NEW ADULT: LUCI E OMBRE DEL GENERE CHE HA CONQUISTATO IL CUORE DI MOLTE LETTRICI

LADY MORTIFERA OGGI HA DECISO DI PUNTARE IL SUO MIRINO SUL NEW ADULT, IL GENERE ROMANCE FORSE PIU' IN VOGA DEL MOMENTO ANCHE IN ITALIA. E' TUTTO ORO QUELLO CHE LUCCICA?

Ormai da diversi mesi il New Adult è in vetta alle classifiche di vendita delle maggiori case editrici italiane, sicuramente merito delle tematiche sensibili e di forte impatto emotivo affrontate, come crescita spirituale, superamento di violenze e adattamento esistenziale. Ma in come tutti i generi, non tutto quello che rientra nel target NA è meritevole di essere letto e così, dopo diverse letture e altrettante riflessioni, ho stilato una breve lista di quello che dovrebbe avere un New Adult per entrare nelle mie grazie di lettrice.
1)Innanzitutto una buona base narrativa: niente espedienti sciocchi e violenza gratuita. Un esempio lampante è “Uno splendido disastro”, dove lui è un pugile dedito ai combattimenti clandestini e lei una ragazza abbastanza sciocca che cambia idea a seconda
della posizione della luna, senza preoccuparsi di ferire il prossimo. Ricordo ad esempio, il suo modo superficiale di gestire i sentimenti di un ragazzo innamorato di lei, che riceve il ben servito dopo vari regali e cene romantiche. Okay, in questo genere l’immaturità ci sta tutta, ma l’intelligenza non è un optional e la piccola Abby ne dimostra veramente poca, soprattutto dimostra poco riguardo per se stessa.
2)L’autrice deve trovare la giusta via di mezzo fra l’essere sintetica e prolissa, a questo proposito mi viene in aiuto lo stile di Jasinda Wilder, che in “Sei sempre stata mia”,  primo romanzo di una serie pubblicata in Italia dalla Sperling e Kupfer, ha sensibilmente annoiato. La prima parte infatti, è dedicata interamente alla descrizione della relazione fra due ragazzi, uno dei quali morirà di lì a breve e, grazie alla sinossi, il lettore ne era chiaramente consapevole, quindi ci siamo dovute sorbire un “polpettone” stagionato, saturo di luoghi comuni, il cui unico intento era
quello di ammorbidire il cuoricino delle lettrici più sensibili. Inoltre i due protagonisti hanno avuto davvero poco tempo per interagire e il loro innamoramento è risultato  troppo frettoloso.  Insomma, va bene che il NA deve mirare alla crescita dei protagonisti, ma non mi sembra il caso di arrivarci straziandoci l’anima, vi pare?
3) L’autrice deve avere il coraggio di osare ma anche la consapevolezza di riuscire a portare a compimento temi delicati e spinosi. A questo proposito, mi viene in mente “Il ragazzo che entrò dalla finestra e si infilò nel mio letto”, già il titolo fa storcere il naso, ma la cosa grave è che qui l’abuso familiare viene affrontato in maniera superficiale, gretta e pericolosa. Con un esito quasi disastroso per tutti i protagonisti. Se tu scrittrice, vuoi parlare di violenza fai pure, ma non scordare che alla fine deve esserci un messaggio forte e chiaro: la violenza si denuncia sempre e soprattutto non ci si fa giustizia da soli.

Ok, adesso che ho esposto i difetti principali del New Adult, voglio parlarvi di due autrici che hanno meritato la mia incondizionata stima e la mia totale devozione. In primis c’è
colei che a mio modesto parere è la regina del New Adult: il suo nome è Colleen Hoover e in Italia è famosa per aver scritto “Tutto ciò che sappiamo dell’amore”, “Le coincidenze dell’amore”, “Le sintonie dell’amore”. Ebbene, anche impegnandomi a fondo, non sono riuscita a trovare qualcosa che sia paragonabile ad un difetto all’interno di queste storie. La Hoover riesce a raccontare tematiche di forte impatto emotivo, senza mai sbagliare un colpo, riuscendo a gestire con intelligenza e sensibilità  situazioni talvolta anche estreme ma che alla fine ti lasciano con una sensazione di appagamento e la consapevolezza di aver colto il messaggio sociale e individuale sotteso. Parlando di bravura, come scordare la meravigliosa e talentuosa Jessica  Ann  Redmersky che, a parte lo scivolone inaspettato di “Sei il mio buio e la mia luce” (Se amate l’autrice, vi prego non
leggetelo mai), si conferma una narratrice di indubbio talento che, attraverso il viaggio on the road, riesce a raccontare un universo giovanile fatto di amarezza, speranza, amore e passione. Credo che il suo Andrew, sia uno dei migliori uomini beta creati su carta e ogni tanto, guardando un autobus scorrere davanti ai miei occhi, confesso di emozionarmi ancora pensando a lui e al suo intraprendente coraggio. Insomma, la narrativa New Adult è in costante evoluzione e credo che nei mesi a venire si assisterà ad una vera e propria esplosione di titoli; alcuni punteranno a conquistarvi attraverso la sensualità, altri con i drammi più disparati, ma quelli che riusciranno davvero a vincere le resistenze del vostro cuore saranno i romanzi che vi insegneranno qualcosa sulla vita e sul peso che l’amore ha per la nostra crescita spirituale.








