CANDY CANDY NOSTALGIA


Le ultime generazioni hanno avuto modo di conoscerlo solo grazie a qualche spezzone su Youtube, a qualche file sgranato scaricato con Emule e Bit torrent, o a qualche vhs ormai polverosa ritrovata a qualche fiera o da qualche fan più anziano, o sfogliando qualche vecchio giornalino, ma Candy Candy resta tutt'oggi uno degli anime giapponesi più amati di tutti i tempi, anche per chi poi non ha continuato a seguire il mondo rutilante degli otaku e dei manga.

Arrivato sugli schermi italiani nella primavera del 1980 dopo aver ottenuto ottimi consensi in patria, in Francia e nei paesi di lingua spagnola, trasmesso sui canali privati dove fece registrare uno dei primi boom di ascolto non Rai, Candy Candy, pur con tutti i limiti di realizzazione (la protagonista gira vestita sempre allo stesso modo per un tot di episodi, come a sancire delle fasi e oggi questo è decisamente obsoleto, senza contare il riciclo dei posti e degli scenari) resta una storia e un personaggio di culto, a metà strada tra il romanzo popolare europeo e la telenovela, ma fatto in animazione.
La storia di Candy, raccontata in un manga di oltre mille pagine e in un anime di 115 episodi, segue la protagonista attraverso varie fasi, dall'infanzia felice presso la Casa di Pony (lontanissima come stereotipo da quello classico degli orfanotrofi come luoghi di tristezza e violenza) all'infelice permanenza presso la perfida famiglia Legan, dall'amore platonico troncato tragicamente con Anthony al periodo come studentessa presso il collegio inglese Royal St. Paul School durante il quale la nostra eroina si innamora dell'affascinante Terence, al ritorno in America che la porta a scegliere poi la professione da infermiera fino all'età adulta, mentre in Europa si combatte la Grande Guerra. Una storia certo non priva di lungaggini, di ripetizioni (soprattutto nell'anime), ma che ha saputo affascinare una generazione di ragazzine (e non solo loro, visto che Candy era amato anche dai maschietti e da non pochi adulti di ambo i sessi) che giorno per giorno si commuoveva e si appassionava con una storia che comunque sa coinvolgerti, anche solo per vedere come va a finire.
Dietro a Candy c'è tutto il mondo degli shojo manga, il filone più prolifico ed interessante dei manga, dove autrici come appunto quelle di Candy, Yumiko Igarashi e Kyoko Mizuki, ma anche Riyoko Ikeda, la "mamma" di Lady Oscar (vedi qui), Waki Yamato, creatrice di Mademoiselle Anne e tante altre, hanno inventato storie dove si mescolano vari generi, dal romanzo storico alla storia di formazione, dal romance all'horror. Gli shojo manga hanno saputo infatti mettere insieme in maniera sincretica tutta la tradizione romantica occidentale e la lezione della letteratura per dame di Murasaki Shikibu: dietro a Candy si scorgono riferimenti abbastanza evidenti a Jane Eyre di Charlotte Bronte, a Piccole donne di Louisa May Alcott, a Orgoglio e pregiudizio (i battibecchi tra Candy e Terence ricordano non poco quelli tra Darcy ed Elizabeth) e le autrici hanno sempre detto di essersi ispirate a Papà gambalunga di Jean Webster, soprattutto per l'esito finale della vicenda, che vede Candy sposarsi con Albert, il suo benefattore.
In Italia le fan preferivano (e preferiscono ancora oggi) il bel tenebroso Terence, amore romantico e decisamente un po' sanguigno, attore di talento che finiva intrappolato dalla sua ex collega diventata invalida Susanna Marlowe, per cui si preferì cambiare i dialoghi dell'anime in tv facendo credere che Candy avrebbe poi raggiunto Terence, ed aggiungere un finale posticcio ad uno dei due film di montaggio usciti al cinema con Candy e Terence che si abbracciavano. Sarà stato anche il primo tentativo di creare un finale falso ad un anime giapponese, ma senz'altro la maggior parte dei fan italiani ha apprezzato, tenendo però conto che c'erano anche sostenitori di Albert, visto come più affidabile, ma anche inevitabilmente più noioso, in una prospettiva di una storia che voleva essere follemente romantica.
Del resto Candy Candy fu nel nostro Paese un vero e proprio fenomeno di fandom, ancora di più per certi versi dei pur popolarissimi Heidi e Atlas Ufo robot, anche perché fu la prima storia made in Japan ad essere sfruttata in maniera seria da una casa editrice italiana, il Gruppo editoriale Fabbri, che produsse tutta una linea di oggetti per la scuola e il tempo libero con sopra l'effige di Candy ricavata per lo più da immagini originali anche molto belle, ma che soprattutto propose la prima rivista contenitore di manga in italiano, con il settimanale di Candy Candy. Sulle pagine di un giornalino ancora oggi ricordato come mitico dalle sue lettrici, che spesso conservano gelosamente le annate ormai polverose, si poté trovare la traduzione del manga (colorizzata, ma fatta bene), alcune rubriche di varietà anche abbastanza interessanti anche se pensate per un target di ragazzine, la traduzione di altri shojo manga (non sempre eccellenti come operazioni, basti pensare alle censure e interruzioni a cui andarono incontro i fumetti di Lady Oscar, Georgie e Via col vento) e un seguito posticcio di Candy fatto in Italia con il quale però ci si perse un po' per strada.
Come mai è tutto finito, in un momento in cui l'effetto nostalgia traina sempre di più? Non è stata colpa degli appassionati, che continuano a cercare gadget e pubblicazioni on line e alle fiere del fumetto, come le bellissime bambole licenziate in Italia dalla Poljstil su modello giapponese, e che rivedrebbero molto volentieri la serie, magari in una bella edizione in dvd con contenuti speciali. La colpa di tutto è la lite che contrappone da anni le due autrici di Candy, Kyoko Mizuki e Yumiko Igarashi, poi inventrice di altri universi interessanti come quello da feuilleton ottocentesco di Georgie e quello fantasy al femminile de La spada di Paros. Un tempo le due erano amiche inseparabili, vennero anzi insieme in Italia ai tempi del settimanale, poi i casi della vita le hanno divise, e da parte della Igarashi c'è stato un voler bloccare a tutti i costi i diritti di pubblicazione di Candy sotto tutte le forme in tutto il mondo per evitare che anche Kyoko Mizuki ne potesse usufruire. In due gradi di giudizio è stato stabilito che il personaggio di Candy deve poter arricchire entrambe, ma evidententemente la fine di un'amicizia porta anche al voler impedire alla propria ex collaboratrice di poter vedere riconosciuto il proprio lavoro.
Dopo anni di assenza, si è sbloccata la situazione di Sailormoon, altro shojo manga ed anime popolarissimo, che era stato bloccato come diritti dall'autrice Naoko Takeuchi che non aveva gradito le censure e che ha richiesto e ottenuto determinate garanzie: qui la testa da mettere d'accordo era una sola, e non per storie di ripicche ma per una questione in definitiva comprensibile.
Purtroppo non si vede come altrettanto facile una soluzione del caso di Candy, ed è un peccato comunque, non solo perché ci sarebbero pronte le case editrici per una pubblicazione del manga e della serie in dvd e perché numerose reti televisive vorrebbero proporre quello che è comunque un classico. Ma a volte le beghe personali possono distruggere un sogno.


