispondiElimina
  56. Dopo aver lasciato il mio commento non ero più ripassata, mamma mia, quanto avete scritto!
    Per quanto riguarda il paranormal ho capito anche io che non si tratta di interrompere ma solo di diminuire, e se per tanti anni il mercato è stato in mano a vampiri, licantropi, streghe....ben venga che, oltre a questi personaggi, adesso si punti anche su altri generi...soprattutto il romantic suspense che per anni abbiamo desiderato e ci siamo battute per vederlo pubblicato qui in italia, e a piccoli passi ci siamo riuscite. Non so se il signor Fanucci leggerà ancora il post, spero di si. Perchè vorrei che riprendeste in seria considerazione anche i libri di Linda Howard, Emma Wildes e Karen Robards. La Howard è uscita qualche anno fa, mi rendo conto che il libro proposto non fosse uno dei suoi lavori migliori, ma per quale motivo non fare un nuovo tentativo? Inoltre, trovo incomprensibile la scelta di non pubblicare più Emma Wildes che da quello che mi risulta ha avuto un ottimo successo di pubblico.
    Grazie, ed io sono una di quelle lettrici entusiaste per queste belle novità!

    RispondiElimina
  57. Sono in ritardissimo..contentissima per quello che riguarda il RS da me più amato..spero che oltre alle grandi Balogh e Kleypas perché non provare anche con nuove Autrici e tornare a pubblicare la Thomas e la Wildes (citata anche da Rita)che mi sono piaciute molto..una richiesta su tutte purché di qualità e inedite.. ultimamente è sempre più difficile trovare romance che ti fanno trattenere il fiato dall'inizio alla fine ahimè Grazie comunque alla bravissima Francy e al Sig. Fannucci per la bella intervista(anche se probabilmente non leggera questo post )spero che continuerà a fare il possibile per accontentare tutte (compito non facile) un grande augurio di buon lavoro!
    Nicoletta

    RispondiElimina
  58. cara Francy nonostante le promesse della leggereditore ancora non mi è stato inviato l'ebook di "cuore d'oro" contenente anche l'undicesimo capitolo. anche stamattina ho provato a scaricarlo nuovamente ma è sempre disponibile la versione fallata.
    comprendo i tempi tecnici ma non si possono dare indicazioni temporali così sbagliate, i lettore-acquirente si sente preso in giro.
    tra l'altro ho inviato ripetute mail alla gg, , successive alla prima dove mi garantivano la risoluzione del problema in 48 ore,senza ottenere alcuna risposta.......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Cin Cin li ho contattati anch'io, vediamo se riusciamo a risolvere il tuo problema ( visto che la tua ragione è sacrosanta). Appena so qualcosa ( se rispondono!) ti faccio sapere. CIAO
      Francy

      Elimina
  59. grazie per la Tua disponibilità

    RispondiElimina

I VOSTRI COMMENTI ARRICCHISCONO IL BLOG! GRAZIE. (Se li lasciate ricordatevi di firmarli, ci piace sapere chi siete!)
I commenti contenenti offese o un linguaggio scurrile verranno cancellati.

SEGUITE TRAMITE EMAIL

I RACCONTI RS SELEZIONATI DAL BLOG ORA IN EBOOK!

I MIEI PREFERITI / ROMANZI A 5 CUORI !

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

I contenuti e le immagini sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi ed appartengono ai loro proprietari. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei propri diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK
Clicca sull'immagine e vai alla nostra pagina FB

NOI CON VOI...GUARDA IL VIDEO!