SE TI PIACE QUESTO GENERE, NON PUOI PERDERE...



PIACE ANCHE A VOI IL GENERE NEW ADULT? CONCORDATE CON L'ANALISI FATTA DA LADY MORTIFERA? QUALI SONO GLI ELEMENTI CHE A VOSTRO AVVISO RENDONO INTERESSANTE QUESTO GENERE DI LIBRI? QUALI QUELLI CHE VI DANNO FASTIDIO?
NON LI LEGGETE? PERCHE'? SIAMO INTERESSATE ANCHE A SAPERE IL PUNTO DI VISTA DI CHI QUESTO GENERE NON LO LEGGEREBBE NEMMENO SOTTO TORTURA. PARTECIPATE ALLA DISCUSSIONE!

UNA PAZIENTE CONQUISTA di Sherry Thomas (Mondadori) - Recensioni


OGGETTO DI DISCUSSIONE DELLA BOOK CHAT DI OGGI E' UNA PAZIENTE CONQUISTA, SECONDO ROMANZO DELLA TRILOGIA FITZHUGH DI SHERRY THOMAS,  PUBBLICATO QUESTO MESE DA MONDADORI NELLA COLLANA CLASSIC DEI ROMANZI.  UNITEVI ALLA NOSTRA CHAT!


Autrice: Sherry Thomas
Titolo originale: Ravishing the Heiress 
Traduttore: Carla Pedretti
Genere:  Storico
Ambientazione: Inghilterra, 1888-1896 ( epoca vittoriana )
Pubblic. originale: Berkley Sensation, 2012,285 pag.
Pubblic. italiana: I Romanzi Mondadori, collana Classic, nr 1102, gennaio 2015
Parte di una serie: 2°libro della trilogia Fitzhugh
Livello sensualità: MEDIO
Disponibile in ebook? Sì, €2,99

TRAMA: I genitori di Millie, borghesi arricchiti, vogliono per la figlia diciassettenne un marito titolato. Il giovane lord Fitzhugh, che ha ereditato una proprietà diroccata e molti debiti, è lo sposo perfetto. Ma se per Millie scatta il colpo di fulmine, Fitz invece prova per lei solo avversione, dato che sarà costretto a rinunciare a una fidanzata bellissima. Viene quindi stipulato un patto: la consumazione del matrimonio verrà rinviata di otto anni e, generato un erede, i due coniugi condurranno vite separate. Tuttavia, all’approssimarsi della scadenza, quando l’amicizia nata fra loro fa sperare a Millie di poter infine conquistare il marito, inaspettatamente ricompare la vecchia fidanzata…

Book Chat-Recensione di Samanthalarossa e Keiko


KEIKO: Sherry Thomas è un'autrice verso la quale sia Samanthalarossa che io nutriamo sentimenti ambivalenti come abbiamo scoperto parlandone tra noi. Alcuni suoi romanzi ci son piaciuti, altri meno, così abbiamo deciso di leggere in tandem questo suo ultimo lavoro edito da Mondadori per poi confrontare le nostre impressioni.
La sinossi, in maniera sintetica ed efficace, riassume sostanzialmente l'argomento che l'autrice tratterà nel suo romanzo, ciò che però possiamo apprendere solo leggendo sono le numerose sfaccettature emozionali che questo libro riesce a suscitare nell'animo del lettore, almeno per me è stato così. Fitzhugh, un giovane diciannovenne eredita insieme al titolo una proprietà che ha urgente necessità di essere ristrutturata e molti debiti da rifondere. E' anche disperatamente innamorato di una ragazza, Isabelle che conosce fin da piccolo e con cui sogna di affrontare il futuro, ma questo desiderio si infrange nel momento in cui si rende conto che dovrà fare un matrimonio di interesse per salvare se stesso e la sua famiglia dall'indigenza. Millicent Graves è la sposa d'interesse che gli sarà presentata, ricca e borghese appena lo vede così diverso da come se l'era immaginato, si innamora di lui. Subito però Millie si rende conto che dietro la gelida cortesia di Fitz si nasconde un animo infelice, incattivito con la sorte, che mai potrà provare dell'affetto per lei, dati i presupposti della loro unione e dimostrando una maturità di carattere degna di nota per la sua giovanissima età, gli propone un matrimonio di convenienza basato almeno su un'amicizia, dove il lato fisico del loro rapporto sia posticipato in un futuro. Da qui la storia si dipana con una serie di flashback che ci narrano la coppia allo scadere degli otto anni di matrimonio, intervallati da brevi squarci su come si è evoluto il loro rapporto nel tempo, attraverso anche le esperienze che li portano a crescere. Un romanzo questo che non è subito fuoco e passione, ma una lenta costruzione di una relazione, con fatica e passi falsi sopratutto da parte di Fitz, che posso dire in un primo momento ho detestato per il suo atteggiamento freddo e scostante e di rivalsa su Millie, ma che si è dimostrato ben altro man mano che l'intreccio procedeva.