Elena



La famosa sigla...



E il bacio fra Candy e Terence ve lo ricordate?...




P.S. Una fan di Candy Candy ci ha fatto sapere che in Giappone è uscito il sequel del manga  composto da due libri e sembra che dentro ci sia ditutto: come è andata a finire la storia, etc!
Il forum Candy Candy, promotore di questa notizia, ha aperto una petizione per una raccolta firme per una futura pubblicazione in italiano di questa Final Story......
SE VOLETE ANCHE VOI FIRMARE QUESTA PETIZIONE ANDATE AL SITO: http://www.firmiamo.it/candy-candy-final-story--in-italiano
Eravate anche voi fra le fan di Candy Candy, un po' innamorate di Terence o di Albert? Lasciate un commento.




18 commenti:

  1. Ho sempre detestato questa crocerossina,a differenza di Lady Oscar o Georgie. Ho pianto per la morte di Antony e mi sono depressa quando Susanna è rimasta mutilata...Portasse un pò iella sta tizia??
    Certo è vero che non fanno più manga e/o anime di una volta.

    RispondiElimina
  2. Ho sempre tifato Terence, anche se sapevo che nelle intenzioni dell'autrice ci fosse l'idea che alla fine Candy dovesse mettersi con Albert (alias il principe della collina).
    Ma Terence ERA l'amore di Candy. Diverso sarebbe stato se Candy avesse capito di amare Albert e avesse lasciato Terence. Qui c'è il dolore della separazione per lasciare Terence a Susanna e, di fatto, rimane la sensazione che i due continuino ad amarsi per sempre anche se divisi...
    Non ricordavo la scena del bacio.
    Grazie per averla postata!!!