Bellissimo e denso di sentimento questo romanzo, mi sono trovata incatenata a un’altalena di emozioni mano a mano che procedevo con la lettura. Sherry Thomas usa come sua abitudine la tecnica del flashback per meglio chiarire alle lettrici i trascorsi che legano i due protagonisti di questo libro. L’autrice con il suo modo di scrivere e il suo linguaggio così ricco di sfumature ci descrive un’ amicizia in crescita giorno dopo giorno, un rapporto in lento divenire, un processo di maturazione inevitabile di due ragazzini costretti loro malgrado ad affrontare delle prove ardue che non riusciranno a superare se non uniti dalla reciproca stima.
Quando i due si sposano la protagonista ha solo sedici anni, ma è già una giovane seria, responsabile e matura. Il protagonista invece si comporta come tutti i nobili rampolli del ton, Fitz è libero di sedurre qualsiasi donna colpisca la sua fantasia, Millie ne è al corrente e questo penso sia una cosa che a più di una lettrice non sia piaciuta, è proprio in questo frangente che a mio parere sta la forza della ragazza: capisce infatti che l’unica maniera di continuare questo matrimonio e di trarne il meglio,  sarà instaurare una grande amicizia e un’ inesauribile collaborazione con questo marito di cui è segretamente innamorata sin dal primo istante. Isabelle l’altra, rimane un sogno idealizzato per Fitz, mentre la moglie rappresenta la donna più ammirata, stimata, quella che può comprenderlo e dividere i suoi sogni e le sue fatiche.
Un giorno però tutto questo vacilla nel momento in cui l’antico amore Isabelle,  riappare nella vita di Fitz, vedova e desiderosa di riallacciare la passata relazione. Questo per me è stato il momento cruciale del romanzo concordi Keiko?


Il momento topico del romanzo è sicuramente il ritorno di Isabelle. Finalmente il passato e il presente possono confrontarsi e l'autrice dà un saggio di come il tempo modifichi le persone, le loro percezioni e sentimenti. La Thomas  fornisce  una visione realistica di come il maturare e la lontananza mutino il sentire delle persone. Fitz ed Isabelle dapprima sono abbastanza impacciati tra loro, ma concordi nel  darsi una possibilità e cercare di vivere quell'amore che era stato troncato così bruscamente dalle avversità. Man mano però che il riavvicinamento procede si accorgono che in loro qualcosa è cambiato, soprattutto in Fitz. Dell'amore assoluto, permeante, disperato che fu, è rimasta una pallida imitazione. Isabelle coltiva l'illusione di una vita insieme, procede per la sua strada non tenendo conto di null'altro che se stessa, senza pensare ai propri  figli e all'abbandono di Millie. Cerca in ogni modo di intrufolarsi nella vita di colui che l'amava non tanto per sentimento, quanto per ritrovare sicurezza dopo che la sua vita rischia di andare alla deriva senza il punto fermo di un uomo. Ed è qui, al momento delle decisioni cruciali che Fitz capirà che cosa deve fare. Il punto di vista di Fitzburgh in questo frangente, ci fa capire quanto è maturato vero Samantha? Anche in relazione a come Millie si è dimostrata verso di lui e la sua famiglia.