    PS Ad ogni modo il mio cartone preferito rimane Conan...
    PS Il manga che ho amato di più, invece, è stato Luna (pubblicato sulle pagine del giornale di Candy Candy) che sfortunatamente non è mai stato realizzato come amine.

    RispondiElimina
  3. Io amavo più il manga del cartone animato, non mi perdevo un solo numero. anche se, come Diletta, preferivo la storia di Luna oppure quella di Susy del far west. Mamma mia, quanto mi hanno fatta sognare! :-)

    P.S. Ma come si fa a non ricordarsi la scena del bacio? La mandavano in onda ogni 5 minuti nel cartone animato! :-P

    RispondiElimina
  4. Io in realtà tifavo Albert. Nonostante mi avesse suscitato compassione Susanna, Terence, lasciandosi incastrare, mi deluse troppo. E poi un principe è sempre un principe. E la figura del principe della collina ha donato tanti sorrisi a Candy, ed Albert l'ha consolata tante volte.
    Anche se i miei preferiti erano i cartoni sportivi... Mila, Mimì, Hilary...

    RispondiElimina
  5. Io ho le puntate registrate in VHS ma non so se siano ancora integre. E' una vita che non le guardo ma io tifafo per Terence. Quanti bei ricordi.
    Sto seguendo di nuovo Sailor Moon. Quanti bei ricordi!
    E vorrei segnalarvi un anime che sta andando in onda su Man-ga (Sky): La rivoluzione di Utena. ^_^ Senza censure.

    RispondiElimina
  6. Credo che Candy Candy mi condizioni ancora adesso... rivederla su youtube e soprattutto leggere i commenti mi fa sentire meno strana nell'averne una gran nostalgia... Fra Anthony, Terence e Albert? Anthony, per l'uomo che stava diventando, anche se non nego di subire ancora il fascino degli altri due hehehe... grazie!!!

    RispondiElimina
  7. Io sto ancora aspettando il mio Albert...

    RispondiElimina
  8. Grazie a questo anime io ho scelto di fare l'infermiera alla bella età di 8 anni! Per fortuna si è rivelata la professione per cui ero portata... E visto che mio marito è rimasto senza lavoro non finirò mai di ringraziare questa fortunata ispirazione grazie alla quale ho tantissime soddisfazioni e che mi permette di sostenere la mia famiglia. Per me il vero amore di Candy è Terence anche se mi è rimasto l'amaro in bocca per la loro separazione. Ciao Mony

    RispondiElimina
  9. Anche molti maschietti come me tifavano per Terence, il più carismatico dei tre.

    RispondiElimina
  10. Speriamo che non sia l'unica quarantenne qui a sospirare ancora dopo trentannni riguardo la storia d'amore fra Candy e Terence.
    Candy per me e'sempre stata piu' di un carattere animato, ma un'amica, un'ispirazione che mi ha portata ad essere la persona che sono oggi ...
    Di recente sono venuta a sapere che dopo una lunga e piuttosto futile battaglia legale fra la Mizuki e la Iragashi, che la prima ha pubblicato nel 2010 il finale della storia di Candy in una novella in due volumi... Purtroppo ancora non si sa se quella benedetta( per non usare altri termini) casa editrice Giapponese dara' il permesso di farla tradurre in varie lingue, nonostante l'espresso desiderio da parte della Mizuki, ovvero Nagita Keiko...
    Quello che sono riuscita a scoprire da diverse fonti e' che in questi due libri e' che Candy vive negli anni 30'e riguarda indietro al suo passato, fa' riferimenti storici negli Stati Uniti e UK... Ci sono molte lettere da leggere!!!
    Per quanto riguarda il fatto che Candy si sposa con Albert,
    c'e' la possibilita' che Candy abbia vissuto in parte con lui ma che comunque alla fine lei stessa dichiara di trovarsi tra le braccia della persona che ama piu' di ogni altra cosa.... Terence Graham Grandchester... Vivono in Uk di fronte al fiume Avon, possibilmente Bath, data l'influenza letteraria della Mizuki con le opere vittoriane di Jane Austen... Incrocio le dita e spero che forse come voi posso darmi pace nel sapere che finalmente Candy e' davvero felice adesso( ho un nodo alla gola, lo confesso!!)
    P.S. Nella puntata finale di Candy( La verita')Candy apprende dai giornali che Terence allora viveva a Londra, che era tornado a recitare con la sua compagnia teatrale e che si era separato(divorziato?) da Susanna Marlowe.... Beh, dal libro si e' appreso che Susanna muore...
    Candy inoltre partecipa alla festa del fidanzamento ufficiale di Archie con Annie e un anno dopo al loro matrimonio....
    Adoro il principe della collina, ovvero Albert, ma sono sempre stata innamorata di Terence dal momento in cui l'ha chiamata Tarzan tutta lentiggini!!!!Cosi', scusa Albert ma tifo per Terence!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E no cara Selvaggia ti posso assicurare che non sei la sola a cui pur dopo tanti anni la storia tra Candy e Terenece è rimasta nel cuore! Molto intressante e sentito il tuo commento a riguardao. Ti ringrazio moltissimo di averlo lasciato e spero tornerai a visitare il nostro blog.