Fitz è talmente ossessionato dal suo amore perduto che vive con i paraocchi per quasi tutta la vicenda. Anche quando comincia a rendersi conto che prova dei sentimenti per la moglie, sembra più interessato a Isabelle che non a Millie. Credo che Fitz veda Millie come una donna molto forte che poteva gestire bene la sua defezione, ma francamente avrei voluto strangolarlo in molte occasioni. Certo nel finale capisce cosa sia l’amore adulto, cosa significhi costruire un’esistenza giorno per giorno nel bene e nel male, in salute e malattia, in ricchezza e povertà come presumibilmente aveva promesso in chiesa otto anni prima, ma l’amore idealizzato e infantile per Isabel è durissimo da scalfire e cancellare definitivamente. Il crepacuore, la devastazione e il tormento emotivo sono tutti fuori scala in questo romance. Mi sono commossa dal punto centrale del libro, fino alla fine. La conclusione però anche se soddisfacente,  è stata un po’ troppo veloce Fitz avrebbe avuto bisogno di più tempo per crescere e strisciare ai piedi di sua moglie. Avrei preferito che più pagine fossero state dedicate alla trasformazione di Fitz.
Questo romanzo non è solo la storia di un amore, ma è un viaggio, che ha lasciato un segno indelebile in me ,  è emotivo, è pieno di sensualità e di tensione ed è una storia che tutti dovrebbero leggere a mio parere, spero di ritrovare questa coppia anche nell’ultimo libro di questa trilogia che sarà dedicato alla storia di Helena, sorella di Fitz e il Visconte di Hastings. Non ho dubbi il mio voto per questo Romance è , lo consiglio spassionatamente a tutte.

 Ben costruito e interessante, commovente e romantico, riflessivo e introspettivo, a questo romanzo meritatissimi  .






LEGGI QUI un estratto del primo capitolo del romanzo.

DA LEGGERE NELLA TRILOGIA FITZHUGH
0.5. Claiming the Duchess (2014) - novella inedita in Italia
1. Beguiling the Beauty (2012)- ed.italiana: INGANNEVOLE BELLEZZA, IRM Classic, settembre 2014 - Christian de Montfort, duca di Lexington e Venetia Easterbrook - LEGGI QUI la ns recensione
2. Ravishing the Heiress (2012) ed.italiana:UNA PAZIENTE CONQUISTA, IRM Classic, gennaio 2015 - Fiz, Il Conte di Fitzhugh e Millicent Graves
2.5. A Dance in Moonlight (2013)novella inedita in Italia
2.75. The Bride Of Larkspear (2012)racconto inedito in Italia
3. Tempting the Bride (2012) - David Hillsborough, Viscount Hastings e Helena Fitzhugh

L'AUTRICE
SHERRY THOMAS è arrivata negli Stati Uniti dalla Cina all'età di tredici anni. Un anno dopo, con tutto l'inglese imparato fin lì e il suo fidato dizionario cinese-inglese stava già divorando le 600 pagine di un romance storico fra quelli allora in auge. La lettura di storie sentimentali l'ha quindi aiutata a imparare la lingua e l'ha prepararla alla sua futura carriera di scrittrice romance.
Sherry vive a Austin in Texas con il marito e due figli. Quando non è impegnata con la scrittura, le piace leggere, fare giochi elettronici con i suoi ragazzi e ancora leggere.
VISITA LA SUA PAGINA FB:


TI INTRIGA LA TRAMA DI QUESTO ROMANZO? TI PIACEREBBE LEGGERLO? HAI LETTO L'ALTRO LIBRO DELLA SERIE? TI PIACE LO STILE DI SHERRY THOMAS?

PARTECIPA ALLA NOSTRA BOOK CHAT!

GHIACCIO NERO di Anne Stuart (Leggereditore) - Recensione


DAL 29/1 IN LIBRERIA


Autrice:Anne Stuart 
Titolo originale: Black Ice
Traduttrice: Sonia Gatti
Genere: Romantic Suspense
Ambientazione: Francia/ USA
Pubblic. originale: Mira Books, 2005, pp. €9,90
Pubblic. italiana: Leggereditore, ebook 15/12/14- cartaceo 15/1/15, pp. 384
Parte di una serie: 1° serie Ice
Livello sensualità: MEDIA
Disponibile in ebook? Sì, €4,99

TRAMA: Chloe Underwood è un’americana a Parigi che vive di paga in paga traducendo libri per bambini, ma darebbe qualsiasi cosa per un briciolo di eccitazione e passione... e magari anche qualche brivido. Così, quando le offrono di fare da interprete per un gruppo di uomini d’affari in un castello sperduto nella campagna francese, accetta sperando di smuovere un po’ le acque. Ma all’improvviso e per puro caso scopre più di quanto avrebbe dovuto: gli imprenditori che l’hanno assunta non sono quello che sembrano, e lei si ritrova a essere una testimone scomoda e da eliminare. Prima che possa rendersi davvero conto del pericolo in cui è incappata, uno di loro, il misterioso Bastien Toussaint, la trascina via, e per Chloe ha inizio una fuga con l’uomo più tenebroso e seducente che abbia mai conosciuto. Ma quali sono le intenzioni di Bastien? E Chloe vivrà abbastanza a lungo per scoprirle?

“Se ci trovassimo in un altro tempo e in un altro luogo, ti porterei nel mio letto e farei l'amore con te per giorni" disse lui con voce lenta, profonda, intensa.
"Percorrerei ogni più piccola parte della tua pelle con la mia bocca, e ti farei venire, ancora e ancora fino a sfinirti, e poi ricomincerei da capo. Bacerei le tue ferite, berrei le tue lacrime, ti amerei in modi che non sono ancora stati inventati,
su campi di fiori e sotto cieli stellati, dove non ci sia morte o dolore o tristezza.
Ti mostrerei cose che non hai neppure sognato, e non ci sarebbe nessun altro
al mondo tranne te e me, tra le tue gambe, nella tua bocca, ovunque."
Anne Stuart non ha bisogno di presentazioni, ormai la sua fama di narratrice eccelsa la precede e la sua divina penna partorisce sempre magnifici capolavori. “Ghiaccio nero”, primo titolo di una serie
che racconta le gesta di un’ organizzazione segreta denominata “Il Comitato”, è un romanzo mozzafiato che miscela sapientemente i tratti caratteristici del romance con le tinte fosche del genere dark, che la Stuart predilige in quasi tutti i suoi libri.  In questa splendida storia niente è come appare ma allo stesso tempo tutto è come sembra. Chloe è una giovane donna come tante che, a causa del suo lavoro di interprete,  improvvisamente si ritrova invischiata in un gioco pericoloso, vittima innocente di un giro di illegalità dove a salvarle la vita sarà colui che doveva togliergliela, sto parlando di Bastien Toussaint il classico eroe “Stuartiano” vale a dire oscuro, pericoloso e irascibile ma anche magnetico e brillante, con una morale distorta ma in qualche modo coerente. In questo  romanzo di altissimo livello narrativo niente viene lasciato in balia del caso, tutto è calibrato con maestria e la caratterizzazione fluida dei personaggi rende la storia estremamente vivida e appassionante. Dovete credermi se vi dico che non potrete smettere di pensare a Chloe e Bastien anche a romanzo chiuso, vi sentirete parte di loro, respirerete la loro paura e vivrete i loro
turbamenti con il cuore colmo di struggente aspettativa.
Chloe e Bastien, in fuga dal male per raggiungere la libertà, si ritrovano a condividere un’attrazione divorante e selvaggia che non ha ragione di esistere ma che esplode maestosamente rompendo i
confini della razionalità e così, tra pericolosi inseguimenti, passione mozzafiato e sparatorie sanguinose, nasce  un amore travolgente, un amore che supera le barriere e fino all’ultimo secondo cambia le carte in tavola regalando momenti di sconcertante adrenalina.  L'intesa fra questi due fascinosi protagonisti è talmente profonda da attraversare le pagine per arrivare dritto all'anima del lettore che per tutta la durata della narrazione non sa cosa aspettarsi né cosa sperare che accada. Insomma, qui la suspense non è solo un pretesto per far accoppiare i due personaggi di turno, perché questo è un romantic suspense VERO, a volte crudo ma sapientemente raccontato, anche grazie ad un cinismo così pungente da
far storcere il naso più volte ma al contempo così seducente da irretire completamente. Se proprio devo trovare una pecca a questa romanzo è il finale piuttosto stringato che se da un lato cala il sipario sul più bello, dall’altro intensifica l’epilogo lasciando una piacevole e memorabile sensazione nel cuore, molto simile all’atterraggio dopo un volo di linea particolarmente turbolento.
Se volete vivere il brivido incontrollabile della suspense e conoscere un amore che ridisegna i confini del bene e del male, allora vi consiglio di cogliere senza esitazioni l’occasione di leggere questo folgorante piccolo capolavoro, merito di una regina del romance che con questo lavoro ha superato se stessa e soprattutto le aspettative di noi lettrici, cadute ancora una volta vittime della sua brillante fantasia e dei suoi maschi  follemente dominanti.