      Francy

      Elimina
    2. Io pure Selvaggia, sono over 40 e proprio ieri, senza un motivo o una ragione, mi sono andata a rivedere su youtube le puntate di Candy! Allegra, ottimista, coraggiosa, indifferente alle opinioni altrui, generosa.... Bellissimo esempio :)

      Elimina
  11. Susanna la migliore!!

    RispondiElimina
  12. io ero e lo sono ancora innamorata di albert perchè completo. non capisco chi dice che è noioso! albert è libero, anche lui si ribella alle convenzioni, ama la libertà, non si vanta, non è egoista, ama gli animali e la natura. quello per terence è l'amore adolescenziale, con più passione e colpi di scena, ma albert è l'uomo su cui puoi contare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, concordo pienamente! Anthony secondo me rappresenta la prima cotta innocente, Terence l'amore emotivo adolescenziale, Albert l'amore adulto.
      E' anticonvenzionale anche lui, ma in modo profondo e consapevole e motivato da ideali mentre Terence è solo il ribelle per partito preso tipico degli adolescenti. Albert non è un ribelle, è solo anticonvenzionale, è maturo e sceglie di vivere la vita liberamente (finchè è giovane) e poi di assumere il ruolo che ha per nascita e le relative responsabilità quando diventa adulto. E' altruista, onesto, coraggioso, ama la natura e la libertà.
      Diciamolo, Terence è lo stereotipo del "bel tenebroso" del teppistello ribelle che da sempre fa battere il cuore quando si è ragazzine immature; Albert è lo stereotipo dell'uomo forte, affidabile e dai nobili ideali (del resto il "principe" si rivela essere lui) che lo fa battere quando siamo più grandi.. :)

      Elimina
  13. a me e'sempre piaciuto Terence, rappresenta il ragazzo che alle donne piace...Avrei preferito che nel cartone ci fossero stati piu'baci tra Candy e Il Grandchester come x esempio nel cartone di Giorgie...mah! cmq ho sognato tanto con loro e x me restera' sempre la speranza di un continuo da guardare in tv.Baci

    RispondiElimina
  14. Terence , terence , decisamente Terence!!! Da bambina anche io ero innamorata di lui ( ahahah..la prima cotta ), bello , tenebroso e affascinante! Aver saputo che alla fine Candy finiva con Albert mi ha deluso moltissimo! Spero che pubblichini presto i due romanzi nuovi di Candy in lingua italiana e cio' che ha scritto Selvaggia mi rincuora, anche secondo me Terence e' l ' amore vero di Candy...bhe' staremo a vedere e nel frattempo, tornado un po' bambine, sognamo questo bel finale :)

    RispondiElimina
  15. Amo Candy Terence Albert Anthony suor Maria miss pony tutti nel cuore vorrei tanto trovare gli ultimi numeri dei fumetti che mu mancano help me....... ciao da Fonte

    RispondiElimina

I VOSTRI COMMENTI ARRICCHISCONO IL BLOG! GRAZIE. (Se li lasciate ricordatevi di firmarli, ci piace sapere chi siete!)
I commenti contenenti offese o un linguaggio scurrile verranno cancellati.

SEGUITE TRAMITE EMAIL

I RACCONTI RS SELEZIONATI DAL BLOG ORA IN EBOOK!

I MIEI PREFERITI / ROMANZI A 5 CUORI !

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

I contenuti e le immagini sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi ed appartengono ai loro proprietari. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei propri diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK
Clicca sull'immagine e vai alla nostra pagina FB

NOI CON VOI...GUARDA IL VIDEO!