cartaceo           ebook

DA LEGGERE NELLA SERIE ICE
1.Black Ice (2005) - ed.italiana: 1^ L'INTERPRETE , Harlequin/Mondadori (2006);              2^ GHIACCIO NERO, Leggereditore, dicembre 2014 - Bastien Toussaint e Chloe Underwood
2.Cold As Ice (2006) - ed.italiana: FREDDO COME IL GHIACCIO, Leggereditore, gennaio 2015 - Peter Jensen e Geneviève Spencer
3. Ice Blue (2007)- Takashi O'Brien e Summer Hawthorne
4. Ice Storm (2007) Serafin Killian e Isobel Lambert
5. Fire and Ice (2008)Reno e Jilly Lovitz


VUOI CONOSCERE MEGLIO LA SERIE ICE?
LEGGI QUI LA NOSTRA PRESENTAZIONE DI TUTTI I ROMANZI DELLA SERIE 

L'AUTRICE
Anne Stuart è nata a Filadelfia, poco dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale, in una famiglia di grande tradizione culturale ed è cresciuta a Princeton, nel New Jersey.Sin dalla più tenera età ha dimostrato un'innata predisposizione per la letteratura, tanto che ha iniziato a scrivere racconti d'amore quando ancora frequentava le medie inferiori.Quando la sola lettura non l'ha più pienamente soddisfatta, ha scritto il suo primo romanzo d'atmosfera gotica, intitolato Barrett's Hill. Questo primo romanzo è stato pubblicato da Ballantine nel 1974, quando Anne aveva solo venticinque anni! Successivamente i suoi lavori sono stati pubblicati da moltissimi editori di prestigio, tra cui Dell, Doubleday, Berkley, St. Matrin's, Pocket Books, Avon, Signet, Zebra, Fawcett, Silhouette, Harlequin e MIRA.Attualmente scrive romanzi ricchi di suspense per MIRA, romanzi rosa per Harlequin American Romance e anche romanzi storici.Anne nel Vermont, con il marito , i due fgli , quattro gatti e uno springer spaniel.
VISITA IL SUO  SITO: www.anne- stuart.com/books.html


VI INTRIGANO LA TRAMA E I PERSONAGGI DI QUESTO ROMANZO E VI PIACEREBBE LEGGERLO? VI PIACCIONO I 'BAD BOYS' DI ANNE STUART? 

LA VERA STORIA DELLA PRINCIPESSA SISSI E DELL'ANARCHICO CHE LA UCCISE di Renzo Castelli (ETS edizioni) - Recensione



Autore: Renzo Castelli
Genere: biografia
Pubblicazione: ETS edizioni, coll.Obliqui,novembre 2014, p.192, €13
 Disponibile in ebook?  No

TRAMA: Ciò che dagli anni Cinquanta mezzo mondo ha creduto di conoscere, grazie alla trilogia di film di Ernst Marischka interpretati da Romy Schneider, della cosiddetta "principessa Sissi", è poco meno di un palese falso storico. A cominciare dal titolo e dallo stesso nome. Elisabetta di Baviera, imperatrice di Austria e regina d'Ungheria, non fu infatti mai "principessa", essendo stata duchessina e poi imperatrice, né alcuno la chiamò mai in vita con il vezzeggiativo di "Sissi". Altri elementi della narrazione distorcono l'intera vicenda. Lo stesso anarchico che la uccise, pugnalandola sulle sponde del lago di Ginevra, non fui mai un "vero" anarchico ma un giovane disperato e gonfio di rancore. Elementi più che sufficienti per una rivisitazione delle vicende che videro protagonisti una donna la cui figura fu ben più complessa e contraddittoria di quanto quei film mostrassero e un uomo che fu vittima del suo terribile passato. Due destini che, venendo da mondi tanto lontani, si incrociarono infine nella maniera più tragica, sulle rive di un lago.


Doverosa premessa: se avete un legame affettivo vicino alla devozione per il mondo di zucchero e balze immortalato dai film della “Principessa Sissi”, anche se sto per consigliare caldamente un saggio su Elisabetta d’Austria, forse è meglio che vi asteniate dal continuare la lettura! La ragione è semplice: Elisabetta rappresenta una figura interessante, inquieta, singolare, ma il suo ritratto, così come emerge dalle biografie più documentate, e anche dal volume di Renzo Castelli “La vera storia della Principessa Sissi e dell’anarchico che la uccise” (ETS edizioni) si discosta molto dal cliché cinematografico, e risulta assai poco dolce.
Effettuato “l’avvertimento” (semiserio), possiamo aprire questo libro, che ha il pregio di unire rigore storico con scrittura scorrevole, e iniziare da due constatazioni, che tuttavia suonano quasi rivelazioni. Elisabetta, tanto per cominciare, non fu principessa neppure per un giorno: nacque duchessa, e sposandosi divenne imperatrice. E, da viva, nessuno la chiamò Sissi: in famiglia il suo nomignolo era Lisi, e, a Vienna, Sisi, con una sola s.
La sua storia s’intreccia con il tramonto degli imperi centrali, e si colora di turbamento, irrequietezza, rimorso, perenne e crescente intolleranza verso l’ambiente di corte.
Guardando il ritratto di Lisi/Sisi, invece che quello, ben radicato nell’immaginario collettivo, di Sissi ( diminutivo postumo esistito solo per il mondo dello spettacolo) non si trova nemmeno molto spazio per l’amore romantico, piuttosto una grande passione per la libertà, inseguita e mai raggiunta, fra lunghe galoppate a cavallo e viaggi continui verso terre lontane.
Ma l’aspetto più originale del libro di Castelli sta nell’accostamento fra l’imperatrice e il suo assassino, Luigi Luccheni, di cui di solito si cita appena il nome e la “qualifica” di anarchico.
In un curioso eppur intrigante gioco di trasparenze e sovrapposizioni, vediamo convergere la vita dell’una, fatta di privilegio, agi e capricci, e di una doppia prigionia di convenzioni esterne e convinzioni interiori, e dell’altro, bambino abbandonato, cresciuto nella miseria, alla disperata ricerca di un posto che lo definisca nel mondo, fino al giorno fatale, il 10 settembre 1898,  in cui Luigi pugnalerà a morte Elisabetta, sul lungolago di Ginevra.
Scopriamo come Luccheni fosse un anarchico “sui generis”, non legato alle organizzazioni, e come addirittura fosse stato un militare zelante in Africa e avesse aspirato al lavoro di guardia carceraria, ruoli poco confacenti allo sguardo dell’anarchia diffusasi a fine ‘800, mentre l’imperatrice stessa talvolta scriveva righe ribelli che non sarebbero dispiaciute ai nemici del potere costituito.
Lontanissimi, vicini solo in un istante fatale, Elisabetta e Luigi appaiono paradossalmente accostati da una pericolosa fascinazione per la morte, e da una sete insoprimmibile di pace, che pur si traduceva in grande irrequietezza.
Sotto gli ippocastani fioriti di Ginevra, esplose un grumo di dolore, in fondo inconoscibile, eppure connaturato ai fremiti sofferti di un mondo dalle apparenze felici, dalle gravi disparità, dal veloce progresso e cambiamento, in ogni caso destinato a frantumarsi nel primo conflitto mondiale, e ad affondare lentamente sotto gli occhi di Francesco Giuseppe, ormai anziano imperatore vedovo di una moglie bellissima e “difficile” come Elisabetta, che continuerà a guardarlo dai ritratti conservati nel suo studio, fino a quando lui  morirà, poco prima della fine delle ostilità sui fronti e del suo stesso impero.





L'AUTORE
Renzo Castelli (Pisa, 1937) ha svolto una lunga attività giornalistica scrivendo su importanti testate nazionali («Paese Sera», «La Stampa», «La Nazione»). Ha pubblicato una ventina di libri di sport, costume, storia, narrativa, vincendo numerosi premi. Con questo nuovo libro posa il suo sguardo curioso su una remota vicenda che ebbe grandissimo clamore: l’assassinio dell’imperatrice d’Austria, Elisabetta di Wittlesbach. Una storia torbida, che è stata edulcorata da un cinema di maniera, nella quale il contorno dei protagonisti – la vittima e l’assassino – è sempre rimasto avvolto in un alone di leggenda.

TI INTERESSA LEGGERE QUESTO LIBRO? TI PIACE LEGGERE BIOGRAFIE DI PERSONAGGI STORICI? TI AFFASCINA IL MITO DELLA PRINCIPESSA SISSI?

BACIATI DALLA LUNA di Marco Cannella (Delos Digital) - Recensione

Autore: Marco Canella
Genere: Romance contemporaneo, racconto
Ambientazione: Italia
Pubblic. italiana: Delos Digital, dicembre 2014, P.66, € 1,99
Livello di sensualità: Basso
E-Book: Disponibile solo in e-book

TRAMA: Emma, bellissima ragazza bionda che lavora da un commercialista, sta con Giorgio, ragazzo dal fisico statuario che di mestiere fa il pescatore. Emma lo ama, anche se lui spesso mette gli amici davanti a lei. Giorgio, però, rappresenta una certezza nella sua vita e le fornisce quella sicurezza che la ragazza sente di avere smarrito dopo che il mare le ha portato via il padre, anche lui pescatore. Ma Giorgio non è l'unico uomo nella vita di Emma. Marcello è un collega dolce e premuroso, e pure molto simpatico. La mente di Emma lo considera solo un amico, ma il suo cuore non sembra essere dello stesso parere. Già in passato, infatti, ha vacillato di fronte a lui. Quando Emma e Giorgio litigano pesantemente, il passato torna a galla e la figura di Marcello emerge di prepotenza sconvolgendo, ancora una volta, il cuore della ragazza. Sarà la luna a spingere Emma a tirare fuori i suoi veri sentimenti, e ad aiutarla a dipingere una tela rimasta bianca troppo a lungo. 


Ero curiosa di leggere questo racconto perché scritto da una penna maschile, cosa piuttosto rara nel romance. La storia è molto carina e realistica. Viene narrato infatti il rapporto conflittuale tra Emma e Giorgio. Lei è una ragazza romantica, che sogna di farsi una famiglia con l’uomo che ama e una vita tranquilla al suo fianco. Lui al contrario è un uomo egoista ed egocentrico, più interessato a divertirsi con gli amici che alla propria fidanzata. Ma ecco che entra in scena un terzo personaggio, Marcello, un collega di Emma che è da sempre innamorato di lei e che la supporta in ogni momento.
Lo stile narrativo di Marco Canella è fluido e coinvolgente. I dialoghi sono molto realistici, così come i personaggi che appaiono come persone vere, quelle che incontriamo ogni giorno nella vita reale e questo è il tratto che mi è piaciuto di più di questo racconto: la quotidianità.
Purtroppo non ho apprezzato molto il personaggio di Emma, troppo debole e piagnucolosa per i miei gusti. Non ha orgoglio e sembra non accorgersi della realtà neppure quando le viene fatta notare dall’amica, Bianca.
Marcello invece incarna l’ideale dell’uomo romantico e paziente, pronto ad aspettare la donna che ama per sempre e a concederle una spalla su cui piangere. Mi è piaciuto molto il modo che ha di interagire con lei, la loro complicità e la scena del loro primo bacio mi ha intenerita tantissimo.
Un altro personaggio che ho apprezzato è Bianca. Sembra più matura della protagonista e non mi dispiacerebbe leggere una storia interamente dedicata a lei.
Per concludere, posso dire che “Baciati dalla luna” è un racconto che si legge brevemente e che lascia un sapore dolce in bocca, adatto alle lettrici più romantiche, in cerca di lacrime e sospiri. Per mio gusto personale avrei preferito un po’ più di passione e magari un accenno di cambiamento nel carattere di Emma che avrei voluto più combattiva, almeno nel finale.
Ma chissà che l’autore non ci proponga un personaggio femminile più audace nel suo prossimo racconto.













L'AUTORE
Marco Canella nasce a Copparo (FE) nel 1979, e vive a Tresigallo (FE).Nel 2012 ha vinto il concorso "La Città del Principe" di Carignano (TO), con il racconto "Anche gli angeli portano le scarpe".
Con "Delos Books" ha pubblicato nel 2012 il racconto "L'amore sopravviverà" nel libro "365 storie d'amore", mentre nel 2013 ha pubblicato lo scritto "Cuore di metallo" nel libro "Il magazzino dei mondi 2", sia il racconto "Un fiocco rosso" nel libro "365 racconti di Natale". Nel 2013 ha pubblicato un libro di racconti "Emozioni all'orizzonte" edito dall'associazione "Progetto Cultura e Turismo" di Carignano (TO). Nel 2014 ha pubblicato il racconto "Mare, profumo di mare" nel libro "365 racconti d'estate". e i due scritti "Il Guardasabbia Markus" ed "Eureka: Mondo9 esiste!", nell'ebook "Tutti i mondi di Mondo9" nella collana "Odissea Digital" di "Delos Digital".
"Baciati dalla luna" è la sua prima pubblicazione nella collana "Passioni romantiche" di "Delos Digital".


TI INTERESSA QUESTO LIBRO? L'HAI GIA' LETTO? COSA NE PENSI? QUANDO E' UN UOMO A SCRIVERE DI SENTIMENTI, LE PROSPETTIVE SONO DIVERSE RISPETTO A QUANDO SCRIVE UNA DONNA?

SEGUITE TRAMITE EMAIL

I RACCONTI RS SELEZIONATI DAL BLOG ORA IN EBOOK!

I MIEI PREFERITI / ROMANZI A 5 CUORI !

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

I contenuti e le immagini sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi ed appartengono ai loro proprietari. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei propri diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK
Clicca sull'immagine e vai alla nostra pagina FB

GUARDA IL VIDEO DEL BLOG!